HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

martedì 14 aprile 2009

Iron Man in versione chibi per il Giappone

Chibi in giapponese significa “piccolo bambino”. Chibi è anche lo stile della caricature che trasformano i personaggi della cultura popolare in tenerissimi bambini (su comicsblog potete vedere una gallery dedicata a questo stile).
Ora anche gli invincibili supereroi Marvel scoprono il loro lato infantile grazie a una serie di giocattoli della giapponese Asunarosya. Si comincia con Iron Man, che potete vedere qui a fianco. L’Iron Man bebè ha una testa oversize e contiene all’interno della sua pancia altri 2 Tony Stark come se fosse una matrioska.
Prossimamente arriveranno altri pupazzi dedicati ai supereroi Marvel in versione chibi.

Flop al botteghino americano per Dragonball

Peggio di Street Fighter: la Leggenda di Chun Li. Sembrava impossibile ma questo è successo con DragonBall Evolution al box office Usa. 4,721,110 dollari incassati dal primo al suo weekend d’esordio, 4,650,000 dollari quelli portati a casa da Goku, per un risultato che definire drammatico per la Fox è dire poco. 100 i milioni di dollari di budget, senza contare l’enorme campagna di lancio, per un titolo che difficilmente riuscirà a superare i 10 milioni di dollari d’incasso negli States. Fino a 2 settimane fa si parlava di un sequel già pronto, a questo punto da considerare assolutamente accantonato. Portare avanti il progetto sarebbe un autentico suicidio…
Sicuramente non un successo. DragonBall Evolution non sfonda nemmeno in Italia, evitando però di floppare come negli Usa. 927,000 sono stati gli euro incassati dal film, con 146.650 spettatori paganti. Un esordio discreto per un titolo che difficilmente però potrà riuscire a superare il tetto dei 3 milioni di euro.
Si può dire che i produttori Hollywoodiani hanno ucciso la gallina dalle uova d'oro creata da Akira Toriyama.

Concorso PRIMO FUOCO 2009

PRIMO FUOCO 2009, premio per giovani autori di opere fumettistiche: ITALIANI BRAVA GENTE - Il tema del razzismo nelle storie dei giovani fumettisti. Il razzismo e il pregiudizio nell'Italia di oggi diventano soggetto di Primo Fuoco, terza edizione del premio per giovani autori di opere fumettistiche che quest'anno ruoterà attorno al titolo: "Italiani brava gente, storie di ordinario razzismo".
Promosso da Comune di Cavriago, Arci di Reggio Emilia, Anafi e CGIL provinciale di Reggio Emilia, l'obiettivo di Primo Fuoco è stimolare e promuovere l'impegno creativo dei giovani artisti che lavorano col fumetto.
Il bando del Premio (scaricabile dal sito http://www.arcire.it e http://www.comune.cavriago.re.it , http://www.cdltre.it ) richiede che le tavole fumettistiche contengano una rielaborazione del tema "totalmente libera e personale".
Aperto ad artisti provenienti da tutta Italia e che non abbiano superato i 34 anni, Primo Fuoco premierà con un buono spesa del valore di 300 euro il primo classificato.
Saranno selezionati anche la storia più originale, il miglior disegnatore e il miglior autore under 15, ma in questi casi con un buono spesa da 100 euro.
Tutte le opere pervenute agli organizzatori saranno esposte nella sala mostre del Comune di Cavriago e i premi verranno assegnati in concomitanza con l'inaugurazione della mostra il prossimo 19 settembre. Per partecipare c'è tempo fino al 30 giugno.
L'unico punto di consegna per la presentazione delle domande di partecipazione è presso la sede di Arci di Reggio Emilia (via Emilia Ospizio, 102).
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.