HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

venerdì 12 dicembre 2008

L'orologio a cucù dei Simpsons a forma di taverna di Boe

The Simpsons, la famiglia più simpatica e gialla d’America torna con un originale orologio a cucù, ma questa volta la location è la taverna dello scontroso Boe, (il cui nome, nella serie americana dei Simpsons è Moe) dove Homer è solito passare le sue giornate ubriacandosi insieme ai fedeli amici: il rumoroso Barney, Lenny e Carl, i suoi due compagni di lavoro.
Il mitico Homer dopo aver fatto il pieno della sua adorata birra Duff, pronunciando la frase “Woo Hoo!” farà la sua uscita dalla taverna, strappandovi un simpatico sorriso. Grazie ad un sensore presente nell’orologio, Homer rimarrà all’ interno del locale durante la fase buia ed eseguirà la sua comparsa in presenza di luce. Questo simpatico cucù riprodotto nei particolari e abbellito da un boccale di birra e uno di olive in salamoia lo trovate al prezzo di circa 35 euro.

XIII di Van Hamme diventa una mini-serie TV

Continua il successo internazionale del capolavoro di Jean Van Hamme e William Vance: XIII.
Dopo il videogame, verrà messa in onda negli Usa sulla serie televisiva NBC una mini-serie tv tutta basata sulle avventure di XIII. Nbc ha rilasciato le prime immagini tratte da questo progetto che verrà trasmesso nei giorni otto e quindici febbraio 2009!
Tra le celebrità che hanno preso parte alle riprese ricordiamo: Val Kilmer, Stephen Dorff, Stephen McHattie e Jessalyn Gilsig. In Italia XIII è stato pubblicato integralmente da Panini Comics.

Nuovi sogni: inaugura oggi la mostra dedicata a Milo Manara

Milo Manara sarà il protagonista della prima edizione del Venice Comic Art Fest, primo Festival Internazionale d’Arte del Fumetto di Venezia, con la mostra Nuovi sogni che verrà inaugurata oggi 12 dicembre alle ore 18 alla Fondazione Querini Stampalia.
L’esposizione propone al pubblico oltre trecento tra tavole, illustrazioni e quadri ad olio mai esposti prima di oggi, gran parte dei quali del tutto inediti in Italia.
Tra queste le tavole di 46, il fumetto scritto con Valentino Rossi e di cui il motociclista è protagonista, le tavole della saga dei Borgia, sceneggiato da Alejandro Jodorowsky, e le strisce di Pandora, fumetto inedito disegnato su sceneggiatura di Vincenzo Cerami.
In anteprima assoluta si potranno inoltre ammirare una serie di schizzi preparatori e studi di ambienti e personaggi che Milo Manara ha realizzato per il film Barbarella, produzione hollywoodiana che vedrà dietro alla macchina da presa il regista Robert Rodriguez, e il progetto di un film mai realizzato: un’Odissea con protagonista un Ulisse con il volto di Pier Paolo Pasolini.
Per la mostra veneziana Manara ha dipinto l’illustrazione della locandina, una sensuale gondoliera dark, e alcuni quadri ad olio che raccontano Venezia e che si inseriscono nel progetto del “Pittore e la modella”. Spazio anche al teatro con le illustrazioni di Manara per l’ultimo spettacolo di Riondino e la locandina acquerellata di Giacomo Casanova - La notte dei posteri, musical teatrale di Enzo Iacchetti.

Il programma completo del Festival è su www.venicecomicartfest.com

Milo Manara. Nuovi Sogni
12 dicembre - 11 gennaio 2009
Fondazione Querini Stampalia

Info
Venice Comic Art Festival
12-13-14 dicembre 2008
Ex Palazzo del Casinò del Lido di Venezia
www.venicecomicartfest.com
www.querinistampalia.it
info@veneziacomix.com

Il Sognatore - Cagliostro ePress lancia la Collana Bonsai

Il fumetto ideale da leggere in metropolitana, che non sia troppo ingombrante, né troppo pesante è un fumetto formato bonsai!
L’ultima idea di Cagliostro ePress è stata quella di lanciare un prodotto dalle dimensioni atipiche, dalle misure 11cm per 16 cm, con 64 paginette complete di introduzioni e note finali. Il primo albo tascabile (appartenente alla nuova Collana Bonsai) è il primo numero (di 3) de Il Sognatore.
Autore del soggetto (contemporaneamente sceneggiatore e disegnatore) di questo esperimento editoriale è the Marius, ovvero Mario Lucio Falcone, classe 1983 e già noto sul web per la fanzine PippaMentis. La caratteristica principale del suo fumetto è quella dell’aver scelto come ambientazione la città di Aversa. La scelta è giustificata da alcuni elementi: nel 1030 è stato uno dei primi insediamenti dei Normanni, ha un patrimonio culturale non indifferente (tantissime chiese) ed è nota per il famoso manicomio preceduto storicamente dalla colonia penale del Regno di Napoli.
Mescolato ad un’ambientazione così complessa c’è tutto il fascino dell’antico Egizio, con i suoi rituali mistici, intriganti e pericolosi.
Cosa è il destino? La promessa di un amore eterno… Si infrange contro la realtà. Al tramonto… i cocci della mia essenza e un antico oggetto… daranno vita ad un nuovo percorso. Il Sognatore. Storia dell’uomo della strada. The Marius, al secolo Mario Lucio Falcone, ci porta in un viaggio psichedelico alla ricerca dell’ombra e della luce, dove la via è solcata da un oggetto antico che risplende come una fiamma nella notte che ottenebra la mente del protagonista.
A pensarci bene questo formato è la risposta a coloro che tentano di lanciare comics e manga vari su dispositivi portabili come cellulari e i-phone. Il piacere di sfogliare le pagine, di percepire la carta sotto le proprie dita è insostituibile.
La parte introduttiva de Il Sognatore è abbastanza lontana dalle tematiche principali che vuol affrontare the Marius nel corso dell’opera. L’autore presenta profonde riflessioni per introdurre il protagonista, un nerd armato di maglietta di Superman e sigaretta, e per commentare lo stato sentimentale di quest’ultimo. Ne esplora il lato passionale, mostra i risvolti di un amore impossibile diventato realtà e minacciato dall’inesperienza e dall’egoismo. Dopo improvvisamente tutto precipita in una serie di eventi frenetici, dove misteriosi riti e amuleti, morti e mostri inaspettati, costringono il barbuto ragazzo alla fuga. Nulla sarà più lo stesso nella cittadella di Aversa dopo il contatto con una Ankh, la croce egizia, la croce della vita, della morte e del cosmo.
L’idea di fondo è simpatica; una volta letto questa prima parte non si rimane indifferenti e qualche domanda sul “come va a finire” può attraversare la mente del lettore. La lettura integrale e non spezzettata de Il Sognatore sarebbe preferibile per inserirsi senza distrazioni nelle atmosfere surreali. Il tratto non è ancora maturo: The Marius ha del talento, imposta bene le sue tavole e la sceneggiatura migliora pagina dopo pagina, lasciandosi apprezzare soprattutto nelle scene di fuga.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.