HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

domenica 30 novembre 2008

I Cavalieri dello zodiaco Gigantomachia concorso

Vi segnaliamo un concorso che sicuramente interesserà gli illustratori e gli amanti di Saint Seiya.
Infatti è stato lanciato un nuovo concorso a tema speciale! Tuttocartoni e Kappa Edizioni presentano: Gigantomachia il concorso legato al nuovissimo romanzo dei Cavalieri dello Zodiaco, la saga che Masami Kurumada non ha disegnato, ma solo scritto! Adesso tocca a voi leggere il romanzo e disegnarlo, per partecipare a questa iniziativa.
Ripetiamo: il concorso è basato esclusivamente sul romanzo intitolato Gigantomachia, non sulle altre serie animate, sui fumetti ecc… Vi basta interpretare una scena a vostro piacimento e produrre un’illustrazioni a colori! Per partecipare cliccate qui, dove troverete tutte le regole e soprattutto il bando.

Milo Manara, possibile Biennale del Fumetto a Venezia

La mia prossima esposizione a Venezia potrebbe essere il primo passo per una Biennale del Fumetto in questa città, una Biennale che avrebbe Hugo Pratt come nume tutelare. Sarebbe un sogno che partisse a Venezia una Biennale del Fumetto, e sapere che questa mostra ne potrebbe essere il primo passo mi riempie di gioia”. Dalle pagine del Gazzettino Illustrato, mensile indipendente veneziano (Calliandro Editore) diretto da Daniele Pajar, Milo Manara si racconta in esclusiva e anticipa i contenuti della mostra Nuovi Sogni che sarà inaugurata alla Fondazione Querini Stampalia il 12 dicembre, evento di punta della prima edizione della rassegna Venice Comic Art Fest.
Per Nuovi Sogni il grande artista ha realizzato appositamente molte opere, tra cui due quadri ad olio della serie del Pittore e la modella: “Dovendo scegliere uno tra gli artisti immensi che ha dato Venezia, ho voluto fare un omaggio a Tiziano, per la capacità di trasmettere quella sensualità profondamente veneziana. Il secondo quadro l’ho voluto dedicare a Paolo Veronese, allo spirito edonistico e libero che incarna. Entrambi gli artisti che ho scelto non sono veneziani di nascita ma hanno contribuito all’importanza di Venezia, una città che è stata polo d’attrazione per geni che poi hanno ricambiato facendola grande”. Come spiega Manara al Gazzettino Illustrato: “Praticamente tutte le opere esposte sono inedite: è il contrario di un’antologica, si potrà vedere tutto quello che in questo momento sta bollendo in pentola. Fumetti come Borgia, scritto con Jodorowsky e Pandora, scritto con Vincenzo Cerami, saranno pubblicati in Italia il prossimo anno e a Venezia si potrà vederli in una speciale anteprima. Ci sarà anche una parte del grande lavoro fatto per Dino De Laurentis per il film di Barbarella”.
E sempre a proposito di cinema, l’artista rivela: “Ho voluto mostrare le idee per un film che è ancora in piedi sull’Odissea. Ci terrei molto perché vedesse la luce, visto che si inventano un sacco di storie nuove per i cartoni animati senza pensare che ai bambini bisognerebbe insegnare la base della nostra cultura. Avevo pensato di proporre l’Odissea vista attraverso gli occhi di un bambino, Telemaco, mettendo in risalto lo spirito profondamente pacifista dell’opera”.Al Gazzettino Illustrato Milo Manara esprime poi tutto il suo amore per la città lagunare: “Venezia è la dimostrazione di dove possono arrivare gli uomini quando sono in uno stato di grazia particolare. Uno dei massimi punti di arrivo della civiltà umana è Venezia: costruire una città simile su quattro isolotti lascia semplicemente stupefatti. È la città più bella, abitabile, affascinante. È unica in testa alla mia personale lista delle città. La mia massima aspirazione è quella di andare ad abitarci, ma mi ferma solo il fatto che non lavorerei più: sarei sempre in giro ad ammirare la città”.
Infine, un ricordo curioso legato alla sua adolescenza: “Per fare gli esami di maturità al liceo artistico era necessaria l’ammissione e così, verso la fine del liceo, per ottenere il diploma, ho dovuto dare l’esame a Venezia. Quando sono andato a farlo mi hanno messo davanti un vasetto di ciclamini da ritrarre e, forse, ho peccato di superbia e ho un po’ esagerato, facendomi bocciare. Per fortuna l’anno dopo hanno tolto questo esame e ho fatto comunque la maturità”.

Hells Angels: il trailer del anime tratto dal manga di Sin-Ichi

Quando muori e ti mandano a scuola, si sto parlando di Hells Angels, il nuovo anime di Madhouse, tratto dall’omonimo manga di Hiromoto Sin-Ichi e Yasushi Nirasawa (pubblicato in Italia da Star Comics). Nei giorni scorsi Madhouse ha presentato il trailer del nuovo film che mescola l’horror alla commedia demenziale.
La storia è quella di Rinne, una ragazza che per salvare un gatto viene investita da un’auto. Rinne muore e si ritrova a Deathtiny Land, un girone infernale in cui, frequentando il locale liceo, può prendere il diploma per andare in Paradiso.
Rinne però non è del tutto morta: scopre infatti di essere l’unica studentessa della scuola in grado di sanguinare. Con l’aiuto dell’amica Stila cercherà di tornare nel mondo dei vivi.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.