HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

sabato 11 ottobre 2008

Evangelion: 1.01 You Are (Not) Alone - Trailer TV

Il countdown sul sito della Dynit segna 19 giorni: tanto devono attendere i fan di Neon Genesis Evangelion per gustare la versione italiana di Evangelion: 1.01 You Are (Not) Alone, il primo di quattro film/remake che ripercorreranno (e rivisiteranno) la saga ideata da Hideaki Anno.
Tecnicamente ineccepibile, il primo capitolo della serie Rebuild riassume quello che succede durante i primi 6 episodi della saga, dall’arrivo di Shinji Ikari a Neo Tokyo 3 fino alla lotta con il terribile angelo Ramiel, che costringe la Nerv a utilizzare tutta l’energia elettrica del Giappone per sconfiggerlo.
Hideaki Anno ha inoltre aggiunto nuove scene e inquadrature diverse, rendendo Evangelion: 1.01 You Are (Not) Alone un prodotto a tratti diverso dalla serie originale, ma integro e perfettamente in linea con la storia dell’anime.
Aspettando notizie certe sulla pubblicazione del secondo film della serie Rebuild (in uscita nel 2009), gustiamoci un piccolo trailer non ufficiale preso dalla Tv giapponese.



Gran Pavese Rossoblu: riconoscimento alla memoria per Andrea Pazienza

Tempo di Gran Pavese Rossoblu. L'ambito riconoscimento verrà consegnato lunedì 13 ottobre alle 11 in Comune, nell'ambito delle celebrazioni per la festa di San Benedetto Martire.
Otto premi, di cui uno alla memoria, scelti su proposta del sindaco Giovanni Gaspari e la collaborazione degli ex sindaci della città, di due capigruppo in Consiglio comunale e del Circolo dei Sambenedettesi.
Il premio alla memoria va ad Andrea Pazienza, sambenedettese di nascita e di sangue (materno). Motivazione: "I suoi disegni sono una festa per la mente e per gli occhi, un condensato di intelligenza e abilità creativa. L'abbraccio della città ad un artista che ha saputo dare forma ai sogni e alla fantasia, mantenendo un contatto critico, attento e lucido con la società, di cui è stato osservatore tra i più originali. Il rimpianto per la sua scomparsa è malinconicamente bilanciato dalla sua opera, immune alle ingiurie del tempo".

Poi troviamo la docente Anna Lunerti ("Donna di grande sensibilità culturale e docente molto stimata, si è dedicata con profonda passione alla conservazione e divulgazione del dialetto nella scuola, sulle scene teatrali e in occasione di publiche letture, trasmettendo anche alle nuove generazioni i valori formativi delle tradizioni locali"), inteprete della sambenedettesità più verace anche con la compagnia Ribalta Picena.

Gabriele Cavezzi: grande narratore, impegnato storico locale, "ha contribuito alla crescita socio-culturale della città applicandosi con instancabile lavoro allo studio delle memorie cittadine, cui ha dedicato opere che rappresentano un patrimonio prezioso. Ha inoltre promosso la diffusione dell'atletica, risultando così un doppio punto di riferimento per i giovani".

Paolo Beni: "Fiorentino di nascita ma sambenedettese d'elezione, ha dato lustro al nostro calcio totalizzando il maggior numero di presenze in campionato con la maglia rossoblu". Gaspari lo ha paragonato a Giacinto Facchetti per la sua storica correttezza in campo, aggiungendo un richiamo non velato all'attuale terzino della Samb Padula: «Beni è uno che non si sarebbe mai tolto la maglia calpestandola dopo un'espulsione».

Lea Emili: "Ha praticato dall'età di undici anni un silenzioso e prezioso lavoro quotidiano di artista del ricamo. Ha poi trasmesso e divulgato i segreti di quest'arte, ed un messaggio di amore autentico, a generazioni di donne presso il laboratorio avviato da suor Maddalena". Per Gaspari si tratta anche di un premio alla memoria dell'Asilo Merlini.

Orlando Marconi: "La sua lunga e operosa vita coincide con una parte non secondaria dello sviluppo economico della città, quella dell'industria del freddo. Straordinario ideatore di imprese economiche non soltanto in tempi lontani, ma ancora di recente, ha creato migliaia di posti di lavoro e onorato la città in Italia e all'estero".

Federico Pignati: "Per una vita spesa nella lavorazione e nel commercio della canapa, e nella pesca, come lavoratore e poi imprenditore, tra San Benedetto e il Perù, dove acquistò grande prestigio e ricoprì anche l'incarico di sindaco. La città è riconoscente ad un uomo affabile e colto, disponibile con gli altri e lucido, ancora oggi residente nel cuore antico dell'area un tempo occupata dai funai di grosso".

Vincenzo Ricci: "Ultimo di sette figli in una famiglia sambenedettese di profonde tradizioni marinare, appartiene alla dinastia dei Rapepè, ed ha dedicato un'intera epica vita al mare, come pescatore, armatore e commerciante. Ha inoltre conosciuto la dura esperienza della guerra imbarcato sul sommergibile Benedetto Brin, indi la prigionia nei campi di concentramento tedeschi fino al 1945. Oggi è uno dei maggiori testimoni della storia della nostra marineria".

La freccia di Ulceda di Antonio Faeti

Un viaggio, molto illustrato, nel mondo dei comics: da «Il Principe Valentino» di Foster al «Kinowa» di Lavezzolo, da Bilal a Paparella, da Crepax a Toppi, da Tofano a Villa a mille altri con citazioni di film, libri, quadri: è «La freccia di Ulceda» di Antonio Faeti (Coniglio Ed., pp. 180, e 18,50). Un titolo molto bello per un libro che ripercorre la storia del fumetto, delle immagini, dei segni: Ulceda è infatti la figlia del capo Gran Falco della Prateria, graziosa squaw protagonista della prima serie western italiana, realizzata nel 1935 dal grande Guido Moroni Celsi.
«Non ho mai interrotto il mio amore infantile per il fumetto», confessa Faeti, e il libro è così dedicato con complicità al fratello Benny: «Ai giochi dell'Erp, all'Usis, all'hockey su prato, ai dischi di Frankie Lane suonati al Baraccano, al carro armato di Bastogne, alla Giulietta Sprint dell'estate 1957...».
La decisione di ripubblicare questi saggi, usciti negli Anni 80 su «Comic Art» e «L'occhio del gatto», è venuta a Faeti dopo una visita ad «Arte Fiera» a Bologna dove ha ripercorso le tendenze artistiche con la sua lente di docente di Grammatiche della Fantasia (che stupenda dizione!) all'Accademia di Belle Arti. Affermando che «si dovrebbe, finalmente, dire quanto il fumetto sia diverso e come abbia conquistato un territorio dove altri modi di narrare non possono entrare». Quando esce «L'alba dei morti viventi», primo albo del Dylan Dog di Sclavi nel 1986, Faeti scrive: «La storia mi ha attratto, convinto, divertito, perfino un po' spaventato». E per «Fuochi» di Mattotti osserva: «Questo sogno di parole e di immagini, questa soda, ossimorica impalpabilità, gli altri strumenti non la comunicano. Forse è questo, il fumetto».

Kostner e Winx, star sul ghiaccio

La medaglia d'oro agli Europei di Zagabria per il pattinaggio artistico, Carolina Kostner, sarà un'aspirante fata in "Winx on Ice", che debutta dal 6 novembre al DatchForum di Assago (Milano) in prima mondiale. "Winx on ice" è una produzione da 3,5 milioni di euro che vedrà per la prima volta le sei fatine pattinare sul ghiaccio in un musical che, da Milano, farà il giro d'Italia per poi andare in tournée anche all'estero dall'anno prossimo.
In tre tappe (Milano, Torino e Roma), la protagonista 'umana' sarà Carolina Kostner, che interpreterà appunto il ruolo di Carolina, un'aspirante fata appassionata di poesia che dovrà combattere assieme alle Winx contro i malefici delle perfide streghe Trix. Saranno ben trenta gli artisti in scena e cento i tecnici impegnati per allestire uno spettacolo che potrà contare sulle coreografie di Alberta Palmisano, sulle musiche di Fabio Serri, sulle scenografie di Gioforma e sulla regia di Salvatore Vivinetto, che aveva curato anche il precedente spettacolo teatrale "Winx Power Show".
"Sarà un'esperienza fantastica - ha spiegato Carolina Kostner, campionessa europea di pattinaggio - ma è ovvio che io rimango un'atleta e quindi potrò partecipare solo a tre tappe per non perdere troppo tempo per gli allenamenti. Ma sono cresciuta in una famiglia molto artistica e mi sento molto legata all'arte, e quindi questa è un'esperienza che mi interessa molto di più di un programma televisivo".
"Winx on Ice", seguendo la tendenza attuale che vede gli spettacoli su ghiaccio in ascesa in termini di gradimento, si prepara a inaugurare una tournée mondiale nei più importanti palazzetti e palaghiaccio delle maggiori città d’Europa, Asia e Sud America. Una carovana che conta circa 30 artisti in scena, 100 tecnici, 12 tir a seguito, 20 proiettori video ad alta risoluzione, 80.000 Watt di impianto audio, 250 proiettori luce e circa 200 metri di struttura di americana, verrà portata in tournée: nel 2009, Francia, Germania; nel 2010, Russia, Olanda ed Asia e nel 2011, Sud America.
Una curiosità: si chiamerà "Winx Club on tour" e sarà la versione rinnovata e dal taglio internazionale che ricalca le orme di "Winx Power Show" (lo spettacolo teatrale che negli anni scorsi in Italia ha riscosso un enorme successo) ad andare in tour: nel 2008, in Portogallo, Spagna e Turchia e nel 2010, in Grecia e Europa dell’Est.

INFORMAZIONI TOUR 2008/2009

dal 6 al 9 novembre Datchforum Assago (Milano)
Prezzi spettacolo:
giovedì e venerdì € 22/€ 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 55 - pacchetto famiglia € 88/€ 115,50
sabato e domenica € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 66 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

15 e 16 novembre Vaillant Palace Genova
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 22/€ 33/ €44/€ 66 – pacchetto famiglia € 88/€ 115,50

22 e 23 novembre Futur Show Station Bologna
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 66 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

29 e 30 novembre Mandela Forum Firenze
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 66 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

6 e 7 dicembre PalaTrieste Trieste
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 88 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

13 e 14 dicembre PalaNet Padova
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 27,50/ € 38,50/€ 44 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

dal 20 al 21 dicembre PalaPartenope Napoli
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 22/€ 33/ €44/€ 66 – pacchetto famiglia € 77/€ 99

26, 27 e 28 dicembre Palavela Torino
Prezzi spettacolo:
sabato e domenica € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 66 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

2009
dal 2 al 6 gennaio Palalottomatica Roma
Prezzi spettacolo:
feriali € 22/€ 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 55 - pacchetto famiglia € 88/€ 115,50
festivo € 27,50/€ 33/€ 38,50/€ 44/€ 66 – pacchetto famiglia € 104,50/ € 137,50

17 e 18 gennaio Palazzetto di Acireale Catania
Prezzi spettacolo da confermare
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.