HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

venerdì 5 settembre 2008

Watchmen Movie, fissata al 6 gennaio la prima udienza col giudice

Vi avevamo parlato di come la Fox, sostenendo di possedere ancora i diritti cinematografici di Watchmen, abbia intenzione di bloccare la distribuzione del film diretto da Zack Snyder e prodotto dalla Warner Bros..
Ora la prima udienza per presentare il caso alla corte è stata fissata per il prossimo 6 gennaio e tutto fa supporre che le cose andranno avanti per diversi mesi, a meno che le due parti in causa non arrivino a un compromesso pecuniario per finire il contenzioso.
LA Warner Bros. da canto suo continua a mantenere il 6 marzo come data di uscita della pellicola negli USA.

E' morto Bill Melendez fece vivere in tv Snoopy e Charlie Brown

E' morto uno degli eroi della mia infanzia, un uomo che forse più di tanti altri mi ha insegnato a sognare. Bill Melendez, il disegnatore che portò in tv i celebri "Peanuts" di Charles Schulz contribuendo al loro successo mondiale, è morto a Los Angeles a 92 anni.
Melendez era nato nel 1916 in Messico, poi si era trasferito a Los Angeles con la famiglia. Lì iniziò la carriera di animatore. "Pinocchio" e "Fantasia" per la Disney, Bugs Bunny, Bambi, Babar: Melendez contribuì alle animazioni di una variegata galleria di personaggi di cartoni animati.
Poi venne l'idea di portare in tv Charlie Brown e i suoi amici, quei "Peanuts" creati da Charles M. Schulz nel 1950 per i giornali e che fino alla fine degli anni '50 erano apparsi solo sulle strisce a fumetti .
Nel 1959 Melendez, che all'epoca lavorava per la Ford, chiese a Schulz se poteva usare i suoi personaggi per alcuni spot pubblicitari. Il progetto piacque. I Peanuts approdarono in tv permettendo a Melendez di vincere otto Emmy Awards (chi non ricorda le splendide animazioni di Peperita Patty che Pattina sul ghiaccio?). Ma Schulz non restò in disparte. I due artisti, da allora, hanno sempre lavorato assieme, anche dopo che Melendez aprì uno studio di animazione indipendente: il sodalizio si interruppe solo nel 2000, quando Schulz morì.

Minaccia Rossa - un fumetto scritto dall'attore Adam Brody

Minaccia Rossa è un fumetto di Danny Bilson, Paul DiMeo, Adam Brody, Jerry Ordway e Al Vey.
Avete letto bene, anche Adam Brody, attore diventato celebre per la serie televisiva The OC (serie che per alzare gli ascolti ha strizzato più di una volta l'occhio agli appassionati di fumetti), ha contribuito a scrivere i testi di questo Red Menace. Il volume (17×26, B, 144 pp, col. € 12,50) è edito da Magic Press.
Segue la trama:

Durante un’inchiesta pubblica del Comitato per le Attività Non-Americane, il vigilante soprannominato Aquila decide di rendere pubblica la sua identità: è Steve Tremaine, eroe della Seconda Guerra Mondiale e patriota indiscusso! Il problema è che, durante quella guerra, americani e russi erano alleati, per cui Tremaine viene accusato di avere amici oltre la Cortina di Ferro e complottare con il nemico. Da un giorno all’altro, l’eroico Aquila diventa per tutti i media… la Minaccia Rossa!


La trama sembra un pò ricalcare la storia della DC post-crisis dove i supereroi della seconda guerra mondiale sono costretti a ritirarsi proprio da commissioni che li accusano di attività anti-americane, però bisogna ammettere che è una cosa che da oltre un decennio fanno in tantissimi (anche se preferiscono la Golden e la Silver age) come ad esempio il grande Alan Moore che si ispirò fortemente alle storie di Superman per il suo Supreme, perciò valutate voi se è la solita scopiazzatura da quattro soldi o un capolavoro che adora le citazioni.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.