HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

giovedì 4 settembre 2008

Uomo ragno rapina la posta poi fugge in sella a una bicicletta

Bicicletta per scappare e sul volto una maschera dell’Uomo Ragno. Non per uno scherzo, ma per fare una rapina. Vera. È avvenuto nella tarda mattinata di ieri, poco prima di mezzogiorno, quando nell’ufficio centrale delle Poste marianesi, in via Manzoni, a due passi dalla stazione delle Ferrovie Nord e ad altrettanti dal centro cittadino, hanno fatto irruzione due malviventi. I due, probabilmente italiani, sui vent’anni, uno dei quali a volto scoperto mentre l’altro con la maschera dell’eroe dei fumetti calata sul volto, sono entrati armati di taglierino negli uffici postali, dove a quell’ora si trovavano al lavoro diversi impiegati impegnati a servizi alcuni clienti che sono rimasti sbigottiti quando i due malviventi hanno fatto irruzione nell’ufficio postale.
In un attimo, minacciando di utilizzare l’arma da taglio che si erano portati con loro, sono riusciti a farsi consegnare in tutta fretta alcune banconote depositate negli sportelli dell’ufficio: in tutto non una gran cifra, qualche centinaia di euro, probabilmente sono riuscita a raccimolare nemmeno un migliaio di euro.
Per scappare, giusto qualche istante dopo il loro ingresso, l’improvvisato Uomo Ragno e il compare hanno usato un mezzo originale quanto l’insolito travestimento.
Sono infatti semplicemente saliti a bordo di due biciclette, probabilmente rubate, parcheggiate poco prima davanti all’ufficio, mettendosi subito a pedalare all’impazzata e riuscendo così a fare perdere le proprie tracce nella complicata e pianeggiante viabilità marianese. Forse proprio grazie a questo mezzo sono riusciti a divincolarsi fra le auto incolonnate e scappare così con maggiore facilità dopo il colpo.
Sul posto sono immediatamente arrivati i carabinieri della stazione locale ma dei due rapinatori ciclisti non vi era ormai più traccia. Sono stati ascoltati i testimoni che hanno assistito alla scena del «super eroe» che ha cercato di mettere a segno il colpo in posta e sono stati organizzati posti di blocco in tutto il territorio che non hanno però dato esito.
Il malviventi probabilmente erano già riusciti a fuggire lontano con il loro magro bottino. Sembra proprio che i rapinatori siano riusciti a farla franca. Se per le rapine in zona in passato si erano già visti assalti con capigliature colorate e maschere di ogni tipo, clown compresi, è la prima volta che per assaltare un ufficio postale si tira in ballo un travestimento ispirato a un eroe dei cartoon del calibro dell’Uomo Ragno.
Prossimo passo una maschera di Lupin III? Almeno sarebbero più a tema.

Thomas Jane non reciterà nel film di Jonah Hex

Da qualche mese gira in rete una foto (qui a fianco) che ritrae Thomas Jane, l’interprete di Frank Castle nel Punisher del 2004, truccato come Jonah Hex, il cowboy solitario di casa DC che gode di successo alterno dagli anni ‘70.
Ora Mark Neveldine e Brian Taylor, registi e sceneggiatori del film dedicato a Jonah Hex atteso per il 2010, dichiarano che Thomas Jane non è in alcun modo legato al progetto e che anzi nessun attore è ancora stato contattato per la parte.
Jane infatti si era truccato di sua iniziativa per proporsi come protagonista e far girare il proprio nome ma i due autori non lo trovano azzeccato per la parte. Dopo aver perso il ruolo del Punitore, un altro passo falso per Jane.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.