HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

sabato 16 agosto 2008

Harry Potter, slitta uscita del settimo film

Un puro calcolo da parte degli esperti di marketing e così il nuovo capitolo cinematografico della saga di Harry Potter slitta di otto mesi. La data di uscita per il sesto film della serie, "Harry Potter e il Principe Mezzosangue" è stata fissata a luglio 2009 rispetto a quella inizialmente prevista di novembre 2008. La Warner Bros ha giudicato più lucrativa l'uscita estiva.
Il film sarà nelle sale solo il 17 luglio del prossimo anno: irritati i milioni di fans del maghetto sparsi per il mondo. Alcuni trailer avevano già iniziato a circolare, annunciando l'uscita del film per novembre. La Warner Bros ha però deciso in extremis il cambiamento di programma giudicando più lucrativa l'uscita in estate, periodo nel quale l'industria di Hollywood realizza circa il 40 per cento dei suoi introiti medi annuali.
Il presidente della compagnia, Alan Horn, ha anche fatto riferimento alle ripercussioni dello sciopero, durato tre mesi, degli sceneggiatori. Uno sciopero finito in febbraio "ma che ha pregiudicato la preparazione di sceneggiature per altri film". Horn ha detto che la stagione estiva "è la finestra ideale per la famiglia, come provato dal successo del nostro ultimo film su Harry Potter".
Lo studio Warner ha anche comunicato che il cambio di data non altererà i piani di produzione per l'avventura finale di Harry Potter, settima e ultima storia della scrittrice britannica J.K. Rowling, che sarà divisa in due parti, e la cui uscita, relativamente alla prima parte, è prevista per novembre 2010.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.