HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

lunedì 11 agosto 2008

Da TokyoPop arrivano i manga di Star Trek classic

Tokyopop pubblicherà il prossimo marzo negli Stati Uniti un’antologia che raccoglierà i manga realizzati in omaggio a Star Trek a partire dal 2004.
La serie Star Trek The Manga è costituita da 3 volumi in cui le avventure dell’Enterprise vengono riviste con i disegni e ritmi tipici del fumetto giapponese.
Si tratta in tutto di quattordici storie ambientate all’epoca della serie originale. Qui ritroviamo dunque il Capitano Kirk, il Signor Spock, del dottor McCoy e gli altri protagonisti delle prime storie dell’Enterprise.
Da oggi è possibile acquistare e scaricare online i manga di Star Trek sul sito di TokyoPop.
La casa editrice, inoltre, vi chiede di votare la vostra storia preferita. Le più amate dai lettori saranno pubblicate a colori nell’antologia che sarà pubblicata la prossima primavera.

Ditko contro Lee: la guerra per la paternità dell'uomo ragno

Sulla prima pagina di un qualsiasi fumetto troviamo i nomi degli autori e dei disegnatori, ma se nominiamo Stan Lee e Steve Ditko ci vengono subito in mente tutti i più grossi personaggi dell’universo Marvel che per anni hanno riempito pagine e pagine di storie a fumetti. Sicuramente il primo che ci può venire in mente è sicuramente Spider-Man. Uno dei più grandi di sempre, ma una recente rivelazione scritta da Steve Dikto dove l’autore afferma di essere l’unico vero inventore si Spider-Man.
Questo è l’inizio di una guerra “Ditko contro Lee”? E questo il quesito che si pone Matt Tauber, che sul suo blog espone l’intera vicenda. Uno sceneggiatore può attribuirsi la completa e assoluta paternità su un personaggio a fumetti? Qual è allora il ruolo del disegnatore che, per primo, compone in immagini una serie? Mentre in Italia il sindacato di categoria SILF sta (combattendo con le lentezze e alle approssimazioni tipiche del legislatore italico) cercando di dare una risposta di legge a questi quesiti proprio per evitare scannamenti fra autori (giacché, si sa, il buon senso disponibile sul mercato non basta a evitare la violenza), negli USA Steve Ditko affronta la questione (che lo contrappone al suo vecchio collega Stan Lee) con una rara pubblicazione (The Avenging Mind) affidata alle edizioni di Robin Snyder. Non sappiamo come andrà a finire questa battaglia, ma potremo assistere a un clamoroso divorzio nel mondo del fumetto.

Eric Shanower adatterà Il Mago di Oz per la Marvel

Eric Shanower, autore de L’età del bronzo edito in Italia da Free-Books, scriverà un adattamento in 8 parti de Il meraviglioso Mago di Oz, romanzo scritto da L. Frank Baum e adattato in centinaia tra film, musical, cartoni animati e fumetti.
Parlando della miniserie edita dalla Marvel, che arriverà nei negozi americani il prossimo dicembre, l’autore ha sottolineato come sarà un adattamento estremamente fedele al romanzo originale per quanto riguarda la storia, incorporando passaggi solitamente tagliati in altri adattamenti. Inoltre le atmosfere saranno distanti dagli adattamenti visti fin’ora dato che sia lui che il disegnatore Skottie Young desiderano discostarsi dai classici del genere. Potete trovare alcune immagini in anteprima sul blog del disegnatore.

Nuovi rumors sul film di Venom

Il rumor si era diffuso alcuni mesi fa, e riguardava la Marvel: in realtà ora è stato ufficializzato che la Sony sta iniziando la lavorazione di uno spin-off di Spider-Man dedicato a Venom. Lo studio ovviamente non ha nessuna intenzione di parlare del progetto, e così MTV ha contattato il creatore del personaggio.
Nato vent’anni fa da una idea di David Michelinie (la storia di origini di Venom, mostrata anche in Spider-Man 3, venne scritta da lui), Venom è un minaccioso simbionte alieno che nel corso degli anni ha preso possesso di numerosi “ospiti” e si è rivelato essere uno dei villain più famosi della Marvel

Storie Brevi di Andrea Pazienza, il volume edito da Fandango Libri

Perso in uno sfondo verde fosforescente, Pippo cammina chiuso in un impermeabile alla Bogart. Il suo volto è una pistola e sta comunicando con un walkie talkie dalla enorme batteria che trascina come il carrello del supermarket. Con quest’illustrazione stralunata ma emblematica si presenta il volume “Andrea Pazienza – Storie Brevi”, edito da Fandango Libri, raccolta di tavole rare e inedite del celebre fumettista pugliese scomparso nel 1988 all’età di trentadue anni.
“Storie brevi” costituisce una vera e propria chicca per gli appassionati di fumetto in assoluto. In 167 pagine sono raccolte le tavole più rare mai pubblicate da “Paz”, nonché tavole del tutto inedite e alcuni storyboard che illustrano il lavoro assolutamente originale del fumettista.
La loro organizzazione, curata da Francesco Piccolo, è basata sulla suddivisione a seconda delle riviste sulle quali sono state pubblicate: Alter Alter, Linus, Cannibale, Il Male, Frigidaire, Tango e Zut, per un arco di tempo che va dal 1977 al 1987. Sono storie che vanno da una a tre tavole, spesso riportate nel loro formato originale, altre volte adattate in quanto provenienti da strip, cioè da vignette che compaiono solo in fondo alla pagina e si sviluppano in senso orizzontale. Ma nonostante la loro brevità, queste “storie” esprimono alla perfezione il talento visivo anarcoide di Andrea Pazienza, un tripudio di stile che spazia dal tratto semplice e nudo in bianco e nero a vignette cariche di colori e di baloon. Pazienza salta con disinvoltura da un genere all’altro senza mai prendersi troppo sul serio, cita altri fumetti e fumettisti (Walt Disney è quasi onnipresente, nel bene e nel male) e non indugia sulle contaminazioni dialettali e le piroette verbali, ulteriore affermazione di una genialità irriverente. Indubbiamente, tra le tante storie pubblicate per la prima volta o ripubblicate, spicca “Prolisseide”, sorta di (dis)avventura biografica nella quale Paz descrive “tutti gli uomini più importanti che mi hanno conosciuto”, da Fellini a Benigni, da Renato Nicolini a Lucio Dalla.
Il volume della Fandango Libri continua il lavoro incessante sulla riscoperta del lavoro e del personaggio Andrea Pazienza, omaggiato tra l’altro anche con un film (Paz!) diretto da Renato De Maria nel 2002. “Storie brevi” è quindi un ottimo e ulteriore compendio, che forse ha il solo difetto di glissare, nella pur acuta introduzione di Francesco Piccolo, su una panoramica generale del lavoro (e dei personaggi come Zanardi, Penthotal, Pompeo, Fiabeschi) del geniale illustratore, cosa che ai lettori neofiti probabilmente avrebbe fatto comodo

Dead Space scritto anche da Warren Ellis

Warren Ellis è noto agli appassionati di comics per aver firmato numerose collaborazioni con DC Comics, Marvel, Image Comics e la Wildstorm firmando, fra le altre, diverse serie come Judge Dredd, X-Men, Wolverine, Ultimates, Stormwatch ma soprattutto crea devi veri capolavori come Authority, Transmetropolitan e Planetary.
Grazie al termine di un NDA ha adesso avuto libertà di rivelare la sua partecipazione alla stesura di Dead Space.
Ma non del fumetto che come sappiamo affiancherà il videogioco, ma proprio la storia e la struttura di quest'ultimo.
Non possiamo che attendere con sempre maggiore aspettativa il rilascio del gioco.

Iron Ape, il vinyl toys che fa il verso a Iron Man

Direttamente dal pazzo mondo del designer/artista Dez Einswell ecco a voi Iron Ape! Liberamente ispirata al popolare personaggio della Marvel Iron Man, questa scimmia sembra davvero voler dimostrare di non aver nulla di meno del suo predecessore ed anzi, come potete vedere dalle immagini, sembra molto agguerrita! Se volete procurarvene una dovrete faticare non poco visto che i pezzi disponibili sono solo 50 e che, a detta dello stesso Dez, saranno veduti in esclusiva solo sul sito Doodlebarn.
Quindi armatevi di tanta pazienza e aspettate il momento in cui Iron Ape venga ufficialmente distribuito.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.