HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

sabato 7 giugno 2008

Torna Fantasmagorie

La storia delle immagini in movimento è molto antica: già nell’Antico Egitto e in Cina si trovano i primi spettacoli di ombre proiettate sui muri (le ombre cinesi). Per molto tempo si è pensato che il primo cartoon moderno fosse del 1908: in quell’anno infatti Émile Cohl creò Fantasmagorie, il cui protagonista (Fantôche), piccolo e dai tratti molto semplici, è da ritenersi l’antenato di Topolino.
In realtà sembra che già nel 1898 circolasse un filmato - i cui protagonisti erano fiammiferi che giocavano a cricket, football e golf - creato dall’inglese Arthur Melbourne-Cooper (1874-1961) per una pubblicità; presumibilmente l'anno dopo Melbourne-Cooper dirige Matches: An Appeal, il primo film d'animazione di cui abbiamo prova certa, dal momento che ne è sopravvissuta una copia.
Caricaturista, paroliere, fotografo, fumettista Cohl è considerato un grande animatore, ma non ha mai depositato un brevetto, ha sempre lavorato da solo come un artigiano ed è stato ben presto superato dalla tecnologia e dal lavoro di èquipe dell’industria cinematografica americana, a cui l’autore aveva offerto più di uno spunto tecnico.
Fantasmagorie è stato realizzato grazie all’utilizzo, della tecnica «image par image», altrimenti detta «ripresa a passo uno» o «animazione a passo uno» (in inglese «stop-motion» o anche «frame by frame»). Questo metodo permette di creare l’illusione di un’immagine in movimento fotografando l’oggetto da animare tante volte - circa 24 per ogni secondo di filmato, ma dipende dal formato di destinazione - e successivamente montando le foto per realizzare un’animazione fluida.
L'animazione su celluloide funziona praticamente con lo stesso procedimento: in essa viene modificato leggermente il disegno del personaggio, le fotografie di questo movimento sono fatte scorrere l’una dopo l’altra come si farebbe per i disegni di un’animazione tradizionale.
Per avere un’idea del numero di disegni basti pensare che per un film della durata di 5 minuti (100 metri) all'epoca servivano 52 disegni al metro. In totale 5200 disegni. Cohl ha realizzato 300 film, di cui sono sopravvissuti solo una sessantina a volte ricostruiti pezzo per pezzo. A partire dal 10 giugno e per tutta l’estate sarà possibile visitare un campionario inedito dei suoi lavori proveniente dalla Cinémathèque Française di Parigi e curato da Maurice Corbet al Musée Château d’Annecy. L’omaggio a questo grande maestro dell’animazione sarà integrato anche da due monografie L’esprit Cohl e L’inventeur du dessin animé.
Puppet animation è tuttora il termine inglese che indica un film in cui il movimento viene realizzato attraverso la ripresa fotogramma per fotogramma: in particolare questa tecnica è stata utilizzata per film d’animazione quali La sposa cadavere di Tim Burton e La maledizione del coniglio mannaro di Nick Park, che hanno avuto un grande successo al botteghino.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.