HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

venerdì 18 aprile 2008

"INDIANA JONES", FORD "CONNERY NON CI MANCHERA'"

Per i fan di Indiana Jones e’ gia’ scattato da tempo il countdown all’uscita del nuovo episodio della serie. Intanto, Harrison Ford e’ certo che “la mancanza di Sean Connery nel film non si fara’ sentire”: “Sono abbastanza vecchio per essere credibile nel ruolo di… mio padre - ha detto lo storico interprete dell’archeologo piu’ famoso della storia del cinema - Non abbiamo bisogno di lui, il film e’ ugualmente valido. Certo, ci sarebbe piaciuto averlo di nuovo con noi, ma credo che al momento preferisca godersi il suo denaro e giocare a golf”, ha affermato l’attore a Wenn.

Da Hugo Pratt a Sergio Toppi: è arrivato il grande West a Lucca

Il biglietto per il viaggio costa solo pochi euro, mentre quasi per magia ci si ritrova proiettati lontano nel selvaggio West. Il mondo rappresentato è estremamente ricco di personaggi, luoghi e colori; è il mondo della frontiera interpretato dai maggiori disegnatori del fumetto internazionale, da Hugo Pratt a Sergio Toppi, da Giovanni Ticci a Juan Zanotto.
Stiamo parlando della mostra “…Quando il West arrivò a Lucca … passando per Ticonderoga”, organizzata dal Museo Italiano del Fumetto e da Lucca Comics and Games con la collaborazione dell’amministrazione comunale.
Nelle tavole esposte si ripropongono aspetti tipici e personaggi classici della lunga saga western, che per alcune decine di anni ha affascinato il pubblico di tutte le età, incentrata sulla lotta per la sopravvivenza tra i nativi indiani e i conquistatori inglesi. Ogni maestro delle nuvole parlanti cerca, attraverso la sua interpretazione dello scontro tra le due parti, di trasmettere la propria concezione storica dell’evento; tutti, però, concordano su un concetto fondamentale: che si sia indiani, inglesi, francesi o di qualsiasi altra razza o nazionalità, si avvertono sempre le stesse sensazioni se provati dal dolore o vinti dall’amore. Tale considerazione dovrebbe essere sufficiente a dimostrare che tutti gli uomini hanno uguali diritti.
L’attività del “Museo italiano del fumetto” di Lucca non finisce con questa mostra, infatti sono già in programma due altre manifestazioni per la fine di aprile. Tra il 22 e il 26 avrà luogo “Lucca animation”, un festival internazionale per far conoscere il cinema di animazione, e tra il 25 e il 27 “Collezionando”, mostra mercato per il fumetto di antiquariato e le tavole originali.

E' morto l'ultimo uomo d'oro della Disney

L'ultimo membro in vita della Disney degli anni d'oro, Ollie Johnston, è morto per cause naturali lo scorso 14 aprile in una clinica di Sequim, Washington, all'età di 95 anni. La notizia è stata diffusa dagli Studios della famosa casa cinematografica.

Oliver Martin Johnston, Jr. (1912 – 2008) era uno dei «nove vecchi uomini d'oro» della Disney e l'ultimo del gruppo ancora in vita. E' stato animatore negli studi della Walt Disney dal 1935 al 1978, ha contribuito alla produzione di moltissimi film d'animazione, tra i quali Biancaneve e i Sette Nani, Fantasia, Bambi e Pinocchio e il suo ultimo lavoro per la casa cinematografica americana è stato Le avventure di Bianca e Bernie, nel quale lui stesso è diventato un personaggio del cartone animato, il gatto Rufus.

Johnston ha realizzato con Frank Thomas il libro L'illusione della vita, che ha aiutato a conservare la conoscenza delle tecniche sviluppate presso lo studio: il rapporto di collaborazione tra Frank Thomas e Ollie Johnston viene affettuosamente raccontata nel documentario Frank and Ollie prodotto da Theodore, il figlio di Thomas.

Nato a Palo Alto, in California, Johnston ha frequentato la Stanford University, dove ha lavorato per il giornale umoristico del campus, lo Stanford Chaparral, con il futuro collega animatore Frank Thomas; successivamente si è spostato all'Università della California, a Berkeley e al Chouinard Art Institute.

Nel 1943 sposa un'impiegata della Disney, l'inchiostratrice e disegnatrice Marie Worthey, morta nel maggio del 2005. Per tutta la vita l'hobby dell'animatore statunitense è stato costruire modelli in scala di treni a vapore (ora passati al figlio), uno dei quali ha ispirato la ferrovia costruita all'interno di Disneyland. Brad Bird ha offerto un tributo a Ollie Johnston attraverso un cameo nel film animato Gli incredibili, prodotto dalla Pixar.

Nel novembre del 2005 Johnston riceve il prestigioso National Medal of Arts, premio consegnato dal presidente George W. Bush durante una cerimonia nella sala ovale. E' stato uno dei più grandi artisti della Disney, il suo talento nel rendere quasi veri i suoi personaggi ha saputo conquistare milioni di persone facendole ridere, piangere e sognare.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.