HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

martedì 15 aprile 2008

Rose McGowan sarà Barbarella

In un'intervista a Mtv, Rose McGowan ha confermato la propria presenza nel remake del film di Roger Vadim diretto da Rober Rodriguez. L'attrice interpreterà Barbarella in barba alla Universal che avrebbe preferito Nicole Kidman Jessica Alba o Halle Berry.
Certo confrontarsi con Jane Fonda che nel film del 1968 si esibì in un strip integrale in assenza di gravità, rappresenta una bella sfida, ma Rose non ha problemi a scoprirsi.
Come dimenticare l'abito trasparente che sfoggiò nel 1998 agli Mtv Awards?
"Sono veramente contento di mostrare quell'universo a un nuovo pubblico. Un mondo in cui sono completamente libero di esprimere la mia fantasia, la mia creatività e la mia immaginazione." Con questa parole, il regista Rodriguez ha manifestato il proprio entusiasmo per un progetto che si preannuncia epocale. Le riprese cominceranno a giugno. I costumi sono pronti. Buona parte dei set sono stati realizzati, tra cui l'astronave di Barbarella. La sceneggiatura è di Neal Purvis e Robert Wade, gia responsabiil degli script degli ultimi due 007.
Nata nel 1962 dalla matita del fumettista Jean Claude Forest, Barbarella sul grande schermo si trasformò un inebriante cocktail di psichedelia, scenografie pop, erotismo e parodia. I costumi succinti di Paco Rabanne fecero scalpore è la formosa e futuribile eroina divenne un simbolo della liberazione sessuale femminile.
Nonostante le recensioni pessime, il film si guadagnò negli anni la fama di cult-movie, tant'è che i Duran Duran presero il nome dallo scienziato da protagonista della pellicola. All'epoca il regista francese Vadim era sposato con Jane Fonda. Magari il fatto che Rodriguez sia l'attuale compagno di Rose McGowan contribuirà alla fortuna di questo atteso remake.

Anton Yelchin in Terminator 4

L’attore russo appena 19enne Anton Yelchin ha recentemente visto aprirsi davanti a sé le porte di Hollywood. Il giovane ha, infatti, la possibilità di comparire in Terminator 4, ritorno sul grande schermo del cyborg più famoso e popolare del mondo.

Il ruolo di Yelchin sarà quello del giovane Kyle Reese, futuro padre del protagonista John Connor (oltre che primo ad affrontare un Terminator nella storia), interpretato da Christian Bale. L’uscita della pellicola è prevista per l’estate 2009.

Oltre a Terminator 4, Anton Yelchin avrà l’opportunità di lavorare con J.J. Abrams nel nuovo episodio di Star Trek, vestendo i panni di Chekov, il giovane guardiamarina russo pupillo di Spock.

Del Toro su The Hobbit

È intervenuto di persona sullo spazio forum del sito ufficiale di Hellboy II: The Golden Army, Guillermo del Toro, e lo ha fatto per dare importanti updates sul suo coinvolgimento nel progetto di The Hobbit, che attraverso due film racconterà il romanzo di Tolkien considerato una sorta di prequel del Signore degli Anelli.
Il regista messicano ha confermato di essere oramai legato a The Hobbit, anche se ancora non sono state apposte le firme sui contratti da entrambe le parti. Ciò nonostante – e nonostante gli strascichi degli impegni relativi al secondo Hellboy, che sta per debuttare nelle sale – nelle ultime settimane del Toro ha lavorato attivamente alla preproduzione dei due film, sia dal punto di vista artistico che da quello della formazione del cast e della troupe.
E, concludendo il suo post, il regista ha aggiunto di essere in totale sintonia con la produzione riguardo tutti gli aspetti creativi del film e che rivelerà di più una volta che gli accordi tra lui e la New Line avranno tutti i crismi dell’ufficialità. Non resta che incrociare le dita e sperare per il meglio.

Cartoon Club 2008: aperte le iscrizioni

Cartoons on the bay termina per quest'anno e ci si prepara alla XXIV edizione di Cartoon Club, il Festival Internazionale del Cinema d’Animazione e del Fumetto, promosso da Unasp-Acli di Rimini, in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Rimini, la Provincia di Rimini e la Regione Emilia Romagna (1-31 luglio 2008) presenta ogni anno film d’animazione provenienti da tutto il mondo in vetrine non competitive e competitive.

Per partecipare alle varie sezioni previste dal Festival (la Vetrina Internazionale aperta a tutti i registi ed animatori, il Premio Laboratori Animati per gli studenti delle scuole primarie di primo e secondo grado e il Premio Signor Rossi per gli studenti delle scuole secondarie e dei corsi universitari) occorre che il proprio film d’animazione sia stato prodotto dopo il 1° gennaio 2006. L’ammissione è gratuita e una commissione selezionerà i film da ammettere alle varie sezioni.

Occorre inviare copia del proprio film (VHS in buona qualità o DVD) alla segreteria del Festival (via Circonvallazione Occidentale, 58, 47900 Rimini) con allegato il formulario, almeno tre fotogrammi del film, i dialoghi (se in lingua differente dall’italiano o inglese è necessario allegare una traduzione in una di queste due lingue) ed una foto dell’autore. Le spese di spedizione del film sono a carico del partecipante.

Le opere verranno accettate fino al 30 aprile 2008, termine utile per la consegna dei film. La segreteria del Festival notificherà poi l’accettazione o meno dell’opera entro il 15 giugno 2008. Le copie delle opere inviate per la selezione non verranno sostituite e saranno archiviate nella videoteca del Festival.

Info: Segreteria Cartoon Club info@cartoonclub.it, tel. 0541 784193 - fax 0541 780534.
Il bando completo è scaricabile dal sito ufficiale.

Chi sarà il nuovo volto di Ralph Supermaxieroe

Non Owen Wilson. L’ultima volta che si è parlato della trasposizione al cinema di The Greatest American Hero (da noi Ralph Supermaxieroe), il biondo compare di Ben Stiller era indicato come protagonista, e ci sarebbe sembrato adatto.
Ciò non vale più, ma il film sembra essere comunque in lavorazione, ed in particolare in fase di casting.
La serie raccontava le peripezie di un insegnante a cui degli alieni affidano uno speciale costume da supereroe grazie a cui acquisisce una serie di poteri, gli alieni scelgono un essere umano ogni generazione per dotarlo di immensi poteri allo scopo di usarlo per spingere l'umanità ad evitare l'autodistruzione, purtroppo Ralph deve imparare ad usarli; cosa non facile, avendo smarrito il manuale d’istruzioni e così partono tutta una serie di gag assurde su lui che cerca di capire quali poteri ha e come usarli (la più famosa è sempre quella in cui tenta di volare per andare sempre a finire a schiantarsi su qualcosa urlando). Al suo fianco, un’avvocatessa single ed un agente FBI.
Si prospettano alcune modifiche ai personaggi per il film: intanto, i superpoteri di Ralph saranno più numerosi (anche se nel telefilm si diceva che Ralph non conosceva che i più intuitivi dei sui poteri), ed ovviamente gran parte del lato comico del film sarà dedicato alla sua incapacità di gestirli: si parla di combustione ‘alla Torcia Umana’, per esempio. Adesso non cominciate a malignare che ci sarà una scena con il nostro eroe che prende fuoco mentre parla con l’avvocatessa single (e qui madre di uno degli alunni). Ci sarà un antagonista… un cattivo, tremendo, terribile nemico: un pomposo insegnante grasso (beh, in fondo una cosa che mancava a Ralph era proprio una nemesi).

Cartoons on the bay trionfa il made in Italy e le coppie gay

L'animazione made in Italy trionfa e fa incetta di premi a Cartoons on the Bay che, dopo aver assegnato i premi Pulcinella Awards, ha chiuso i battenti.

Le 40 opere in concorso sono state visionate da una giuria composta da esperti dell'animazione che hanno selezionato i vincitori. Con la motivazione «per la spinta ad allargare i confini sociali, tenendo conto degli stereotipi con uno stile ricco di umorismo e irriverenza», è stato assegnato il Pulcinella Awards per Miglior Serie Televisiva dell'Anno a «Rick & Steve: la coppia gay più felice del mondo», della canadese Cuppa Coffee Studios.

«Acqua in Bocca», firmato da Rai Fiction, invece, ha fatto incetta di premi: giudicato Miglior Serie Televisiva destinata a tutte le Età sia dalla Giuria Internazionale che da quella degli Giuria Abbonati Rai. Altri tre premi ai prodotti italiani: «Gladiatori» sempre di Rai Fiction, ambientato nell'antica Roma, come Miglior Serie Azione e Avventura; a «A Bicycle Trip», il cortometraggio del Centro sperimentale di Cinematografia - Dipartimento Animazione piemontese, che rappresenta la scoperta degli effetti dell'LSD del Dottor Albert Hofmann, e a «Uffa Che Pazienza», ancora un prodotto di Rai Fiction, tratto dai fumetti di Andrea Pazienza, che è stato giudicato Miglior Serie TV per Bambini dalla Giuria Abbonati Rai.

«Questo Festival - ha detto il Presidente di Rai Trade Renato Parascandolo - è la dimostrazione dello sdoganamento in Italia del genere animazione, proprio grazie a questo evento che ha ormai dodici anni. Mi ha colpito il premio assegnato al cartoon sull'Aids, segno che con questo linguaggio è possibile non solo divertire, ma anche informare».

Il Premio Unicef per il Miglior Programma Educativo e Sociale è stato assegnato a BBC Chunnilal spot in stop, motion indiano che promuove il test dell'HIV. Dall'Asia anche il coreano «Wanted» giudicato Miglior Special Televisivo del 2008. Due riconoscimenti anche per il cortometraggio del National Film Board of Canada «Sleeping Betty» che ha avuto una menzione speciale per la migliore animazione e il Premio Giuria Carta Giovani under26. Ellen La Gnu di No Room for Gerold è stato giudicato come il personaggio dell'anno 2008.

Il premio Miglior Serie Europea è andato a «I Bunjes» dello studio tedesco Film Bilder; mentre la Miglior Colonna Sonora è quella di «Tak and the Power of Juju» della Nickelodeon, che ha vinto anche il Premio Giuria Abbonati Rai per la sua categoria. Miglior Sceneggiatura a «I Miei Amici Tiggro and Pooh» della Walt Disney Television Animation. Gli altri Premi di categoria sono stati assegnati agl'inglese «Buddy & Elvis» come Miglior Pilota di serie, «John and Karen», Miglior Cortometraggio e «Frankenstein's Cat» come Miglior Serie Tv per Bambini ed il canadese «My Friends Rabbit» (Nelvana).

«Negli anni Cartoons on the Bay ha visto non solo crescere, ma cambiare il tipo di presenze. Quest'anno il boom di coreani e cinesi ha dimostrato che il Festival è diventato maggiorenne e lavoreremo ad una nuova impostazione, per esempio con un'attenzione maggiore ai nuovi linguaggi», è stato il commento di Alba Calia Vice Presidente di Rai Trade che ha, anche, parlato del festival come di un evento globale.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.