HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

giovedì 27 marzo 2008

Prince of Persia - Nel film interpretato da un vero principe persiano?

Un vero principe persiano si mette in concorrenza con Orlando Bloom e Zac Efron per un ruolo da protagonista nel nuovo film Disney. La casa d'animazione americana sta cercando l'attore principale per l'avventuroso "Prince of Persia: Sands of Time" ed è indecisa tra i due principi azzurri. Ed ecco spuntare David K. Zandi, aspirante attore dal sangue blu: "Il pubblico è affascinato dal un protagonista persiano di discendenza reale".

Una candidatura spontanea, quella del principe persiano, che per dimostrare le sue credenziali ha addirittura effettuato un vero e proprio sondaggio online.

Secondo Zandi, milioni di persone hanno votato la sua candidatura a protagonista dell'adattamento cinematografico del noto gioco per computer. Il motivo? Il pubblico sarebbe favorevole all'impiego di un vero reale per la parte del principe.

Altro che sex symbol come Orlando Bloom e Zac Efron, belli e impossibili, ma senza un filo di sangue blu nelle vene. I fan vogliono un principe vero, erede della dinastia che guidò l'impero persiano dal 1747 al 1779. Uno come David K. Zandi, insomma.

Ma la produzione non sembra essere d'accordo. Il regista Jerry Bruckheimer ha replicato seccamente che l'aspirante attore non ha chance di soffiare il posto a due professionisti come Zac e Orlando e lo accusa di aver montato il caso per farsi pubblicità. Per la parte del principe, la corsa è quindi a due: chi la spunterà tra Efron, star di "High School Musical" e Bloom, protagonista de "I pirati dei Caraibi"?.

Una spada per Lady Oscar torna in tv

La paladina più coraggiosa e affascinante dei cartoni animati ritorna su Italia 1, a partire dal 31 marzo (alle 18.00). L’anime Una Spada per Lady Oscar (Berusaiyu no Bara) visto in Italia per la prima volta negli anni ‘80 (con il titolo ‘Lady Oscar’) , é tratto dal fumetto omonimo di Riyoko Ikeda, pubblicato a partire dal 1972.

Ogni tanto Mediaset replica il cartone ma rivederlo non stanca. Quanto impazzivo per l’energico Capitano delle Guardie Reali (ma nell’intimo, sensibile Madamigella) che nella sua elegante divisa impartiva ordini ai soldati. O per il bello e infelice Andrè che innamorato pazzo, e non ricambiato, rincorreva Oscar senza troppo successo.

Il complesso anime non si riduce solo ad una storia d’amore, ma il mio ricordo più vivido é per i silenzi, gli intensi sguardi, la passione sconfinata ma sempre controllata del ex compagno di giochi e poi attendente di Oscar. La sua moderazione contro l’impulsività del Capitano che respingerà per un bel po’ il suo lato femminile. André dovrà sopportare di tutto prima di approdare alla famosa scena d’amore (censurata rispetto alla prima versione andata in onda fino agli anni ‘90) e mai vista dalle nuove generazioni (nel dvd curato da Yamato Video c’è invece la versione integrale).

Ma non c’è tempo per essere felici. Proprio quando Oscar inizia a sentirsi finalmente donna assisterà alla morte dell’amato Andrè. Rammento bene quelle immagini.
Per avere un quadro completo dell’opera vi rimando a Larosadiversailles. Poi, vi segnalo il video originale della scena passionale di Oscar e Andrè sottotitolato in spagnolo.


Spidergek le avventure on line

Spidergek è una striscia umoristica ideata da Sergio Algozzino e Manlio Mattaliano che vede protagonisti le mascotte animali dei supereroi della Marvel protagoniste di piccole e grandi avventure comiche.

Il protagonista, che da il titolo alla striscia, è un geko morso da un ragno radioattivo i cui compagni sono ad esempio uno scarafaggio rosso come Devil, una pulce incazzosissima come Wolverine e un topolino verde convinto di essere forte come Hulk.

La striscia appare ogni mese sulla testata dedicata all’Uomo Ragno edita da Panini ma Algozzino ha pubblicato online un buon numero di strisce che trovate sullo spazio di DeviantArt dedicatogli, potete leggerle qui.

Vade retro, Doctor Who!

La notizia è apparsa sul quotidiano inglese Wiltshire Times, e rimbalza fino a noi tramite SFX. Simon White, 47 anni, è diventato appassionato di Doctor Who fin da bambino. Negli anni ha raccolto una collezione di memorabilia del valore di circa 7200 sterline (quasi 10000 euro). Tra gli altri pezzi della collezione un Tardis (la cabina telefonica blu) in grandezza reale. White è andato in pensione molto giovane, quando gli è stato diagnosticato un disturbo bipolare.

"Ho iniziato a bere, sono diventato un alcolizzato, e l'ossessione per Dr Who era l'unica cosa che mi facesse andare avanti. Non avrei smesso neppure con una pistola puntata alla testa" dice White.

Ma poi è accaduto qualcosa: White ha scoperto il cristianesimo, e ha deciso di rinunciare alla sua vecchia vita mettendo l'intera collezione in vendita su eBay.

"Dio mi ha liberato dall'alcolismo e da Doctor Who. Grazie al mio rapporto con Gesù mi sono sentito rinato, come Lazzaro" ha detto White, che ha definito il Dottore come "la più grande menzogna che Satana abbia mai raccontato".
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.