HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

lunedì 10 marzo 2008

Io sono Leggenda, il finale alternativo

Se il finale all-american style di Io sono Leggenda non vi è piaciuto, non preoccupatevi, non siete i soli. Nonostante gli incassi stratosferici al botteghino, non tutti gli spettatori hanno gradito il finale della leggenda di Will Smith, che, fra morali positiviste e bandiere americane che garricono al vento, ha fatto storcere il naso anche ai molti sostenitori del film. Ora, però, la rete vi offre l'occasione di rifarvi dalla delusione. Su youtube, infatti, è stato pubblicato il finale alternativo del film, girato dal regista Francis Lawrence e poi scartato in fase di post-produzione. Un epilogo molto diverso da quello che noi tutti conosciamo, e per certi versi più aderente allo spirito con cui era stato scritto l'omonimo romanzo di Richard Matheson.

In questo filmato, che probabilmente è stato diffuso per fare da traino all'imminente uscita americana del DVD prevista per il 18 marzo, la Leggenda di Will Smith viene ribaltata: il professor Robert Neville non è più l'ultimo baluardo per la salvezza della razza umana dall'orda vampirica, ma è piuttosto il boogey-man di un mondo ormai popolato da una nuova razza, dotata di maggiore autocoscienza di quel che sembra. Neville ora è il mostro, il diverso, responsabile di aver rapito e ucciso diversi vampiri per sottoporli ai suoi esperimenti. Una creatura a suo modo leggendaria, appunto, se vista dal punto di vista della specie dominante: i vampiri. E una delle “vittime” di Neville, catturata allo scopo di trovare una cura all'epidemia, è proprio la donna del capo-vampiro, che in questo nuovo epilogo si rivela in grado di provare amore, dimostrando che i vampiri sono meno feroci e privi di razioncinio di come li riteneva lo scenziato.

E il popolo della rete sembra preferire con larga maggioranza il nuovo finale. Secondo un sondaggio promosso dal sito del Corriere della Sera, pare che almeno due spettatori su tre preferiscano il nuovo epilogo rispetto a quello originale, e anche i commenti su youtube sembrano confermare questa opinione. Resta quindi il dubbio che una scelta più azzeccata da parte dei produttori avrebbe potuto contribuire a rendere Io sono Leggenda un successo ancora maggiore al box-office. Ma, a volte, la presunzione di poter interpretare i gusti del pubblico può rendere cattivo consiglio.

Qui di seguito potete visionare il finale alternativo del film.


In cerca di una sceneggiatura per il remake di Scanners

Poco più di un anno fu annunciato che Scanners e La mosca, bellissimi film di David Cronenberg (uno dei registi da me più amati), sarebbero stati rifatti. Concentriamoci per un attimo sul remake del primo per capire la sua situazione.

Il film sarà diretto da Darren Lynn Bousman, uno dei registi dello “splat-pack” (per capire meglio il neologismo, che si rifà alla nuova leva di registi horror che fanno uso di ettolitri di sangue, vi invito a prendere in mano l’interessante dossier The Incredible Torture Show, allegato a Nocturno n. 67), e doveva essere sceneggiato da David S. Goyer (tra i suoi script: Batman Begins e il suo seguito, Jumper e il prossimo Unborn), ma la Dimension Films non ha gradito il lavoro.

E quindi ecco che Scanners per ora non ha uno script, e la casa di produzione è in cerca di uno sceneggiatore. Di conseguenza, la data d’uscita in America è stata spostata dal 18 ottobre a data da definire nel 2009. E speriamo che stavolta scelgano un pò meglio di come hanno fatto per Scanners II e III e la serie di Scanner cop.

Intanto per consolarci rivediamo la mitica scena iniziale di Scanners in cui esplode la testa di un uomo.


Max Payne, Mila Kunis è la co-protagonista

L’attesissimo film di Max Payne ha già un attore protagonista (Mark Wahlberg) e un regista (John Moore). Oggi scopriamo che ha anche un’attrice co-protagonista, e sarà Mila Kunis.

Per chi non lo sapesse Mila Kunis è la voce di Meg dei Griffin, sarà nel cast di Forgetting Sarah Marshall e (niente di interessante da segnalare) ma la sua bella figura la fa di sicuro.

Ora però è giunto il momento di piangere per i fan di Max Payne, sembra che la signorina in questione interpreterà un’assassina in cerca di vendetta per la sorella morta e combatterà a fianco del poliziotto protagonista (Max Payne). Sembra che rovinare i videogiochi sia lo sport preferito dei produttori cinematografici.
Il film di Max Payne non sarà bello, ma lei sprigiona sensualità (non è quello che vorrei scrivere) da tutte le parti.

Ultime tre curiosità: è nata Kiev, la stessa città di Milla Jovovich (forse conviene andarci a fare un salto), ha un occhio celeste e uno verde e una sera mi ha chiamato per uscire ma avevo da fare e gli ho detto di no.

Nuovo trailer per Iron Man e locandina

Rockegginate e ipercinetico, carico d’ironia e abbellito dal sorriso dolce di Gwyneth Paltrow (Sky Captain and the World of Tomorrow), arriva il nuovo trailer dell’Iron Man di celluloide, e c’è di che togliere il fiato al più scettico dei fan.

Se qualcuno pensava che questa versione da grande schermo del Testa di Ferro di casa Marvel, prodotta dai giovanissimi Marvel Studios, potesse in qualche modo essere classificata tra le produzioni a basso-medio costo, dovrà ricredersi.

Guardare il filmato per credere, qui sotto.

Iron Man esce il 2 maggio 2008 diretto da Jon Favreau (Zathura: A Space Adventure). Nel cast anche Samuel Jackson (Kill Bill) con la benda sull'occhio di Nick Fury, capo della superpolizia S.H.I.E.L.D, e Hilary Swank (Boys don’t cry), suo abile agente.








Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.