HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

lunedì 18 febbraio 2008

Ken il guerriero - Novità al cinema

Sono disponibili due trailer dei nuovi film d’animazione dedicati a Ken il guerriero. Vi parliamo un po’ della prima pellicola e di una piccola stranezze promozionale
Vi avevamo anticipato qualche tempo fa le ultime produzioni animate sul famoso maestro della scuola Hokuto: notizie/3824/.
Ora è imminente l’uscita nel Paese del Sol Levante del primo di cinque film di Ken il guerriero. Il titolo originale è Rao Gaiden Junai-hen, ovvero qualcosa come La Saga di Raoul — Martirio e Amore. I fan avranno già capito che rientra in gioco una delle figure principali della serie, nonché fratellastro di Kenshiro: Raoul (o Raoh, in alcune versioni italiane del manga), generale di quell’esercito che dovrebbe garantire la conquista del mondo, l’uomo che si autoproclama Ken-oh, Signore del Pugno.
Buronson e Tetsuo Hara, rispettivamente sceneggiatore e disegnatore del manga originale, hanno collaborato attivamente alla realizzazione dei film, insieme a Tsukasa Hojo (City Hunter).
In rete circola qualche traduzione non ufficiale di alcune interviste rilasciate dai due autori. Vediamo quali sono le indiscrezioni che potrebbero riguardare la trama.
Pare che il primo film sia una sorta di approfondimento, o di storia parallela, di un episodio chiave della prima serie di anime: lo scontro fra Kenshiro e Sauzer (Souther), il guerriero della Fenice di Nanto che aspira a essere adorato come un dio e per questo ha schiavizzato centinaia di persone, con lo scopo di costruire un’enorme piramide a monumento del suo potere.
Come nella prima serie, dovrebbe comparire il cieco Shu (Shew) dell’Airone di Nanto, beniamino dei fan.
La trama pone i riflettori su Raoul e spiega la vera ragione della sua sete di potere. Pare che gli scontri fra Ken e il fratellastro non mancheranno. Un ruolo chiave nella vicenda lo svolgerà una donna, Reika, generale dell’esercito di Raoul; verso di lei il gigantesco guerriero nutre un affetto particolare.
Sul sito ufficiale trovate i due trailer. Non c’è nessun bisogno di scaricare il supporto per la lingua giapponese: i menù sono in inglese. Ecco il link: http://www.hokuto-no-ken.jp/.
L’uscita della pellicola è prevista per l’11 marzo in Giappone.
Il sito http://www.paninicomics.it/ segnala una curiosità: a quanto pare a finanziare parte dell’opera sono stati gli stessi fan, che hanno comprato on line le azioni per un minimo di 100.000 yen, aggiudicandosi, a seconda della cifra, oggetti da collezione come il copione originale.
Il film sarà seguito nell’inverno di quest’anno da un OAV per il circuito dell’home video e dal secondo film nella primavera 2007: La Saga di Giulia (Yuria Densetsu) e La Saga di Raoul — Combattimento Feroce (Rao Gaiden Gekitô-hen). Arriveranno poi un altro OAV nell’inverno del 2007, La Saga di Toki (Toki Densetsu), e l’ultimo film, La Saga di Kenshiro (Kenshiro Densetsu), nel 2008. Il tutto per North Stars Pictures. (fonte http://www.fantasymagazine.it/notizie/3976/)

È morto il papà di Howard il papero

Il 10 febbraio 2008, in seguito a complicazioni di una fibrosi polmonare, è morto lo sceneggiatore Steve Gerber. Aveva 60 anni ed era nato a San Louis (Missouri) nel 1947.

Iniziò a lavorare alla Marvel al principio degli anni ’70, quando la casa editrice era supervisionata da Roy Thomas. Dopo aver scritto alcuni numeri di Daredevil e Sub-Mariner, si era dedicato a serie che erano considerate “minori”, tra cui The Defenders (I Difensori), Man-Thing (L’Uomo Cosa), Omega The Unknown (Omega lo sconosciuto) e Guardians of the galaxy (Guardiani della galassia), mescolando alla storie elementi di satira sociale e di umorismo, ma anche utilizzando temi di taglio più fantascientifico di quelli abitualmente usati nei supereroi.

La sua creazione più celebre rimane però Howard the Duck (1973), un papero antropomorfizzato (talmente simile nell’aspetto ai paperi Disney, da dover essere costretto a indossare dei pantaloni per non incorrere in problemi legali), usato come parodia e come satira. Howard proviene infatti da un universo parallelo e rimane intrappolato nel nostro mondo umano, dove è costretto ad adattarsi alle assurdità che incontra.

Nel 1986 George Lucas ne produsse la versione cinematografica (Howard the Duck in originale, Howard e il destino del mondo nella versione italiana). Il film si rivelò un grosso insuccesso commerciale, anche se rimane uno dei primi esempi di personaggi Marvel passati al grande schermo.

Negli anni ’80 Gerber si allontanò dalla Marvel per differenze di opinione, e iniziò a lavorare per la televisione, soprattutto in serie animate come Transformers, G.I. Joe, Dungeons&Dragons e Thundarr The Barbarian. Sua è inoltre la sceneggiatura di Contagion (Contagio), undicesimo episodio della seconda stagione di Star Trek: The Next Generation.

In seguito era tornato a scrivere storie a fumetti per varie case editrici, compresa una nuova miniserie, prodotta nel 2002, proprio con protagonista Howard the Duck.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.