HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

giovedì 14 febbraio 2008

RCS CATTURA LA LUCERTOLA

Il gruppo editoriale RCS (Rizzoli, Corriere della Sera) rileva il 100% della casa editrice Lizard Edizioni, che detiene, tra le altre cose, l'intera opera di Corto Maltese di Hugo Pratt, nonché opere di artisti quali Guido Crepax, Sergio Toppi, Ivo Milazzo, Giancarlo Berardi, Milo Manara, Vittorio Giardino, Attilio Micheluzzi, Herge' e molti altri.

La notizia, che arriva pochi giorni dopo il rilevamento del 60% della BeccoGiallo ad opera della Alet, risulta di grande importanza strategica per il gruppo RCS (che di recente ha mostrato un interesse sempre crescente verso il mondo del fumetto, sia con volumi da libreria che con allegati ai quotidiani), che potrà così disporre di un catalogo prestigioso come quello Lizard che conta circa 170 titoli.

San Valentino alla Matt Groening



(Illustrazioni da Binky’s Guide To Love di Matt Groening,)

Comics Vs Manga, il fumetto americano perde in casa

Naruto ha sopraffatto Capitan America. Secondo gli ultimi dati sulle vendite di fumetti negli Usa, infatti, i manga del Sol Levante hanno superato i comics a stelle e strisce. Di più, i fumetti giapponesi hanno praticamente conquistato l’immaginazione del mondo. E oggi, con le "graphic novel" il fenomeno coinvolge non solo i più piccoli e conquista ampie fasce di lettori. È quanto sostiene Wired, celebre rivista sul mondo Internet e sulla cultura tecnologica, in un articolo in cui illustra come le vendite di fumetti giapponesi negli Stati Uniti si sono triplicate negli ultimi 4 anni. E anche in Europa la storia si ripete.

Nel Regno Unito, per esempio, la chiesa cattolica sta usando il manga per reclutare sacerdoti, rivela la rivista. Un editore britannico ha inoltre pubblicato versioni manga di Shakespeare, compreso un ’Romeo&Juliet’ che reinventa Montecchi e Capuleti come famiglie rivali della Yakuza a Tokyo. Fan e critici, però, avvertono che i manga rischiano di diventare sempre più uguali a se stessi, ricreando la ricetta dei blockbuster di Hollywood: una formula di successo che si autoriproduce senza adeguarsi. E qui sta il pericolo. Anche se, con un fatturato da 4,2 miliardi di dollari all’anno, i manga dimostrano che i giorni migliori dei comics americani sono passati.

Secondo Wired, quello che è accaduto alla fiera "Comic Ichi" di Tokio (un mercato che ha richiamato oltre 25.000 persone tra semplici curiosi e appassionati) è un segnale incoraggiante per il settore: rappresenta cioè la dinamica che potrebbe invertire il declino dell’industria del fumetto. Per capire la forza dei manga, in Giappone, si deve cominciare con il rendersi conto della loro diffusione, sostiene l’illustratore Carl de Torres. Diversamente dalla maggior parte dei comics americani, infatti, non sono riservati a "freak" o "nerd". Nella metropolitana di Tokyo ci sono passeggeri d’ogni genere che leggono manga: uomini d’affari come studenti. La città di Hiroshima ha persino una biblioteca pubblica dedicata interamente al genere. Anche se la loro popolarità è diminuita negli ultimi anni, la fetta del mercato mantiene comunque una quota del 22% di tutto il materiale stampato in Giappone. Pubblicati spesso su carta molto leggera, ogni manga può contenere 25 storie da circa 20 pagine ciascuna.

Tra gli ultimi successi si segnala l’edizione in brossura di "Bleach", serie che ha per protagonista un teenager capace di comunicare con i fantasmi: dopo sei anni di uscite settimanali come inserto di "Shonen Jump", da sola ha iniziato a vendere qualcosa come 46 milioni di copie (in un Paese di 127 milioni di persone). Lo stesso è accaduto, in modo diverso e in tempi diversi, con "Sailor Moon", "Ken il Guerriero", "I cavalieri dello zodiaco", "Naruto" e molti altri "eroi ed eroine di carta" giapponesi che hanno sedotto milioni di teenager (e non solo) in tutto il mondo. Così come oggi sta accadendo con i protagonisti del "graphic novel". È il modo con cui l’industria del manga sta guardando al futuro, salutando il passato. Sayonara, Capitan America.

Heroes la seconda stagione in Italia

Per chi ama le serie tv ma anche il backstage ed i retroscena dei protagonisti, l’appuntamento che propone Sci Fi -visibile su Steel di Mediaset Premium Gallery- sarà imperdibile. Il venerdì, infatti, dalle 22:25 è possibile assistere a “Heroes Unmasked”, degli speciali dedicati ad “Heroes”, di cui verrà trasmessa la prima stagione sempre il venerdì, alle 21. “Unmasked” è composto da 20 episodi, della durata di 15 minuti ciascuno (più due speciali di un’ora). Oltre ad interviste esclusive agli attori protagonisti (tra cui Milo Ventimiglia, Hayden Panettiere e Masi Oka) ed al creatore della serie Tim Kring, verranno soddisfatte anche molte curiosità circa la realizzazione degli effetti speciali, le scenografie, i costumi, la regia e tutto quello che solitamente si cela dietro al successo di una serie. Un modo in più, oltre alle graphic novel online ed al blog di Hiro, per entrare nel mondo delle “persone normali con abilità straordinarie” che hanno conquistato il mondo, e magari carpire qualche segreto ed anticipazione sulle future avventure. A questo proposito, sempre Steel trasmetterà ad aprile gli undici episodi della seconda stagione, che compone il Volume 2, intitolato “Generazioni”, che Italia1 dovrebbe mandare in onda il prossimo autunno, in seconda serata.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.