HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

domenica 3 febbraio 2008

Gli uomini della terra dimenticata dal tempo


Per ammazzare il tempo dopo mangiato stavo vedendo su La7 il film di fantascienza "Gli uomini della terra dimenticata dal tempo", un filmaccio di serie Z inglese del 1977, ma sinceramente da regia e effetti speciali sembrava uscito dritto dritto dal 1950, dialoghi e soggetto terribile, lasciamo stare come sono stati fatti poi i dinosauri.
L'unica cosa un pò interessante nell'inizio del film è quando trovano il primo cavernicolo della storia, o meglio la prima cavernicala, una Dana Gillespie con un look pazzesco e una scollatura vertiginosa che potevi radiografarle le sue enormi tette solo guardandola di sfuggita.



A parte però questo voyeristico panorama il film si trascina stancamente per tutta la prima metà e oltre, d'improvviso però appaiono i guerrieri naga vestiti con armature giapponesi da samurai (che ci faranno i samurai in mezzo agli uomini delle caverne?), la trovata delle armature riaccende un minimo di interesse quand'ecco che arrivano nella roccaforte naga, una costruzione a forma di teschi umani scavati nella roccia a strapiombo su un vulcano.
La scena ti fa subito pensare a He-Man , ma la sorpresa arriva adesso, pareti divisorie costruite con veri teschi umani, giganti dai muscoli spropositati, luci incredibili il cui unico scopo sembra quello di suggerirti un nome: Frank Frazetta! Si tutte le scene sembrano uscite da un'illustrazione di Frazetta e tu ti chiedi come sia possibile che truccatori, scenografi, regista e quantaltro stiano collaborando per copiare le illustrazioni fantasy del grande artista. A quel punto te ne accorgi, sugli arazzi che decorano le sale ci sono proprio loro dipinte, si le illustrazioni di Frazetta e a quel punto capisci che quel film sarà anche una cagata immane, ma andava sensaltro visto perchè uno splendido omaggio al lavoro di un artista che ha reso indimenticabili le figure di Conan, Vampirella e tanti altri con i suoi splendidi lavori, perciò se adorate Frazetta come me quando ne avete l'occasione sorbitevi questa schifezza di film perchè alla fine anche voi direte, ma ne è valsa la pena.





La Marvel rimpiazza Capitan America

Il vecchio compagno di avventure Bucky Barnes è tornato per indossare il costume del super eroe e sostituire Steve Rogers, fatto morire qualche mese fa

Gli appassionati della sentinella della libertà possono gioire, Capitan America è tornato. La casa editrice Marvel ha infatti deciso di resuscitare (si per modo di dire) una delle sue più note creazioni, dopo averlo fatto morire neanche un anno fa. Per rendere possibile il tanto atteso ritorno, gli autori hanno fatto ricorso a un personaggio del passato, Bucky Barnes, primo compagno di avventure del super eroe.

Mentre il corpo di Steve Rogers, alter ego di Capitan America, riposa in pace nel cimitero di Arlingtion, Burnes ritorna dal passato, recupera il costume a prova di proiettile del vecchio compagno di avventure e ne assume l'identità per combattere in nome del Bene. Facendo un rapido conto, Bucky, che incontra Rogers per la prima volta durante la Seconda Guerra Mondiale, non dovrebbe avere meno di 85 anni, ma, come i veri appassionati sanno, nei fumetti tutto è possibile, e grazie a una sessantina di anni di ibernazione durante la guerra fredda - quando Barnes, perduta la memoria, era diventato un agente sovietico sotto il nome di "Soldato d'Inverno" - il personaggio non ha più di 30 anni.

"Da tempo stavamo giocando con l'idea di introdurre un nuovo personaggio per interpretare Capitan America - ha spiegato durante un'intervista Joe Quesada, editore in capo della Marvel - ma alla fine abbiamo scelto il ritorno di Bucky. Non solo perché è la scelta più ovvia, ma anche perché quando il personaggio è tornato con il nome di 'Soldato d'Inverno', è subito diventato estremamente popolare". Certo Burnes dovrà contare solo sulle sue forze fisiche, non avendo ingerito - al contrario del suo predecessore - il "siero del super soldato" in grado di rendere quasi invincibile Capitan American. Ma, i fan ne sono certi, ce la farà.

I Simpson hanno una teologia

I Simpson, la famiglia a fumetti piu' sgangherata e irriverente del piccolo schermo, non ha soltanto una sua filosofia e una sua morale. ''Esprime anche, con acuta ironia, una sua visione del cosmo e del trascendente che va al di la' dei consueti luoghi comuni''. Lo afferma ''Jesus'', mensile di cultura religiosa del gruppo San Paolo, lo stesso che pubblica ''Famiglia cristiana'', in un articolo dal titolo ''La saga dei Simpson e la teologia''. L'autore Brunetto Salvarani delinea una ''teologia simpsoniana'', sottolineando come i personaggi scaturiti dalla matita di Matt Groening (nato da famiglia ebraica ma autodefinitosi agnostico) ''interpretano come pochi altri il bisogno di socializzazione, di legami sociali in genere oggi negati''.

"Gli abitanti di Springfield - l'immaginaria citta' americana dei cartoni animati dei Simpson (a titolo di cronaca però negli Stati Uniti esistono decine di città con lo stesso nome) - dimostrano, infatti, a ogni pie' sospinto di essere in primo luogo una vera e propria comunita, una compagnia di amici piu' che di concittadini, con tanto di mito fondatore, feste ricorrenti e tradizioni locali. E fungono da conferme viventi che il soprannaturale e le sue deviazioni fanno parte a pieno titolo del teatro della quotidianita', ed e' assai piu' interessante imparare a gestirli che temerli ossessivamente'', afferma la rivista dei Paolini ''Jesus''. Al tempo stesso, nei Simpson ''si inneggia esplicitamente a un dialogo interreligioso fatto di prassi piu' che di riflessioni metafisiche. E ci si rivolge in presa diretta a Dio (raffigurato secondo i crismi dell'iconografia classica come un uomo enorme dotato di lunga barba bianca, di cui non si vede il volto) nei momenti di maggiore crisi. In realta', a essere presa di mira non e' tanto l'istituzione Chiesa, ma i suoi rappresentanti'', conclude l'analisi della ''teologia simpsoniana''.

PrisonBreakHeroes: Tutte le serie Tv in anteprima online!

PrisonBreakHeroes è un sito web che permette di visualizzare online tutte le puntate delle serie televisive quali Heroes, Prison Break, Entourage, Dr. House Medical Division, Family Guy (Griffin), Weeds, Smallville, Dexter, Ugly Betty, Scrubs, Grey’s Anatomy e tantissimi altri filmati.

Naturalmente il sito, a prescindere dalla sua illegalità, trasmette tutti i contenuti direttamente online tramite un player. I filmati, in lingua originale, sono gli stessi che vengono attualmente trasmessi negli USA (Potrete quindi vederli in anteprima) e sono realmente tantissimi.

Naturalmente la velocità di caricamento dei video varia a seconda del tipo di connessine, e comunque, io vi suggerisco, se ne avete la possibilità, di scaricarvi gli episodi in modo di poterveli guardare poi tranquillamente.

Tra le opzioni troviamo anche Movie, un vero e proprio catalogo infinito di film in lingua originale. Anche le serie Tv sono tantissime! Vi basterà utilizzare il menù “TV & Movies Links Guide” che trovate nella sidebar del blog per scegliere i contenuti più appropriati alle vostre esigenze. Un sito fantastico.

X-Files, tra Mulder e Scully è passione

Nel secondo film tratto dalla serie tv scene bollenti tra i due protagonisti


La data è fissata per il 25 luglio prossimo, già soprannominata dai fans la «X-date». È il giorno della prima americana di uno dei film più attesi della stagione: X-Files vedrà riunirsi sul grande schermo i celebri agenti dell'FBI Fox Mulder (David Duchovny) e Dana Scully (Gillian Anderson), impegnati come sempre a indagare su casi «ai confini della realtà».

Stando alle voci di corridoio filtrate dal set del film, e riportate dal sito specializzato Telefilm Cult, Mulder e Scully sarebbero protagonisti di un'infuocata scena di sesso. Il film, in uscita 10 anni dopo il primo capitolo cinematografico del 1998, è molto atteso. Il sito pubblica le primi immagini tratte dal set: nella prima i due detective sono nella classica posa alla scrivania, mentre nella seconda, in cui vengono ritratti in azione, si nota come l'agente Scully sia notevolmente dimagrita rispetto alla storica serie del 1993, nel corso della quale Gillian Anderson girò alcune scene pur essendo in stato interessante.

Dopo che il telefilm si era chiuso con un casto bacio tra la «strana coppia» che lungo nove stagioni non si era mai concessa un benché minimo flirt, spingendo i critici ad individuare proprio nel rapporto ambiguo tra i due protagonisti il vero X-File del serial firmato da Chris Carter.

Ma il secondo film tratto dal serial sembra spingere l'acceleratore sulla passionalità e sulla spiritualità. La prima sarebbe garantita da una scena «bollente» in cui i due agenti si spogliano delle remore del passato e si lasciano andare a scene già etichettate come XXX-Files. In realtà a motivare gli sceneggiatori a lanciare i due protagonisti uno nelle braccia dell'altro sarebbe stata la recente interpretazione di David Duchovny nel serial-scandalo Californication (in arrivo in Italia a marzo su Jimmy e poi su Italia 1), in cui l'attore interpreta un sessuomane senza ritegno (in una scena immagina addirittura di fare sesso con una suora). Un'immagine che avrebbe reso poco credibile la perdurata freddezza di Fox Mulder nei confronti della collega Dana Scully. La spiritualità, con picchi che rasentano il misticismo, sarebbe invece al centro di una trama che ruoterebbe attorno a grandi misteri mai risolti, non per forza legati ai classici extraterrestri d'altri mondi, quanto a creature che agirebbero per conto di un'entità superiore. Mentre già si registrano segnali di isteria collettiva in vista dell'uscita del secondo film di X-Files (alcuni fans avrebbero già prenotato i voli per la Germania e per l'Argentina, dove verrà proiettato in anteprima il 24 luglio), il serial-cult verrà celebrato al prossimo Telefilm Festival di Milano, in programma dal 8 al 11 maggio 2008 all'Apollo Spazio Cinema.

Mr. Burns: una webcam "eccellente"

Chi non conosce il Signor Burns? Il mitico miliardario gracilino proprietario della centrale nucleare in cui lavora Homer Simpson. Se siete tra i suo fan e amate l’aggettivo che ripete sempre: “eccellente”, allora potrebbe piacervi la sua webcam.

L’accessorio riprende il Signor Burns seduto alla sua scrivania nella sua classica posizione. Con le mani a forma di triangolo intento a pensare a qualche cattiveria da realizzare. La qualità video è VGA e può essere collegata al computer attraverso la porta USB. Si può comprare su ThinkGeek al prezzo di 49,99 $, circa 34 €, spese di trasporto escluse.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.