HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

giovedì 10 gennaio 2008

Io sono leggenda - Will Smith a Roma

Sbarcato a Roma per presentare il nuovo film "Io sono leggenda", Will Smith girerà la capitale per promozione, fino alla cena con Silvio Muccino. Gabriele è a Los Angeles e dopo "La ricerca della felicità" dirigerà di nuovo l'attore afroamericano in "Seven Pounds". Smith nel film è Robert Neville, scampato a un virus che ha raso al suolo New York. Deve far fronte alle vittime mutanti dell'epidemia che di notte escono allo scoperto per ucciderlo.
"Io sono leggenda" (nelle sale italiane dall'11 gennaio), ha incassato in meno di un mese 230 milioni di dollari negli States e l'ha definitivamente consacrato attore drammatico, lontano dalle gag del telefilm che lo aveva lanciato "Willy, il principe di Bel Air" e dai ruoli nei blockbuster americani. Smith è il protagonista unico di questo film di fantascienza tratto da un romanzo di Richard Matheson. Nel romanzo di Mathenson (considerato uno dei classici della fantascienza) si raccontano gli ultimi mesi di vita di Robert Neville, unico essere umano superstite in un mondo popolato (apparentemente) da vampiri. La dura lotta che vede Neville protagonista contro queste bande di vampiri è terrificante.
Ogni notte si chiude in casa sua, spesso ubriacandosi e mettendo musica a volume altissimo per non sentire e non pensare ai vampiri che fuori cercano di vincere le barriere che lo stesso Neville ha costruito alle finestre e alla porta. La teoria di Neville è che un virus, a cui soltanto lui è immune (potrebbe sbagliare!), ha reso pazzi tutti i suoi concittadini o magari, per quanto egli possa saperne, il mondo intero. In passato ha "Io sono leggenda" ha avuto altre trasposizioni cinematografiche a cominciare da L'ultimo uomo della Terra un film di fantascienza/horror del 1964 diretto da Ubaldo Ragona e interpretato da Vincent Price, una produzione italoamericana alla cui sceneggiatura partecipò attivamente lo stesso autore. Poi arrivò anche il più noto 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra un film di fantascienza del 1971 diretto dal regista Boris Sagal con Charlton Heston ed infine una sfilza di film che riadattavano l'idea del romanzo come La notte dei morti viventi di Romero.Senza contare l'influenza che ebbe anche sui fumetti ispirando a Jack "The King" Kirby uno dei suoi più grandi capolavori Kamandi, l'ultimo essere umano in un mondo di mutanti.Perciò questo film dovrà essere qualitativamente molto alto se non vuole gli ovvi confronti con l'universo multimediaco già creata in passato dal romanzo di Mathenson.
"La sceneggiatura - ha spiegato Smith - è totalmente concentrata sul mio personaggio e sulle sue reazioni di fronte al fatto che è rimasto completamente solo sulla Terra e deve lottare contro qualcosa che si nasconde nel buio e vuole fargli del male. Sono due paure condivise da tutti e per me mostrare le reazioni possibili di fronte a questi timori è stata una sfida esaltante".
In "Io sono leggenda" emerge anche l'eterno conflitto tra scienza e fede: Smith interpreta lo scienziato Robert Neville, che cerca un vaccino contro il virus, ma il finale del film offre una soluzione quasi mistica della tragica vicenda: "Ci interessava mostrare che esiste sempre una speranza e l'idea che se qualcosa muore nell'universo poi rinasce sotto un'altra forma. Io non credo che scienza e religione si trovino ai poli opposti di una linea retta, ma che facciano parte di una figura circolare unica, e che quindi si sovrappongano e si integrino".

Usa spesso le parole "energia" e "positività" quando parla l'attore afroamericano: "Ho uno spirito allegro, mi piace giocare, e ho bisogno di energia positiva per andare avanti. Ho dovuto combattere per non portare fuori dal set lo spirito cupo che mi veniva richiesto per interpretare Robert Neville. Anzi, credo che il divorzio dalla mia prima moglie, nel '95, sia dovuto anche allo strascico emotivo negativo che mi sono portato dietro dopo il film "Sei gradi di separazione". Oggi faccio di tutto per tenere sempre alto il mio livello di energia".
Will Smith ha spiegato infine che il suo grande amico italiano, Gabriele Muccino, che lo ha diretto nel film di enorme successo "La ricerca della felicità", "è a Los Angeles e sta scrivendo la sceneggiatura del prossimo film che gireremo, Seven Pounds. Ci siamo divertiti moltissimo a lavorare insieme e vogliamo realizzare un altro grande film. Vorrei anche lavorare con il mio carissimo amico Tom Cruise, sono due anni che cerchiamo un buon progetto che ci permetta di collaborare. Chissà che non Gabriele non riesca a farci recitare insieme".
Tra gli altri progetti dell'attore la produzione del remake di "Karate kid". E il protagonista sarà il giovane figlio di Will Smith, Jaden, classe 1998. Will Smith ha così smentito le voci secondo cui la giovane età di Jaden gli avrebbe impedito di recitare nel ruolo di un 14-15enne che, nel film originale del 1984, fu di Ralph Macchio.

"Mio figlio adora le arti marziali e le pratica con passione da due anni - ha detto l'attore - e vuole assolutamente che produca 'Karate kid'. Per questo film ho parlato con molti esperti e ho contattato diversi attori specializzati, tra cui anche Jackie Chan. Mio figlio sarà il protagonista del nuovo 'Karate kid' e io sarò solo il produttore".
Infine Smith ha commentato il lungo sciopero degli sceneggiatori di Hollywood che farà saltare la cerimonia dei Golden Globe e getta un'ombra anche sulla notte degli Oscar: "E' una situazione difficile dove c'è molta energia negativa, ma comunque tutto questo non va visto solo come una cosa orribile: credo che oggi, da entrambe la parti, ci sia voglia di trovare una soluzione".

Nel frattempo finchè aspettiamo l'uscita del film possiamo goderci il trailer italiano.

Trovato in California il Grande Puffo

Paul Karason, 57 anni di Madera in California, ha una caratteristica che lo rende unico. Ha la pelle completamente blu, da 14 anni a questa parte. La colorazione è dovuta ad un vecchio farmaco da lui stesso fatto in casa che l'uomo usò per curarsi una dermatite da stress insorta dopo la morte del padre. Da allora Paul sembra un puffo (mica un supereroe alla Nightcrawler o Bestia o Angelo, figuriamoci poi Mystica), anzi a dirla tutta gli manca il capello per sembrare il grande puffo. Nei giorni scorsi è apparso in tv riscuotendo grande successo.

Il farmaco fatto in casa era a base di "argento colloidale", un vecchio medicinale ampiamente utilizzato prima della scoperta della penicillina che però non riuscì affatto a curare la dermatite ed anzi causò la singolare colorazione bluastra della pelle.

"Ormai c'ho fatto l'abitudine - sostiene Karason - e oltre al colore blu non ho mai avuto altri effetti collaterali. La dermatite non è guarita ma in compenso sono 14 anni che sono sano come un pesce e forse ne è valsa la pena!". Dal 1999 l'argento colloidale è stato messo fuorilegge negli Stati Uniti proprio perchè causa effetti indesiderati a seguito della sua assunzione.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.