HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

martedì 30 dicembre 2008

Unidentified Flying Object il romanzo gratuito di Goldrake

Gianni è un giornalista del Messaggero. Il suo nuovo incarico è di fare chiarezza ad un mistero che aleggia in Giappone. Voci parlano di attacchi alieni, di UFO che distruggono città ed aerei in volo sopra la terra del sol levante. Ad accoglierlo sarà l’equipe del professor Umon, un ricercatore molto importante in Giappone e, responsabile di un istituto di ricerche astronomiche molto conosciuto in tutto il mondo…

Questo è l’incipt dell'e-book Unidentified Flying Object, romanzo dedicato a Atlas Ufo Robot Goldrake / Grendizer, il mitico robot idolo di intere generazioni. L'autore Glauco Silvestri lo rende disponibile gratuitamente all'indirizzo http://www.glaucosilvestri.it/ufo.html

Manga Special Night al Rooms Club per Capodanno

Dopo lo straordinario successo conseguito al Lucca Comics ed al Romics, la notte del 31 dicembre al Rooms Club andrà in scena un grande evento che vedrà protagonista uno dei fenomeni giapponesi del momento: il “Cosplay” (contrazione delle due parole “costume” e “play”).
Per l’occasione popoleranno il club di via della Fornace numerosi Cosplayer direttamente da Tokio.
Una capodanno all’insegna della follia…dedicato a chi non vede l’ora di indossare nuovamente la tenuta da “supereroe”, ma anche a chi vuole trascorrere una notte in mezzo ai più eccentrici personaggi dei cartoons.
Ogni settimana il Rooms Club è teatro di esposizioni curate da artisti emergenti di ogni parte del mondo. Principalmente 2 le location oggetto delle installazioni: lo Show Rooms, un mini-atelier che ospita capricci di moda ed eccentrici capi realizzati da giovani stilisti di passaggio, e i WWC (acronimo di “Wonderful Water Closed”), le provocatorie toilette-spazi espositivi. All’interno di quest’ultimi - come in una vera e propria galleria – regnano le più disparate opere di pittura, scultura ed interior design selezionate secondo il motto "The Right Way To Piss It Out". Avanguardie e follie creative di nuovi - ma anche affermati - talenti si riversano nei 4 metri cubi dei due bagni. Pronte ad essere spazzate via al semplice “tirare della cordicella”, per lasciare il posto alle successive, e ancora più bizzarre, esposizioni della settimana seguente.

. : ROOMS Club : .

Via della Fornace, 9 - FIRENZE
Aperto dalle ore 20 il Giovedì, Venerdì e Sabato
Info: +39.333.5910461
www.myspace.com/roomsclub
Ingresso tassativamente riservato ai soci

Bud Spencer: "Fellini mi voleva... nudo"

Sono tanti gli aneddoti raccontati da uno degli attori più amati nel nostro Paese, Bud Spencer, nella sua biografia "Continuarono a chiamarlo Bud Spencer". Tra questi il rifiuto per "Satyricon". Federico Fellini infatti lo voleva per il ruolo di Trimalcione ed era prevista una scena in cui l'attore doveva stare nudo in una piscina.
Nel libro "Continuarono a chiamarlo Bud Spencer", scritto da Franco Grattarola e Matteo Norcini con la collaborazione di Stefano Ippoliti, viene raccontanto l'incontro tra Bud e Fellini: "Carlo, avrei trovato un ruolo perfetto per te nel Satyricon". Risponde l’attore: "Va bene, Federì, dimmi che devo fare". Spiega il regista: "Trimalcione, quello che era nel triclinio di Nerone... Vedi, tu stai nudo nella piscina e i putti ti mordono il sedere...". "Ah Federì, abbi pazienza, ma io non lo faccio, io nudo in piscina con i putti che mi mordono il sedere. Non ci sto". "Ma come, è il film di Federico Fellini!... Allora non sei un attore!". "Hai detto giusto Federì, non sono un attore".
Il rifiuto in realtà è stato mosso da un atto di coscienza: "Infatti, non sono un attore, sono un personaggio che il pubblico ha gradito. Conosco i miei limiti, so esattamente quello che posso fare e quello solo ho fatto sempre". Tra le proposte che l'attore non ha preso in considerazione quella di recitare ne "L'uomo, la bestia e la virtù" di Pirandello a teatro: "Ho sempre rifiutato le offerte teatrali, perché ritengo che il vero attore sia quello di teatro, che apre il palcoscenico e, se sbaglia una sillaba, viene buttato fuori dal pubblico... Nel cinema, al quarantesimo ciak, anche una scimmia riesce a far bene la scena".

Image Comics - leggete gratis tutti i primi numeri

Se per voi leggere un fumetto in lingua originale non è un problema, fate un salto sul portale ufficiale della casa editrice Image Comics. Da diverso tempo è stata allestita una pagina dove è possibile sfogliare gratis tutti i primi numeri delle loro serie!
Provate a dare uno sguardo alle bellissime tavole di Age of Bronze (by Eric Shanower), di Girls (by The Luna Brothers) o a quelle di Fell (by Warren Ellis) e di Invincible (by Robert Kirkman): tutte opere reperibili in edizione italiana!
Inoltre vi ricordo che Newsarama ha pubblicato il primo numero integrale di Guerillas di Brahm Revel, una miniserie da 9 numeri ambientata in Vietnam nel 1970 (cliccate qui per leggere le prime 28 pagine in b/n).

I puffi al supermercato - Video olandese


In Olanda per pubblicizzare la catena di supermercati della Albert Heijm di Amsterdam è andato in onda in tv questo simpatico spot. Inoltre il grande magazzino offriva un pupazzetto in plastica dei Puffi per ogni acquisto superiore ai 15 € e si poteva scegliere tra quindici esemplari diversi.

domenica 28 dicembre 2008

Addio a Eartha Kitt, la prima Catwoman afro-americana

La cantante e attrice Eartha Kitt è morta mercoledì di tumore del colon all'età di 81.
Affascinante cantante, ballerina e attrice è passata dai campi di cotone Sud Carolina a diventare un simbolo internazionale di eleganza e sensualità.
Andrew Freeman ha dichiarato che Kitt è morta il giorno di Natale di tumore del colon, tumore per cui si era recentemente sottoposta a cure presso il Columbia Presbyterian Hospital di New York.
Kitt, si auto-proclamò "sex kitten" famosa per il suo purr felino, è stata una degli artisti americani più versatili, vincendo due Emmys e ottenere una terza candidatura, inoltre è stato nominato per due Tony Awards ed un Grammy.
Eartha Kitt inoltre è famosa per essere stata la prima Catwoman afro-americana della storia, infatti quando Julie Newmar non fu disponibile per la terza stagione del telefilm degli anni 60 di Batman, fu chiamata Kitt a sostituirla, divenendo un icona della cultura popolare, tanto che la sua interpretazione è stata usata come guida per il film Catwoman con Halle Barry di qualche anno fa.

Per maggiori informazioni cliccate qui.

Il nuovo trailer di Mostri vs. Alieni!


Nuovo spassosissimo trailer per Mostri vs. Alieni, atteso nuovo film d'animazione targato Dreamworks! In uscita nei cinema il prossimo 3 aprile, diretto da Rob Letterman e Conrad Vernon, e con le voci di Will Arnett, Paul Rudd, Seth Rogen, Hugh Laurie, Reese Witherspoon, Rainn Wilson, Kiefer William Sutherland, Stephen Colbert e Un Credit, il film sarà la prima pellicola interamente pensata e realizzata in 3D dalla Dreamworks Pictures.

Leopoldo Bloom pubblica State of Mind di Sebastiano Festa e Nagai Yoshitaka

Leopoldo Bloom pubblica State of Mind, reperibile in tutte le fumetterie e librerie specializzate.
Il volume in questione è soltanto il primo di tre numuri scritti da Sebastiano Festa e disegnati da Nagai Yoshitaka. Il volume d’apertura è intitolato Mass (formato: 21×30; Brossura - 136 pagine - € 12,00).
Ecco la presentazione ufficiali dei contenuti di State of Mind:
E se vi dicessero che avete ancora pochi mesi di vita? Che fareste? Probabilmente pazzie che mai vi sareste sognati di fare. Oppure vi occupereste delle “faccende in sospeso” e ve ne andreste in giro a salutare per l’ultima volta tutte le persone che avete amato. Billy invece ha deciso di seppellirsi nella sua solita routine, senza dire niente a nessuno.
Torri Gemelle e terrorismo globale? Fumetti e pirateria informatica? Scie chimiche e vaccinazioni di massa? Serial killer e tv spazzatura? Come se niente avesse più senso, Billy cammina indolente tra le ombre di un mondo che si fa via via sempre più vuoto e sempre più distante, come un vecchio film in bianco e nero. Un mondo che all’improvviso si popola di voci, laddove dovrebbe esserci soltanto il silenzio. Voci impossibili da ignorare.
Il primo capitolo di una trilogia su un intricato stato di coscienza.

Secret Invasion e i Vendicatori

In Secret Invasion vediamo portarsi a termine l'invasione segreta degli alieni mutaforma Skrulls che tentano di conquistare il nostro pianeta. Per quanto l'invasione non vada a buon fine, le perdite sono altissime. In conseguenza di quanto è successo Tony Stark viene rimosso dal suo incarico di Direttore dello S.H.I.E.L.D. al suo posto viene promosso Norman Osborn, al suo comando passa oltre allo S.H.I.E.L.D. anche l'Iniziativa. E' l'inizio del nuovo status quo del Marvel Universe, il Dark Reign, infatti proprio nell'ultima pagina di Secret Invasion, vediamo una riunione di un gruppo di personaggi, voluta da Norman Osborn. Questi personaggi i Dark Illuminati, il nome non è ufficiale, sono Emma Frost, Namor, il Dottor Destino, Hood, Loki e Norman Osborn, loro guiderranno, almeno nelle intenzioni del Foletto Verde, le fila del Marvel Universe negli anni a venire.
Inoltre Norman Osborn avrà una propria squadra di Vendicatori, i Dark Avengers, gruppo sponsorizzato dal governo di cui faranno parte il misterioso Iron Patriot, Ares, Marvel Boy, uno Spider-Man con il costume nero (probabilmente Venom), Occhio di Falco (probabilmente Bullseye) e una donna con un vecchio costume di Ms Marvel (probabilmente Moonstone).
Le altre due formazioni dei Vendicatori cambieranno soprattutto i Mighty Avengers in cui avremo Scarlet, Visione, Hulk, Stature, Ercole, Iron Man, Jocasta, Hank Pym e US Agent. Mentre nei Nuovi Vendicatori avremo Luke Cage, Spider-Man, Wolverine, Capitan America, Ronin, Ms Marvel e Spider-Woman.

sabato 27 dicembre 2008

Dick Fulmine, i 70 anni dell'eroe del fumetto fascista

Il 2008 per il fumetto italiano non è stato solo quello del compleanno di Tex, che ha spento sessanta candeline. Ne ha compiuti dieci di più un personaggio oggi poco conosciuto, "nato" nel 1938 tre mesi prima di Superman, che a suo tempo ebbe un travolgente successo diventando il primo vero esempio di eroe "made in Italy".
Stiamo parlando di Dick Fulmine, creato dalla penna di Vincenzo Baggioli e dalle matite di Carlo Cossio tra i tavoli del “Bar degli sportivi” di Milano, come vuole la leggenda. Dick Pestalozza, detto Fulmine, ebbe immediato successo in quanto rappresentava l’immaginario collettivo cinematografico e letterario dell’Italia fascista: forte, sportivo, legato al mito americano, un po' poliziotto e un po' pugile, in una sola parola un “duro”, Fulmine riuscì a reggere la concorrenza dei comics americani di allora.
Presentato inizialmente come poliziotto italo-americano che sgomina il crimine infischiandosene della disciplina e dell’autorità, Fulmine opera in una improbabile Chicago, rivendicando però spesso la sua italianità.
Corpulento (una via di mezzo tra Primo Carnera e il Maciste che furoreggiava a quei tempi sugli schermi), mascella squadrata, sempre pronto ad una scazzottata, violento quanto basta, l’eroe di Cossio e Baggioli, a differenza di molti eroi americani, uccide senza pensarci su, ma non colpisce mai a freddo.
Ben presto gli autori gli fanno ruotare un manipolo di “cattivi” fissi, tra cui spiccano l’enorme caraibico Zambo e Maschera Bianca, dotato di una rivoltella a gas che stordisce e uccide, e una spalla, naturalmente tedesca, il poliziotto Karl Gogint, che però dura poco. Più difficile il rapporto di Fulmine con l’altro sesso: qualche apparizione qua e là di belle donne, ma una figura come l’”eterna fidanzata” manca del tutto.
Favorito dal Minculpop, il ministero della Cultura Popolare dell’Italia fascista, che alla fine del '38 vieta le pubblicazione di fumetti esteri (divieto stranamente non previsto per i personaggi Disney), Fulmine decolla, diventando praticamente l’unico eroe in circolazione.
Ma la guerra è alle porte, e anche il nostro Dick ne viene coinvolto. Arruolatosi due volte (probabilmente per un errore degli autori), Fulmine combatte su tutti i fronti, dall’Africa alla Russia, sconfiggendo gli inglesi (che, guardacaso, hanno arruolato Zambo e Maschera Bianca) e trionfando ovunque in nome della sua italianità. In questi anni fanno il suo ingresso anche due nuovi cattivi, Flattavion, una sorta di Mandrake con la bombetta al posto del cilindro, e il sudamericano Barreira.
Nel '41 una svolta clamorosa: Fulmine cambia faccia. Con l’espediente di un’intervento chirurgico a seguito di un incidente, alla mascella maschia e volitiva, troppo “americana”, si sostituisce un viso più bello e giovanile.
Dal 1943, con l’infuriare della guerra, le avventure del nostro eroe vengono prudentemente fatte svolgere in Sud America e nei mari del Sud, cercando di distogliere l’attenzione dal dramma quotidiano che si stava consumando.
Fulmine, tra mille difficoltà, resiste mentre il mercato scompariva, e alla fine della guerra si pone come ponte ideale tra le generazioni di lettori.
Con un nuovo soggettista, Andrea Lavezzolo, che migliora la qualità delle storie, Fulmine, nell’immediato dopoguerra torna nella sua Chicago, riprende quei tratti di “americanità” bandita dal fascismo e ben presto torna anche il “mascellone”.
Dall’America Dick si muove a Singapore e in Messico, dove inizia una lunga avventura nel bel mezzo di una rivoluzione, forse metafora del caos politico dell’Italia di allora (tra l’altro, curiosamente, nessuna storia di Fulmine si svolge nel nostro Paese).
Alla fine del '45, esce “La legione del mistero”, unanimamente riconosciuta come la più bella avventura di Fulmine, non portata a termine per la chiusura della testata dove la storia era pubblicata. Da quel momento comincia l’inarrestabile parabola discendente del nostro eroe: a poco serve mettergli una mascherina (si lancia infatti un improbabile “Fulmine mascherato”) e a riproporre le scazzottate dei vecchi tempi.
Soppiantato dai nuovi personaggi del fumetto, nel 1950 Dick Fulmine, dice arrivederci. Tornerà quattro anni dopo, in una veste più malinconica rimpiangendo i tempi andati. La nuova serie resisterà solo un anno, fermando a 411 gli albi con le storie dell’eroe di Cossio e Baggioli.

Fullmetal Alchemist - il manga si chiuderà col 21esimo volume

Purtroppo sul ventunesimo tankobon della serie originale giapponese di Full Metal Alchemist (pubblicato il 22 dicembre) l’autrice, Hiromu Arakawa, ha dichiarato che il manga verrà concluso presto.
E’ iniziata la narrazione dei capitoli finali che leggeremo sicuramente per tutto il 2009. In Italia Fullmetal Alchemist è pubblicato da Panini Comics/Planet Manga in albi da 190 pagine al prezzo di € 3.90.

WALL-E: come costruire un vero robot

Come costruire un vero WALL-E, ovvero un robot che forse non vi pulirà casa, ma che è in grado di muoversi. Il robot di WALL-E muove le braccia, la testa, apre il cassetto anteriore e accende gli occhi. Le dimensioni sono ridotte: 150mm x 150mm x 160mm di altezza.
Le istruzioni per un WALL-E fai-da-te le trovate su Instructables.

Domani tornano in edicola i Puffi

L’opera completa di Peyo, da domani 28 dicembre verrà distribuita in allegato al quotidiano La Stampa. La collana I Puffi è stata già proposta (stessa edizione) da Planeta DeAgostini che, dopo aver completato la distribuzione in fumetteria, aveva rilanciato in edicola la serie attraverso i quotidiani La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino.
Adesso, come già detto, è il turno de La Stampa, che proporrà il primo volume al prezzo di 2,95 euro (i restanti volumi saranno venduti a 5,95 euro).

giovedì 25 dicembre 2008

mercoledì 24 dicembre 2008

Fumetti a Natale: Kringernaut contro Babbo Natale

Non potete rinunciare alla vostra dose quotidiana di fumetti nemmeno a Natale? In questi giorni di festa potete leggere il webcomic Kringernaut, disegnata da Scott Kurtz per la rivista PvP. Kringernaut vuole distruggere il Natale. Per fortuna Babbo Natale può contare sulla Jingle Force Five, un gruppo di supereroi guidato dal Professor X-Mas (vi ricorda qualcuno?).
Il Natale 2008 sarà tutto da ridere con Kringernaut!

Alien Press - nuove serie in arrivo e collaborazione con Frank Was Here

Alien Press scende dal camino per lasciare in tutte le vostre case tantissimi fumetti gratuiti e meravigliosi.
Nell’ultimissimo aggiornamento rilasciato dalla casa editrice online leggiamo dell’esordio di tre nuove serie. Il lancio di questi piccoli successi è dovuto anche alla collaborazione dello staff del sito Frank Was Here (partnership destinata a durare a lungo e a portare grandi cambiamenti nella Alien Press).
Ecco i nomi di questi fumetti già affermati in Usa: Kukuburi, Anders Loves Maria e Octupus Pie (quest’ultimo vincitore del premio Web Cartonists’ Choice nel 2008).

Kukuburi
Nadia consegna pacchi a domicilio nella caotica città di Big City. La sua vita è all’improvviso sconvolta quando si trova – meno per caso di quanto le sembri - ad attraversare un comune cancelletto bianco che conduce in realtà in un altro mondo chiamato Inbetween. La storia di Kukuburi si snoda attraverso le rocambolesche avventure di Nadia in questo nuovo strano mondo popolato da bizzarre creature che paiono fuoriuscite direttamente dalla fantasia di un bambino. Kukuburi è ricco di colpi di scena e avventure mozzafiato dietro ogni pagina.
L’autore di questo web comic è il canadese Ramón Perez, un cartoonist di evidente talento il cui lavoro si può apprezzare anche leggendo un altro rinomato web comic dal titolo Butternutsquash
Il punto che maggiormente colpisce di Kukuburi è certamente la bellezza delle tavole. L’aspetto grafico è qui portato ai massimi livelli; i protagonisti sono certamente le forme ed i colori il cui impatto è cassolutamente preponderante nella scena. Nonostante ciò la cura ai dettagli è notevole. Da notare per esempio come l’uso di font diversi per ogni personaggio sia un espediente interessante per “dare la voce” ai personaggi.

Pubblicato in collaborazione con Frank Was Here.
Soggetto e sceneggiatura: Ramón Perez
Disegni: Ramón Perez
Traduzione: Gabriele Visconti
Lettering: Jacopo Rabolini
Website versione inglese: http://www.kukuburi.com/

Anders Loves Maria
Anders Loves Maria nasce come una sit-com che narra le vicissitudini di una giovane coppia svedese alle prese con gli alti e bassi di una relazione inserita nel contesto della vita moderna di città.
Le situazioni messe in scena dall’autrice canadese-svedese Rene Engstrom, puntano ad esplorare tutti gli aspetti, da quelli mondani a quelli intimi, della vita di coppia, mettendo in luce le problematiche, i contrasti, le nevrosi, così tipiche nella generazione dei trentenni di oggi.
Il disegno è molto colorato ed estremamente pulito e preciso.
La sceneggiatura è fluida e i dialoghi semplici nella forma ma sempre ricchi di sfumature e funzionali allo svolgimento della trama.

Pubblicato in collaborazione con Frank Was Here.
Soggetto e sceneggiatura: Rene Engström
Disegni: Rene Engström
Traduzione: Gabriele Visconti
Lettering: Jacopo Rabolini
Website versione inglese: http://anderslovesmaria.reneengstrom.com/

Octupus Pie
Vincitore del premio Web Cartonists’ Choice nel 2008, Octopus Pie narra le avventure di due ragazze di Brooklyn che, nonostante le loro diversità, finiscono per diventare coinquiline.
Le situazioni messe in scena dall’autrice, la statunitense Meredith Gran, sono cariche di cinismo e ricche di riferimenti a luoghi comuni e fatti della vita reale.
Particolare attenzione è stata messa nella caratterizzazione dei personaggi. Parte del meccanismo di questa sit-com a fumetti sta proprio nell’interazione tra la conformista stressata Eve e Hanna, la sua coinquilina sregolata sotto ogni punto di vista.

Pubblicato in collaborazione con Frank Was Here.
Soggetto e sceneggiatura: Meredith Gran
Disegni: Meredith Gran
Traduzione: Gabriele Visconti
Lettering: Angela Bondi
Website versione inglese: http://www.octopuspie.com/

http://www.alienpress.it/
info@alienpress.it

Superman posa per Vogue America

In gennaio sfogliando le patinate pagine di Vogue America avremo il piacere di rituffarci nelle caotiche avventure di Superman! Si perchè l'uomo d'acciaio si riaffaccia ancora una volta sul mondo della moda come quando qualche anno fa indossò il famoso costume bianco e azzurro disegnato da Calvin Klein, solo che stavolta l'ultimo figlio di Krypton gioca fuori casa con servizio fotografico realizzato da Mario Testino, questo servizio condito di tanta ironia e divertimento ci offre il fascino romantico e scanzonato di David Gandy e la bellezza tutta glamour di Carolyn Murphy.




Keroro e l'ecologia: in Giappone il manga ambientalista

Keroro come Al Gore. L’Association of Japanese Animations e Seibu Railway hanno lanciato in Giappone una rivista per sensibilizzare il pubblico dei giovanissimi sul tema dell’ecologia.
La rivista si chiama Anicco (Anime & Eco) e vedrà alcuni personaggi di anime e manga impegnati a spiegare come salvare la Terra dall’inquinamento. Il protagonista del primo numero è proprio Keroro che nei giorni scorsi è nadato in visita al Ministro dell’Ambiente giapponese Tetsuo Saitō per presentare la rivista.

Due iniziative per "Un Secolo di Fumetto Italiano"

Il Comitato Nazionale "Fumetto100" si appresta a celebrare le due date cardinali per la Storia di "Un Secolo di Fumetto Italiano".
Per ricordare questa duplice data, nell'ambito delle proprie attività di valorizzazione del patrimonio storico del fumetto italiano, il Comitato "Fumetto100" segnala due iniziative: un sito Internet, e la collaborazione a una grande mostra.

- Il 22 Dicembre 2008, a cento anni dalla nascita di GianLuigi Bonelli, si inaugura il sito Internet www.fumetto100.it . Pensato come la vetrina collettiva del progetto, accoglierà informazioni relative alle attività realizzate e ai progetti finanziati e/o patrocinati. Inoltre, esso fornirà una serie di risorse storiche e informative. Queste ultime, messe a punto, aggiornate ed arricchite nei prossimi mesi dai più competenti protagonisti ed esperti italiani, vogliono offrire al libero accesso in Rete una serie di risorse informative inedite e di qualità, utili a ripercorrere e fornire alcune coordinate fondamentali sul percorso del fumetto italiano attraverso tre sezioni: "Cronologia", "Autori" e "Personaggi" che hanno fatto la Storia del fumetto nazionale.

- Il 27 Dicembre 2008, a cento anni dalla nascita del Corriere dei Piccoli, entra nel vivo la campagna di comunicazione che annuncia la mostra "Corriere dei Piccoli. Storie, fumetto e illustrazione per ragazzi" (dal 22 Gennaio al 17 Maggio 2009, presso La Rotonda della Besana a Milano), promossa da Fondazione Corriere della Sera e di cui il Comitato è co-promotore. Nell'ambito di questa mostra, nelle prossime settimane Fondazione Corriere della Sera e Comitato Fumetto100 definiranno un programma di incontri e dibattiti che accompagneranno lo svolgimento dell'esposizione.

Dopo un autunno dedicato ai primi progetti (lo stand collettivo "Fumetto!" alla Frankfurter Buchmesse, in collaborazione con Napoli Comicon; l'emissione filatelica dedicata al Corriere dei Piccoli, in collaborazione con ANAFI), in occasione di queste date celebrative il Comitato "Fumetto100" entra nel vivo delle attività, che si svolgeranno lungo l'arco del 2009 e proseguiranno oltre!
E' tempo di celebrare un secolo di Fumetto Italiano. La Festa continua!

Supergulp Fumetti in Tv dal 2009 in edicola

Ci è giunta notizia di come sia prossima una ri-edizione in dvd della trasmissione Supergulp i Fumetti in Tv. A curare questa iniziativa sarà la Gazzetta dello Sport, che prevede di comprendere il meglio della celeberrima trasmissione in 16 uscite; a dare questo annuncio è stato Fabio Licari in una missiva ai nostri colleghi di Comicus, in cui si chiarisce anche lo stile e lo spirito dell’iniziativa.
“niente monografie, ma supergulp com’era, con nick carter patsy e ten che presentano le storie, da sm a mandrake da aford a thor da cino&franco fino al signor rossi, sigle storiche e tutto come… gli anni 70, compreso un tono vintage delle pellicole, non sempre si può intervenire nè digitalizzare nè le immagini saranno come quelle di un blue-ray, ma questa è la storia della tv (e dei cartoons e dei fumetti)”
Non resta quindi che attendere con ansia l’uscita di questo ottimo prodotto, per potere godere della visione di quelle puntate che hanno fatto la storia della televisione e del fumetto!

sabato 20 dicembre 2008

OTOMEN e ARRIVARE A TE i nuovi manga di Planeta DeAgostini

Questa settimana Planeta DeAgostini propone due nuovi manga, sicuramente indirizzate ad un pubblico diverso da quello abituato ai supereroi. Ecco spuntare Otomen di Aya Kanno, che punta i riflettori sulla vita di un ragazzo effeminato; inoltre questa settimana troverete in libreria Arrivare a te di Karuho Shiina, le strane avventure di una ragazza di successo.
OTOMEN N.1
di Aya Kanno
B, 200 pp, b/n € 3,95
Asuka è uno studente di talento, bello e praticante di diverse arti marziali giapponesi. È un tipo ben piantato. Tuttavia ha un grande segreto. Adora i manga per ragazze, le cose belle, cucinare e i lavori di casa… Scopri com’è la vita di un ragazzo effeminato “otomen”, la parola che è entrata di moda in Giappone grazie a questo fumetto!

ARRIVARE A TE N.1
di Karuho Shiina
B, 208 pp, b/n € 4,95
Tutti temono la povera Sawako a causa della terribile fama che il suo nome suscita e, per evitare di farla arrabbiare, le chiedono sempre scusa per ogni cosa. Kazehaya è l’unico a trattarla normalmente, senza fare distinzioni, e Sawako rimane colpita da questo suo comportamento. Grazie alle sue parole d’incoraggiamento, Sawako ha la sensazione che la sua vita possa finalmente cambiare… A inizio estate, decide così di accettare la parte di fantasma nella prova di coraggio della sua classe!

Gormiti e Mermaid Melody, dalla tv ai cd: escono due raccolte natalizie

In occasione delle feste natalizie, R.T.I. dedica ai bambini due novità ispirate ai programmi della tv Mediaset, ma soprattutto due veri cult della fantasia. I guerrieri dell'isola di Gorm hanno conquistato il giovanissimi telespettatori e sono ormai al centro di giochi, collezioni ed ora anche di canzoni da ascoltare e cantare con gli amici. Il cd trasporterà nel mondo della serie tv i bimbi che potranno vivere le emozioni dei loro eroi e scatenarsi insieme ai mitici Gormiti.
Con le fantastiche canzoni dei Popoli di Gorm saranno compresi anche tutti i testi per imparare i brani. Il cd Gormiti, che miti! regala ai piccoli fan della serie di Italia1 la sigla del cartone e altri brani (L'isola di Gorm, Il Popolo della Foresta, Il Popolo dell'Aria, Vulcano sarà, Gli occhi della vita, Il Popolo del Mare, Il Vecchio Saggio, Orrore, Magmion, Gli antichi guardiani, Il Popolo della Terra, Lavion).
Altrettanto vale per le Principesse Sirene: Lucia, la Principessa Sirena dell'Oceano Pacifico del Nord, Hanon la Principessa dell'Oceano Atlantico del Sud, Rina la Principessa dell'Oceano Atlantico del Nord ovvero le “Mermaid Melody”, protagoniste dei giochi e della fantasia delle bambine.
Per loro è nato il divertentissimo dvd musicale-educativo Canta e balla con Mermaid Melody!. Originale e innovativo, il dvd contiene 3 differenti sezioni per imparare a ballare e cantare sulle note della colonna sonora . La prima sezione propone 6 brani danzati da tre vere ballerine-sirene, che mostrano in video le divertenti coreografie da riprodurre, la seconda parte spiega i passi e la terza è il karaoke delle canzoni. Le nuove idee da mettere sotto l’albero sono disponibili nelle edicole.

Naruto Shippuden – Il trailer ufficiale del sesto film

È online il trailer ufficiale del sesto film di Naruto, creatura dell’autore Masashi Kishimoto, che quest’anno celebrerà i suoi primi 10 anni di pubblicazione.
Terzo film dedicato esclusivamente a Shippuden ma sesto in generale, questo nuovo lungometraggio rimane a tutt’oggi avvolto nel mistero. Da quanto si riesce a capire dal trailer, vedremo tutti e 3 i team principali del villaggio di Konoha alle prese con il terribile Orochimaru, che questa volta sembra vedersela anche con Deidara e Tobi dell’Akatsuki. Il livello dell’animazione sembra leggermente migliore delle puntate settimanali di Shippuden, anche se è ancora presto per dare giudizi complessivi.
Potete vedere il trailer ufficiale da questo link.

Ritorna Zorry Kid di Jacovitti

«Esbiros de la malonza, mi son qui por farve la fiesta!»: occhio, è arrivato il ciclone Zorry Kid che «escribe la zeta da por todos», combatte i cattivi in divisa e salva i vecchi con la gotta. Insomma, il leggendario eroe mascherato che cavalca tra Messico e California raddrizzando torti e salvando fanciulle nella rilettura dell'irresistibile Benito Jacovitti. Benedetto Jac! Le sue storie zeppe di disegni e parole rimettono in bocca quel gusto goliardamente trasgressivo dell'adolescenza raccontata al Vitt, diario di lezioni e passioni.
Curato dall'enciclopedico Gianni Brunoro, Zorry Kid, tutte le avventure del vendicatore mascherato, è un volume, edito da Stampa Alternativa/Equilibri, di sicuro divertimento che dimostra la centralità di Jacovitti nel fumetto italiano del quale è certo il più grande umorista.
Zorry Kid arrivò sulle pagine del Corriere dei Piccoli nel 1968 in occasione del ritorno televisivo della serie più famosa del vendicatore mascherato, prodotta tra il 1957 e il 1959 dalla Disney con l'attore Guy Williams (che in realtà si chiamava Guido Catalano, di qui l'aspetto latino) a vestire i panni di don Diego de la Vega, protagonista della saga inventata nel 1919 da Johnston McCulley. Jacovitti riprende la storia per interpretarla nei suoi canoni: dalla storpiatura yankee in Zorry Kid al suo alter ego smidollato Kid Paloma (il don Diego a fumetti), al maggiordomo-complice Carmelito Battiston. Palma non ha un padre (come don Diego) ma un collerico nonno (che molto ispirerà Luciano Secchi per il suo Numero Uno dei Tnt) don Alvaron de la Gota, il sergente Garcia è Martin Pelota mentre la pulzella è una virago di nome Alonza Alonza detta Alonza. Di qui parte il lungo racconto delle «avventure» del ridicolo baffuto Zorry Kid, storie di un dinamismo eccezionale, sorretto dalle inquadrature cinematografiche e stetoscopiche che costituiscono la cifra della genialità artigiana di Jac.
Ancora un rimando al 1968 sulla stessa via maestra dell'umorismo che rilegge e reinterpreta. E' in libreria Il torero Camomillo (Gallucci, pp. 30, e 16,50) per i pennelli di Guido Silvestri, il Silver creatore di Lupo Alberto, che ha dato corpo alla celebre canzone dello Zecchino d'oro (successo del 1968) interpretata dal Piccolo Coro dell'Antoniano nel cd allegato al volume. Matador tranquillo e sonnacchioso, Camomillo è ritratto da Silver al centro dell'arena mentre accarezza il toro che poi gli farà da materasso. E si può cantare a squarciagola .
Umorismo d'autore con Quino (Joaquin Salvador Lavado) del quale è disponibile Quanta bontà! (Magazzini Salani, 1pp. 25, e 14) raccolta di sagaci istantanee della nostra quotidianità, sviluppate dalla ben nota ironia di Quino, conosciuto soprattutto per essere il padre della terribile «bambina» Mafalda. Sotto lo sguardo attento e smarrito di un Creatore occhialuto e davvero preoccupato…

AFuI vs Panini - L'analisi di House of Mystery

polverone sollevato dal comunicato AFui contro Panini e la diffusione di Death Note ha provocato una forte reazione da parte dello staff di Panini Comics.
Luigi Siviero, sul suo blog House of Mystery, ha analizzato bene la discussione nata tra associazione e casa editrice, cercando di cogliere i veri problemi alla base di questa vicenda.
Guardate cosa scrive:
I lettori che se la sono presa con Panini Comics quando hanno letto il comunicato dell’AFuI non si sono arrabbiati per il fatto che edizione normale (4,50 euro) e Deluxe (5,90 euro) sono in tutto e per tutto uguali tranne che per il prezzo e la presenza della sovracoperta nella Deluxe. Era chiaro fin dall’inizio e hanno acquistato l’edizione Deluxe consapevolmente.
E allora perché si sono arrabbiati? L’edizione Deluxe ha un’altra caratteristica che la differenzia da quella normale: la tiratura più bassa. I lettori che hanno pagato 5,90 euro per l’edizione Deluxe non hanno speso 1,40 in più solo per la sovracoperta ma anche per il presunto valore collezionistico dell’albo.
Nel momento in cui Panini aggiunge la sovracoperta agli albi da 4,50 euro, la Deluxe smette di essere a tiratura limitata e il suo valore collezionistico cala. Cioè viene meno il motivo per cui molti lettori avevano preso la Deluxe.
Vi chiederete da cosa si distinguono - o dovrebbero distinguersi - le due edizioni. Inizialmente il prezzo di 5,90 euro era stampato sia sulla sovracoperta sia sull’albo vero e proprio. Cioè: se l’acquirente toglieva la sovracoperta vedeva il prezzo di 5,90 euro stampato in copertina.
Ed è per questo motivo che l’AFuI non ha detto nulla nove mesi fa. Nove mesi fa il problema di cui si lamenta l’AFuI non esisteva.
Di recente Panini Comics ha preso i resi delle edicole - cioè le edizioni normali prezzate 4,50 euro, spesso con un codice a barre incollato dal distributore in piena copertina - e le ha distribuite in fumetteria come Deluxe aggiungendo la sovracoperta. Quindi il lettore che toglie la sovracoperta non trova più stampato il prezzo di 5,90 euro, bensì di 4,50.
Ora ci sono in circolazione due Deluxe: quella che sull’albo è prezzata 5,90 euro e quella che è prezzata 4,50.
Personalmente trovo che spendere 1,40 euro di sovrapprezzo solo per una insignificante sovracoperta e per il presunto valore collezionistico sia assurdo. Però c’è tanta gente che non la pensa come me, altrimenti non esisterebbe un’edizione Deluxe. Il target di un’edizione del genere è proprio il lettore collezionista che è contento di avere nella sua libreria dei pezzi rari (o presunti tali) e esauriti. E probabilmente Panini Comics si è inventata la Deluxe proprio per raggiungere quel target!
Distribuende le copie normali come Deluxe la casa editrice ha tradito il motivo per cui ha creato la Deluxe!
Il comportamento di Panini Comics non solo non è molto corretto ma è anche assurdo. Non si può fare un’edizione a tiratura limitata sapendo (e probabilmente sperando) che si esaurisca in fretta e poi correre ai ripari perché c’è richiesta di più copie. La Deluxe è Deluxe solo perché le copie sono poche (come qualità dell’edizione non è che sia granché deluxe…)!

venerdì 19 dicembre 2008

The Punisher: War Zone flop al botteghino

Uscito come da previsioni il 5 dicembre scorso in America, il nuovo film a fumetti targato Marvel ha fatto flop! Poco più di 5 milioni di dollari di incasso contro un budget di oltre 35 milioni; dopo la prima settimana di programmazione. Un piccolo disastro, anche se la pellicola ancora non è uscita all'estero. Anche in virtù del fatto che nella prima settimana di uscita, il film Lionsgate, tratto dal fumetto Marvel , è stato proiettato in ben 2.500 sale.

Il secondo capitolo della serie cinematografica dedicato al Punisher della Marvel , - il primo capitolo è del 2004 e si intitolava semplicemente The Punisher - è diretto da Lexi Alexander, la quale non è propriamente una regista qualunque. Nota nel mondo anglosassone, non certo da noi, per aver realizzato Hooligans , sulle esperienze del fratello minore tifoso estremo di calcio; la Alexander ha un passato da campionessa del mondo di karate e kickboxing , un fisico adeguato al ruolo e un'età decisamente verde per dirigere un blockbuster hollywoodiano. A completare il profilo da outsider della regista c'è la sua provenienza europea, è nata a Manneheim in Germania, la sua avvenenza e il suo impegno per le cause civili, che la rendono decisamente fuori dalle righe dell'establishment degli studios.
Nel cast troviamo Ray Stevenson nella parte del protagonista ( nell'altro film il ruolo di Punisher era andato a Thomas Jane ); accanto a Stevenson troviamo: Dominic West il cattivissimo "Mosaico", Doug Hutchinson, Colin Salmon, Wayne Knight, Dash Mihok e Julie Benz, avete presente Dexter in tv? Nel telefilm lei è Rita, la girlfriend, un poco sui-generis, del protagonista. Qui è la compagna del Punitore.
The Punisher War Zone dovrebbe sbarcare sui nostri schermi in primavera.

Matteo Lolli disegna i "Marvel Adventures"

Da qualche anno la "Casa delle Idee" ha dato vita al marchio "Marvel Adventures", un "universo parallelo" fuori dalla continuity ufficiale, in cui sono ambientate serie destinate ad un pubblico di ragazzi e dedicate a quei super-eroi che sono diventati (o stanno per diventare) famosi attraverso i film a loro dedicati. Alcune fra le collane inserite in questo progetto hanno qualcosa in comune anche alla voce "credits": il nome del disegnatore Matteo Lolli. L'artist bolognese, infatti, dopo aver vinto il Chesterquest ha esordito sulle pagine di "Marvel Adventures Iron Man" # 13, è passato su "Marvel Adventures The Avengers" # 30 per poi approdare su "Marvel Adventures Super-Heroes" # 6, ma ha lasciato un segno anche su "Marvel Adventures Fantastic Four" # 40, realizzandone la storia d'appendice. Illustrando le sceneggiature di Fred Van Lente (Iron Man e Super Heroes), Jeff Parker (Avengers) e Joe Carmagna (Fantastic Four), l'artist nostrano mette in mostra un tratto pulito e un'ottima capacità di adattamento.
Dalle matite iper-dettagliate e attente agli aspetti tecnologici necessarie per Iron Man, si passa allo stile caldo e cinetico usato per le scene di gruppo dei Vendicatori. La leggibilità è sempre garantita da scelte molto classiche e ordinate nella strutturazione della tavola e delle vignette, risultando perfetta per il target che queste collane si prefiggono di raggiungere. Per conoscere meglio l'autore e ammirare alcune sue deliziose illustrazioni, vi invitiamo a visitare il blog ufficiale di Matteo Lolli.

Eddie Murphy nel nuovo Batman

Mentre il "Cavaliere oscuro" prepara il suo assalto alla prossima serata degli Oscar e potrebbe essere incoronato miglior film del 2008, cominciano i preparativi per il prossimo episodio della serie dedicata a Batman. Un episodio pieno di stelle. Secondo il "Sun" si fanno i nomi di Eddie Murphy nel ruolo di Riddler e Shia LaBeouf per quello di Robin. Ovviamente confermato Christian Bale nel ruolo dell'uomo pipistrello.
Se le notizie riportate dal tabloid inglese saranno confermate, oltre a nomi di forte richiamo ci si troverà di fronte a scelte che sembrano garanzia di un prodotto di alto livello. Al di là del fatto che bisognerà abituarsi all'idea di un Riddler di colore, è infatti difficile immaginare una risata più nella parte di quella di Eddie Murphy (più ancora di Jim Carrey che lo impersonò nel 1995 nello sciapo "Batman forever"), così come il viso pulito di LaBeouf è perfetto per Robin.
Il film, il cui titolo al momento è "Gotham", è previsto per il 2010 e sarà diretto ancora una volta da Christopher Nolan che dovrebbe così concludere la trilogia iniziata con "Batman Begins" e proseguita con "The Dark Knight". Quanto a Bale sembrava molto indeciso se proseguire ma alla fine si è fatto convincere. "Chris non era convinto di voler fare un altro film della serie - ha riferito una fonte - ma non appena ha rotto gli indugi si è messo all'opera carico di energia. Eddie è un innesto fantastico. Tutti sono eccitati all'idea di vedere cosa farà con il personaggio di Riddler".
Come detto però, se le notizie saranno confermate. Infatti qualche voce dagli ambienti della Warner Bros, ma ancora priva dei crismi dell'ufficialità, ha già dato per falso quanto trapelato. Confermando come novità nel cast soltanto Rachel Weisz nel ruolo di Catwoman

Panini Comics - ecco la risposta ufficiale contro il comunicato AFuI

Poco dopo aver postato il comunicato AFui contro Panini e la diffusione di Death Note è arrivata puntuale la risposta ufficiale e molto dura da parte di Panini Comics.
La casa editrice dimostra di non aver apprezzato assolutamente la contestazione AFuI:
Amareggia un po’ che un’associazione serie ed autorevole come l’A.Fu.I. si sia resa promotrice di un gesto così plateale e delatorio contro Panini, peraltro frutto di supposizioni e accuse, difficilmente condivisibili. Ma andiamo con ordine.
La linea Manga Gold Deluxe è una linea pensata e studiata per il mercato delle librerie di varia, punti vendita che per la diffusione nei loro canale richiedono specifici standard qualitativi (formato più ampio, sovra coperta, stampa ad’inchiostro metallico punto prezzo più alto, ecc..). L’obiettivo, chiaramente, è stato quello di “avvicinare” nuovi lettori al magico mondo dei fumetti giapponesi.
La scelta perciò di realizzare una versione con sovra coperta delle collane Manga Gold (destinate invece ai tradizionali canali di edicola e fumetteria) nasce essenzialmente da esigenze di un mercato diverso da quello dove abitualmente operiamo.
Come è nostra abitudine abbiamo però pensato fosse corretto concedere anche ai lettori delle fumetterie la possibilità di acquistare, nel caso lo volessero, l’edizione a 5,90 € (prezzo, per quel tipo di formato e di confezione, più che in linea con quello degli altri editori) con la sovracoperta ad inchiostri metallico. Non lo avessimo fatto credo saremmo stati aspramente criticati.
Bizzarro che agli amici dell A.Fu.I. sia occorso quasi un anno per accorgersi che le due edizioni dei Manga Gold differiscono unicamente per l’applicazione della sovracoperta, i lettori lo hanno capito da tempo, orientandosi, in piena libertà, verso l’edizione più gradita, ma con la consapevolezza che NULLA differenziava gli albi se NON l’abbellimento dell’involucro esterno.
Sarebbe bastato leggersi con un minimo di attenzione quanto scritto all’interno di TUTTI (e sottolineo TUTTI) gli albi delle collane Manga Gold, e qui riportato testualmente: “Versione standard 4,5 € - versione Deluxe con sovracoperta 5,90 €” per evitarsi questa sterile polemica. La dicitura indica con chiarezza che nelle due diverse versioni l’albo è lo STESSO e viene inserita (esattamente come accade per molti periodici multi-allegato) proprio per permetterne formalmente l’abbinabilità con un diverso tipo di edizione/allegato accluso (nel nostro caso edizione con la sovracoperta) al relativo prezzo.
E’ confortante sapere che c’è chi vigila sugli interessi di una categoria (quella dei lettori di fumetti) a cui come editore ci rivolgiamo quotidianamente (oltre a farne tutti personalmente parte), mi chiedo però perché non impiegare tempo e visibilità su temi forse anche più importanti per la “tutela” dei lettori. Perché per esempio non occuparsi dell’abitudine di tanti negozi, magari vostri associati, di vendere gli arretrati Panini Comics al prezzo aggiornato della novità (e non invece al prezzo STAMPATO sull’albo), quando da SEMPRE Panini vende ai negozi i propri arretrati al prezzo stampato sulla copertina a prescindere che la collana sia nel frattempo aumentata di prezzo? Non penalizza forse più il lettore trovarsi senza motivo i prezzi degli arretrati “gonfiati” artificiosamente? E cosa dire dei prezzi speculativi applicati da operatori che studiandosi le dinamiche e le tempistiche dei nostri rientri rese “decuplicano” il prezzo di arretrati momentaneamente indisponibili? Cose è più importante fare per tutelare i nostri lettori?
Forse cari amici dell’A.Fu.I. una risposta non c’è, ma di certo è piuttosto facile prodigarsi a cercare la pagliuzza negli occhi altrui ed erigersi a difensori dell’eticità del mercato del fumetto. Coi lettori intelligenti, il rischio è di sembrare un filo ipocriti, cosa che so benissimo voi non siete.
Ma se continuate a pensare che boicottare Panini sia il migliore modo per difendere gli interessi dei lettori, visto che per fortuna viviamo ancora in una democrazia, non possiamo che prendere atto, mestamente, della vostre decisioni. Grazie dell’attenzione

giovedì 18 dicembre 2008

"Zerozero", dai videoclip a Juri Gagarin

Per due anni buoni ha cercato di trovare qualcuno disposto a finanziare il suo progetto, uno strano cartoon dalle atmosfere fanta-dark sulle avventure di un bambino nell’ex Urss. Poi, stanco di aspettare, il film se lo è fatto da solo, dal soggetto all’animazione in digitale, e Zerozero è stato presentato con successo al festival Castelli animati di Genzano. Ora Marco Pavone, 32 anni, porterà il cartone nelle principali rassegne europee, a caccia di distribuzione.
Pavone, nato e vissuto a Napoli, laureato in filosofia, ha pubblicato le sue prime vignette sul Mattino a soli 16 anni. Per anni si è fatto le ossa come disegnatore alla Disney, prima di darsi all’animazione realizzando videoclip. Per Daniele Silvestri ha girato Il mio nemico, per i Subsonica Vita d’altri, per Caparezza Jodel e Auditel family. Suo anche il videoclip sulle Witch che accompagnava la compilation musicale delle streghette Disney, che ha girato su Mtv.
«Quando esce un film d’animazione - dice - le discussioni vertono soprattutto sul numero dei peli dei personaggi e sugli effetti tecnologici: per me invece la cosa importante è fare una storia che emozioni. Un certo minimalismo secondo me fa bene». E così ecco Zerozero, ambientato nell’Urss dei primi Anni 60 e delle prime imprese spaziali, con questo bimbo un po’ timido che non a caso si chiama Juri, come il celebre astronauta russo Gagarin. I colori sono sfumati nel grigiazzurro, un clima cupo grava su tutta la storia a evocare le paure infantili in esplicito, dichiarato omaggio a un maestro del genere come Tim Burton. «Mi ha senz’altro influenzato, come del resto Terry Gilliam, per le atmosfere un po’ cupe e la scelta cromatica. In realtà, specie nei videoclip, vario il genere secondo il tipo di storia che mi trovo ad affrontare: per esempio mi piace moltissimo Matt Groening».

Gérard Lauzier - si è spento l'autore di Lili Fatale

Si è spento alcuni giorni fa a Parigi, a causa di una terribile malattia, Gérard Lauzier.
L’autore, nato nel 1932 a Marsiglia, è diventato famoso non solo per le sue produzioni fumettistiche (Les Chroniques de l’Ile Grande, Lili Fatale, Souvenirs d’un jeune homme), ma soprattutto per il suo impegno da sceneggiatore nel mondo del teatro e del cinema. Nel 1999 scrisse i dialoghi per il film Asterix e Obelix contro Cesare e collaborò anche per Mon père ce héros, film con Gérard Depardieu.
In Italia abbiamo conosciuto le sue opere grazie alle riviste d’autore come Corto Maltese, Totem e Pilot.

"Spirit" un Natale con un noir a fumetti

Per chi non ama i cinepanettoni e i cartoon di prammatica, il 25 dicembre quest’anno avrà un sapore diverso: esce infatti (in contemporanea mondiale) The Spirit, inquietante film-fumetto di Frank Miller, autore di 300 e Sin City oltre che dell’ultimo Batman e Daredevil, ora passato dietro la cinepresa: «Sono come un bambino in un negozio di caramelle - dice lui del cinema - uso le tecnologie, le mischio insieme, è come se fossi il testimone della congiunzione di tutte le forze. È eccitante». The Spirit, ultimo nato di questa rinnovata passione di Hollywood per le strisce, è tratto dal fumetto del grande Will Eisner, scomparso nel 2005, che racconta di un poliziotto ucciso, Danny Colt, ritornato nella sua Central City sotto forma di spirito per combattere quelle forze del male che non è riuscito a vincere da vivo: «La mia città grida - dice - lei è mia madre, è la mia amante, non posso rinnegarla. Io sono il suo spirito».
Miller e Eisner si conoscevano e si stimavano, malgrado le differenti età e carriere: del resto, la prima storia scritta da Miller (classe 1957) per la serie Daredevil nel 1981 vedeva il protagonista alle prese con Elektra, una sua ex diventata criminale, personaggio ispirato a Sand Saref, l’amore perduto di Spirit creato nel 1940 da Eisner (classe 1917). Nel 2002 è anche uscito un libro, Conversazioni sul fumetto (in Italia da Kappa Edizioni), in cui i due autori parlavano di fumetto e di molto altro. The Spirit, pubblicata dal 1940 al 1952, è una delle serie a fumetti più importanti della storia, per la sua grafica innovativa (soprattutto nelle avventure del dopoguerra) e per i suoi testi brillanti (fra l’altro nella storia del 1947 Il Duce’s Locket si vede in una vignetta Mussolini appeso a Piazzale Loreto, forse per la prima volta in un fumetto).
Successivamente, a partire dal 1978 con Contratto con Dio, Eisner realizza il primo dei suoi innovativi «romanzi a fumetti» (storie senza personaggi fissi e senza eroi) di cui Rizzoli ha appena pubblicato una selezione a cura di Andrea Plazzi, per anni traduttore di Eisner, nonché suo amico personale. «Eisner era un autodidatta brillante e colto, una persona di grande umanità - dice Plazzi -. E’ uno dei padri della narrativa per immagini più moderna, che le sue innovazioni spesso radicali hanno portato ai massimi livelli.
Letterariamente, è uno dei pochi autori di fumetti a proporre una poetica personale compiuta e riconoscibile, articolata per quasi trent’anni in una quindicina di lavori. Il protagonista dei romanzi di Eisner, spesso un avatar dell’autore, è un uomo di mezza età o avviato alla vecchiaia, alla disperata ricerca di un senso per le sue azioni e per ciò che accade a sé e ai suoi cari, in lotta contro le avversità, il dolore e l’anonimato della società moderna
».
Miller, invece, diventa famoso nel 1986 rivoluzionando il personaggio di Batman con la saga Il Ritorno del Cavaliere Oscuro e poi con le varie storie noir di Sin City. Il 2005, anno della morte di Eisner, è anche quello dell’uscita di Sin City, film (fin troppo) fedelmente tratto da alcune saghe della omonima serie e diretto dallo stesso Miller, assieme a Robert Rodriguez e Quentin Tarantino. Nel film Spirit il protagonista è Gabriel Match. Rispetto al fumetto, manca Ebony, il ragazzino afroamericano spalla di Spirit (all’epoca era amato dai neri americani, visto che era fra i pochi personaggi positivi di colore nei fumetti, adesso è considerato troppo macchiettistico e quindi politicamente scorretto), ma in compenso ci sono, come già in Sin City, tante splendide femme fatales, in puro stile noir, come, fra le altre, Sand Saref (Eva Mendes), Lorelei Rox (Jamie King) e Silken Floss (Scarlett Johansson) al cui confronto impallidisce Ellen Dolan (Sarah Paulson), fidanzata ufficiale di Spirit e figlia del commissario di polizia con cui collabora.
Sarà un film più milleriano o eisneriano? Per Plazzi entrambe le cose: «Miller ha ripreso buona parte dei personaggi dello Spirit di Eisner, a partire dalle micidiali dark ladies che gli hanno permesso di imbastire un cast stellare. Soprattutto le ambientazioni metropolitane faranno da trait d’union tra Eisner e Miller, entrambi appassionati new yorker, innamorati degli scenari urbani». Anche se ovviamente il tono non sarà quello da commedia brillante di Eisner, ma ci sarà piuttosto la comicità sardonica alla Tarantino (non a caso il cattivo Octopus è interpretato da Samuel L. Jackson, tipico attore tarantiniano).
Per Adam McGovern, invece, esperto di cultura pop, i due autori non potrebbero essere più diversi. «Eisner è spesso stato paragonato a Orson Welles, per il tono amaro e le atmosfere malinconiche, mentre lo stile di Miller ricorda più Kurosawa e Sergio Leone - spiega -. Eisner in fondo ha fiducia nell’uomo, Miller invece è un pessimista, quindi sarà un film molto milleriano che non penso piacerà agli appassionati di Eisner». Ad ogni modo, sarà la pellicola ideale per chi nelle feste cerca un retrogusto noir.

Aldo,Giovanni e Giacomo su Topolino

Cosa ci fanno Aldo, Giovanni e Giacomo a Paperopoli? Il trio comico è protagonista di un fumetto pubblicato sul numero di Topolino di questa settimana. Il titolo della storia è "Paperino e Paperoga in...tre paperi dentro a un cinema". I tre comici, nei panni di Baldo, Gionni e Giacomino, sono tre professionisti che lavorano nel settore cinematografico alle prese con una gara cinefila bandita nella città dei paperi.
Paperon de Paperoni affida a Paperino e Paperoga il compito di girare un film con il quale gareggiare alla nuova edizione del premio "Mestolone d'Argento", riconoscimento che spetta al film più drammatico e deprimente dell'anno. In lizza per l'ambitissimo premio c'è anche l'acerrimo rivale di Paperone, Rockerduck. Quest'ultimo vanta una troupe di prim'ordine, ma i nipoti dello zione possono contare su tre formidabili interpreti trovati per caso: Baldo, Gionni e Giacomino.
Paperino e Paperoga iniziano le riprese e in poco tempo girano un film che sembra essere l'esatto contrario di un film triste. Grazie ai tre attori improvvisati, infatti, gli spettatori di Paperopoli scoprono che ridere al cinema è bellissimo. E lo Zio Paperone, travolto dal successo al botteghino del suo film, lascia volentieri al rivale Rockerduck l'ormai insignificante premio "Mestolone d'Argento".
La travolgente comicità del trio comico ha reso possibile la loro trasformazione in personaggi dei fumetti. Non a caso, si sentono loro stessi un pò fumetti, come hanno dichiarato nelle pagine del settimanale. Giovanni lo è per "Un buon 50%. Nell'aspetto, nel modo di muovermi"; Aldo invece: "Io mi sento un pò Ciccio, sonnacchioso. Ma mi piace molto anche Paperinik". Giacomo, infine, si schiera dalla parte di Paperino.

mercoledì 17 dicembre 2008

X-Men Origins: Wolverine, trailer ufficiale sottotitolato italiano



“X-Men Le Origini: Wolverine” è una pellicola a cura del regista Gavin Hood, di produzione statunitense. Nel cast troviamo Hugh Jackman nel panni del protagonista, oltre a Ryan Reynolds, Liev Schreiber, Dominic Monaghan, Lynn Collins, Danny Huston, Daniel Henney e Taylor Kitsch.
Potremo finalmente vedere l’atteso spin-off della serie “X-Men” nei cinema italiani, su distribuzione della 20th Century Fox, a partire dal giorno 30 Aprile 2009.
Questo spin-off vede come protagonista un giovane Logan, mostrato circa diciassette anni prima dell’accoglienza nel gruppo degli X-Men. Il Logan raccontato in questa pellicola è un mutante innamorato della Volpe d’Argento.
Sabretooth, un oscuro e misterioso assassino, ucciderà la Volpe d’Argento gettando Logan nella disperazione: mediterà di vendicarsi entrando a far parte di un programma, diretto dall’insondabile William Stryker, chiamato “Arma X”. E da qui in poi vedremo (al posto degli Alpha Flight) tutta una schiera di mutanti amati dagli appassionati di fumetti e non apparsi nella trilogia degli X-Men, quali Gambit, Blob, Emma Frost, Deadpool e altri ancora, ma anche apparizioni speciali come una Storm ancora bambina.

Nico Macchia, in libreria l'ultimo lavoro di carlo Ambrosini

Nico Macchia è ambientato con grande rigore storico e visivo alla fine del XVI secolo, un'epoca caratterizzata da profondi contrasti religiosi. Il volume racconta le gesta di tre cavalieri di ventura: Nico Macchia, esiliato da Ferrara, sua città natale; Conghe Dommert, un lanzichenecco che ha lasciato i propri compagni, e Mal Mouhal Assad, disertore dell'esercito ottomano.
Il disegno delle storie contenute in questo volume stupisce per la sua maestria e, insieme alla sceneggiatura, contribuisce in maniera determinante alla precisione della ricostruzione storica operata da Carlo Ambrosini che a suo tempo è valsa a questo personaggio una grande attenzione sia da parte dei lettori italiani (inizialmente apparve su Orient Express) come da parte di quelli francesi.
Oggi Ambrosini, dopo essere stato tra i protagonisti della stagione del grande exploit di Dylan Dog, è conosciuto presso il grande pubblico per essere anche creatore di due serie della Bonelli editore: Napoleone e la recentissima Dix.

Carlo Ambrosini
Nico Macchia
Comma 22
pagine 112, cm 17x26
Euro 25,00

Video corso di fumetto comico - le lezioni su YouTube

YouTube sono reperibili alcune video lezioni di un corso di fumetto comico.
Leggiamo che Pen, Ink & Beyond Video è un corso di fumetto comico, formato da 30 video lezioni (totale circa 10 ore). Il tutto è organizzato da professionisti (inclusi disegnatori ufficiali Walt Disney Italia). Tra gli autori coinvolti: Giulio Chierchini, Moreno Chisté, Valerio Oss e Sandra Verda.
Vmostriamo tutte le due lezioni complete disponibili anche in formato DiVX , ipod, Iphone e 3GP (cellulari) sul portale di Pen, Ink & Beyond Video. Cosa ne pensate di questo progetto?

PRIMA LEZIONE





SECONDA LEZIONE




Arriva il remake di "Il Corvo"

Quindici anni dopo torna il Corvo. E' infatti in cantiere il remake di "The Crow", la pellicola tratta dalla graphic novel di James O'Barr che nel 1994 incassò oltre 100milioni di dollari in tutto il mondo. Una pellicola diventata nota anche per la morte del suo protagonista, Brandon Lee, figlio di Bruce Lee, rimasto ucciso accidentalmente da un colpo di pistola proprio sul set del film.
Ancora non si sa nulla sul protagonista della nuova versione della favola gotica che, comunque, aveva già avuto due (dimenticabilissimi) sequel. L'unico nome certo è quello del regista, Stephen Norrington, noto agli amanti dei comics per la sua traduzione in film di "Blade" e de "La leggenda degli uomini straordinari".
Forse anche per evitare scomodi paragoni con la forza visionaria di Alex Proyas, regista del film del 1994, Norrington ha fatto sapere che lo stile sarà decisamente diverso. Tanto era drammatico, gotico e stilistico il primo quanto questo tenderà a un realismo esasperato, al limite del documentaristico. Eresia nell'eresia? Saranno i fan a decretarlo. Certo è che toccare una pellicola cult come questa è a prescindere un'operazione a rischio.
Certo l'impresa sarà particolarmente ardua per chi dovrà mettersi nei panni di Brandon Lee. Il figlio di Bruce Lee riuscì ad entrare suo malgrado nella leggenda a causa dell'incredibile incidente (un colpo vero sparato da una pistola che doveva essere caricata a salve) che lo ucciso sul set. Chiunque sarà l'attore incaricato gli tremeranno sicuramente i polsi. E forse farà anche più di uno scongiuro...

AFui - comunicato contro Panini e la diffusione di Death Note

AFui dopo essersi fatta avanti per la promozione del nuovo calendario 2009, torna a farsi sentire per una questione che ritengono veramente importante e delicata!
Vi riportiamo il testo integrale della loro missiva:
Con il presente comunicato l’AFUI “Associazione delle Fumetterie Italiane” intende stigmatizzare l’operato della Panini S.p.A. riguardo alla diffusione di copie degli arretrati della collana “Death Note Manga Gold Deluxe” che altro non sono se non la versione da edicola ricopertinata. Molte fumetterie aderenti all’associazione (e immaginiamo non solo) hanno ricevuto copie del suddetto prodotto, consistenti in resi da edicola dal prezzo di 4,50 euro avvolti in una sovracoperta prezzata 5,90 euro.
L’AFUI si dissocia apertamente da tale scelta e non intende distribuire alla sua clientela un simile prodotto. Pertanto, a partire da oggi, nelle fumetterie AFUI questi prodotti verranno trattati unicamente su ordinazione e mettendo al corrente il cliente dell’eventualità di ricevere un prodotto difforme da quello richiesto.

martedì 16 dicembre 2008

Thor, Kenneth Branagh parla del film

Durante una conferenza stampa per la promozione di Operazione Valchiria, MTV ha avuto l'opportunità d'intervistare Kenneth Branagh, che ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al suo imminente adattamento del Thor della Marvel.
Sull'onda di un palpabile entusiasmo, l'affabile regista nordirlandese ha raccontato che il film, la cui uscita è prevista per il 16 luglio del 2010, sarà il risultato della fusione tra “fantascienza, realtà e scienza vera e propria”, spiegando che l'accettazione di quest'epico impegno registico è stata determinata dalla possibilità di lavorare sulla storia di un “essere immortale, un Dio, una creatura inter-dimensionale”.
Una cosa è certa: se l'ardore di Branagh rimarrà inalterato anche nel corso delle riprese, i fan potranno certamente godere di una pellicola all'altezza del personaggio.

Dylan Dog in preparazione uno speciale in chiave umoristica

Non vi è ancora l'ufficialità, ma è ormai certo, tra gli addetti ai lavori, che in Bonelli si stia lavorando a un nuovo numero speciale dedicato a Dylan Dog, dopo gli albi a colori recentemente usciti in edicola.
Il nuovo speciale (del quale non siamo ancora in grado di ipotizzare una data di pubblicazione) dovrebbe essere un esperimento, ovvero la rilettura in chiave umoristica del personaggio creato da Tiziano Sclavi.
Per rendere al meglio le nuove sfaccettature dell'indagatore dell'incubo, sono stati coinvolti alcuni tra i più grandi nomi del comicdom italiano, molto noti e apprezzati anche a livello internazionale.
Ai testi dovrebbe essere il poliedrico Tito Faraci, non tanto in quanto autore canonico della testata, quanto come sceneggiatore umoristico.
Si ricomporrà dunque, probabilmente, la coppia già apprezzata in passato (da Jungle Town a L'Uomo Ragno e il segreto del vetro), poiché i disegni dovrebbero essere di Giorgio Cavazzano.
Oltre al maestro veneziano, sono in circolazione i nomi di altri tre grandi disegnatori, ancora in forse (non è chiaro se i testi saranno interamente di Faraci, o se si tratterà, più probabilmente, di quattro sceneggiatori diversi): Corrado Mastantuono, Leonardo "Leo" Ortolani e Fabio Celoni.
La formula dovrebbe essere quella, già adottata negli altri numeri speciali, delle 32 tavole a testa.
I primi due nomi sono pressoché certi, sugli altri vi è ancora qualche incertezza, ma probabilmente saranno loro a contribuire all'albo.

Fonte: http://www.komix.it/page.php?idArt=8028

Iron Man: Aerial Assault disponibile su AppStore

Iron Man: Aerial Assault è un nuovo gioco disponibile su AppStore in cui impersonifichiamo il supereroe della Marvel nelle sole missioni aeree.
In Iron Man: Aerial Assault controlliamo il noto super eroe Marvel nei combattimenti aerei, il tutto corredato da un’ottima grafica 3D ed effetti sonori coinvolgenti e ben realizzati.
Lo scopo è quello di abbattere tutti i nemici (ne sono presenti davvero tanti e di varie specie) utilizzando touchscreen e accelerometro. Con il primo utilizziamo le armi a nostra disposizione, con il secondo ci muoviamo a destra o sinistra e controlliamo il mirino.
Dalle impostazioni è possibile regolare la sensibilità dell’accelerometro e il livello di inclinazione dell’iPhone, in modo da poter migliorare la giocabilità e i controlli stessi.
La longevità non è altissima, limitata a soli 12 livelli non difficilissimi. La grafica è fluida e ottimamente realizzata, così come il sonoro. Anche la giocabilità è buona, soprattutto per la gestione dei controlli intuitiva e veloce.
Richiede firmwrae 2.2

Workshop di sceneggiatura per fummetto sotto la guida di Tito Faraci

Sabato 20 e domenica 21 dicembre la Scuola Internazionale di Comics di Padova organizza presso la propria sede un Workshop di sceneggiatura per fumetto con Tito Faraci, uno dei più importanti e famosi sceneggiatori di fumetti degli ultimi dieci anni che ha scritto storie per personaggi come Topolino, Diabolik, Lupo Alberto, Dylan Dog, Magico Vento, l'Uomo Ragno, Devil e Capitan America e la sua “creatura” Brad Barron. Dalla commedia al giallo, dall’horror al western, passando attraverso tutti i generi, grazie a una versatilità che è fra le sue doti principali.
Il workshop si terrà con orario 10.00-13.00 e 15.00-18.00, è aperto a tutti, i posti a disposizione sono 20, la quota di partecipazione è di € 190,00 a persona. Necessaria la prenotazione con il versamento di una caparra di € 90,00 entro il 15 dicembre 2008. Il saldo è possibile versarlo la prima giornata di workshop.

Programma del workshop:
Prima giornata
Il soggetto. La struttura di una storia. Elementi ricorrenti. Le attese dei lettori e quelle degli editori. La circolarità del racconto. Le esigenze del fumetto seriale. L’uso dei personaggi. Come raccontare un soggetto, come presentarlo. Esercitazioni pratiche
Primi elementi di sceneggiatura. Che cosa si intende per sceneggiatura di un fumetto. Varie forme di sceneggiatura. Come è impostata una tavola di sceneggiatura nel fumetto popolare italiano. Il linguaggio delle immagini: campi, piani, inquadrature, ecc. Elementi di base dei dialoghi
Esercitazione: impostare una breve sceneggiatura.

Seconda giornata
Esame e discussione delle sceneggiature realizzate dagli allievi
Le parole del fumetto. Approfondimento su dialoghi, didascalie e tutte le componenti testuali della sceneggiatura.
Dalla passione alla professione. Come presentarsi e proporsi nel mercato del fumetto, con particolare riferimento alle principali case editrici italiane.
Materiali necessari: penna e blocco notes.

Info e prenotazioni:
Scuola Internazionale di Comics di Padova
Piazzetta G. Bettiol, 15 (ingresso da Via Giotto)
Tel./Fax: 049 8752352
e-mail: padova@scuolacomics.it
www.scuolacomics.it

MIckey Club Raccontastorie: Topolino tra racconti e canzoni

Topolino ha compiuto 80 anni, quindi ha un sacco di storie da raccontare. Con il pupazzo Mickey Club Raccontastorie Topolino può intrattenere i vostri bambini con le sue avventure.
Il pupazzo di Topolino canta 8 canzoni e racconta 8 storie diverse che vedono protagonista lui e gli altri personaggi della Disney. Inoltre si muove e balla al ritmo delle canzoni che canta.
Se state ancora cercando idee per i regali di Natale 2008, ecco una proposta per i più piccoli Mickey Club Raccontastorie costa 49,90 € su Shop ToyCenter.

ZeroGuide 2009 - Tre guide tascabili e illustrate da giovani fumettisti italiani

Edizioni Zero, amplia il progetto delle ZeroGuide, coinvolgendo per il 2009 oltre a Milano e Roma la città di Torino. Vivaci recensioni e illustrazioni inedite narrano la metropoli attraverso i luoghi. Tre volumi annuali, tascabili, gratuiti, interpretati e illustrati da noti illustratori e fumettisti italiani raccontano Milano, Roma e Torino attraverso i luoghi più significativi e non convenzionali presenti sul territorio: botteghe storiche, luoghi esoterici, macellerie, chiese, mercati, mediateche,trattorie regionali, club, parchi, cineteche, edicole notturne, negozi di biciclette, piscine.
Una lettura trasversale, schietta e provocatoria della città ad opera di un instancabile esercito di giovani collaboratori (l'età media di chi lavora e collabora con Zero è di 25 anni) che con entusiasmo, coraggio e sottile tocco di irriverenza hanno mappato il tessuto urbano.
Torna anche il tratto distintivo delle ZeroGuide: la creatività legata ai migliori talenti del disegno e del fumetto contemporaneo.
Le sezioni e le pagine interne non sono accompagnate da tradizionali immagini fotografiche, bensì da disegni – e un breve fumetto in 6 pagine – realizzati da alcuni dei maggiori illustratori italiani, chiamati dal curatore Matteo Stefanelli a reinterpretare in chiave visionaria le atmosfere e i luoghi urbani. Per questa seconda edizione: Paolo Bacilieri (Milano), Francesca Ghermandi (Roma) e il giovane Francesco Cattani (Torino).
L’idea di fondo delle ZeroGuide è quella usare il disegno non per decorare, ma per cambiare personalità all’oggetto.
In un supporto funzionale come una guida, contenitore preciso e generalmente ‘freddo’, curatore e art director hanno scelto di stimolare il contrasto con il valore di movimento e di calore dato dal disegno. L’obiettivo creativo si è quindi spinto più in là: far sentire la libertà e la fisicità del disegno a mano libera, come materia grafica ‘altra’. In particolare l’interesse del curatore è stato portato verso quegli stili che lasciano da parte il “bel disegno” accademico, non nascondendo e anzi esplicitando la natura anche spontanea, istintiva, gestuale del segno. Niente dominio della grafica funzionale, quindi, precisina, tipica delle guide tradizionali, ma un’associazione anche un po’ paradossale tra disegni al tratto e gabbie grafiche minimali.
Mercoledì 17 dicembre, dalle 18 alle 20, presso il Teatro Agorà all'interno del Museo del Design - Triennale di Milano, sarà possibile ritirare le copie fresche di stampa, e discuterne con la redazione, i curatori e gli autori. Saranno presenti gli illustratori Paolo Bacilieri, Francesca Ghermandi e Francesco Cattani.

Info:
http://www.edizionizero.com/
www.zero.eu

Problemi di salute per la disegnatrice Eri Takenashi

È stata ricoverata per un intervento d’urgenza l’animatrice/disegnatrice Eri Takenashi, autrice dell’anime Kannagi.
La prima a riportare la notizia (dalle pagine del suo blog) è stata l’autrice di Saiyuki Kazuya Minekura, ma in brave tempo un po’ tutti i siti giapponesi che parlano di anime e manga si sono interessati alla vicenda. Le cause che hanno portato ad operare d’urgenza l’autrice sono ancora Top Secret, ma Comicrex (che pubblica le opere della Takenashi) ha specificato che quest’ultima si sente già in forma e che vorrebbe subito tornare a lavorare.
Ovviamente la casa editrice ha immediatamente stoppato l’entusiasmo della Takenashi, consigliandole invece di sottoporsi a controlli più accurati per verificare il suo stato di salute generale.

Il Belvedere di Mattotti, in mostra i fumetti e le illustrazioni

La Città di Mirano (Venezia) dedica a Lorenzo Mattotti, artista del fumetto e dell’illustrazione di fama internazionale, una grande mostra allestita nella Barchessa di Villa Giustinian Morosini e intitolata Il Belvedere, fumetti e illustrazioni di Lorenzo Mattotti.
L’esposizione, che prende il via il 16 novembre prossimo e si conclude il 20 gennaio 2009, è composta da oltre cento opere che offrono al pubblico una panoramica articolata e suggestiva sulla trentennale produzione del disegnatore bresciano.
La sezione fumetti comprende sia tavole a colori di poemi grafici come Fuochi- pubblicato nel 1984, che racchiude già tutte le abilità narrative e figurative dell'autore - La Zona Fatua, Labirinti, Caboto, Il rumore della brina, Lettere da un tempo lontano, sia pagine in bianco e nero tratte da Incidenti, Doctor Nefasto,Stigmate, L’uomo alla Finestra, Chimera, Il Santo coccodrillo.
In mostra, anche numerose illustrazioni realizzate per le prestigiose riviste The New Yorker, Le Monde de poche, Cosmopolitan, per il Calendario dell’Eni del 2006, per manifesti pubblicitari, per libri dedicati all’infanzia: Eugenio, Il sole lunatico, Grands Dieux.
Uno spazio autonomo è riservato alle dodici immagini di grande fascino che Lorenzo Mattotti, con matite e pastelli, ha recentemente creato traendo spunto dal parco Belvedere della Villa Erizzo e dallo splendido giardino di Villa Giustinian Morosini di Mirano. In esse l’artista non solo riproduce alcuni ambienti particolarmente scenografici ma soprattutto ne coglie l’essenza, ne cattura l’atmosfera, ne individua i silenzi, i profumi e le segrete sfumature.
Le dodici illustrazioni del Belvedere sono state raccolte in un imperdibile Calendario 2009 in modo che i panorami di Mirano accompagnino con una cadenza più rarefatta lo scorrere dei prossimi mesi.
Nella sala video della Mostra verrà inoltre proiettato il documentario Mattotti, prodotto dalla Mithil Production e diretto da Renato Chiocca, che contiene un’intervista all’autore oltre a esempi di suoi lavori e brani da cartoni animati da lui realizzati.
Il curatore della mostra Silvano Mezzavilla ha sottolineato la duplice sfida che Mattotti ha affrontato quando ha accettato di realizzare le dodici poetiche illustrazioni di Mirano: «Per la prima volta nella sua produzione mancano le figure umane, alle quali è data la capacità di raccontare storie ed emozioni. Qui sono gli elementi naturali e del paesaggio che narrano le emozioni. L’altro aspetto riguarda i colori e si potrà ben cogliere in mostra: mentre nelle tavole antologiche dominano i toni caldi, nelle tavole inedite prevale il verde. L’artista ha lavorato sulle tonalità del verde sfruttandone la luminosità. L’ispirazione per le dodici tavole è venuta dai parchi e ville comunali tra cui la barchessa dove è allestita la mostra, quindi il visitatore potrà, spostando lo sguardo, confrontare le interpretazioni coi luoghi reali che le hanno ispirate».

Il Belvedere. Fumetti e illustrazioni di Lorenzo Mattotti
Mirano (Venezia), Barchessa di Villa Giustinian Morosini
dal 15 novembre 2008 al 20 gennaio 2009
Ingresso libero

Informazioni:
Ufficio Cultura del Comune di Mirano,
tel. 041.431028 fax 041.5701690,
e-mail: cultura@comune.mirano.ve.it
www.comune.mirano.ve.it

http://www.toysblog.it/post/3286/gi-joe-dal-film-arriva-laction-figure-di-cobra

I G.I. Joe attaccano in ordine sparso, ma nel 2009 invaderanno i cinema e le vostre collezioni di giocattoli. Qualche tempo fa vi avevo mostrato l’action figure da collezione in scala 1:16 di Snake Eyes proposta da Sideshow Collectibles. Ora arrivano le immagini del Comandante Cobra, l’altro personaggio del nuovo film G.I Joe: Rise of the Cobra. Cobra riesce a convincere tante persone a combattere al suo fianco per conquistare il mondo. Riuscirete a resistere al suo fascino?

Il trailer del nuovo film di Detective Conan: L'inseguitore Corvino

Uscirà il prossimo aprile nei cinema giapponesi il tredicesimo film di Detective Conan, intitolato The Raven Chaser (L’inseguitore Corvino), che come i precedenti promette di sbancare il botteghino.
È arrivato in questi giorni il trailer di Detective Conan: L’inseguitore Corvino. La storia, secondo le indiscrezioni trapelate, vedrà come protagonista l’organizzazione (MIB Men in Black), che ha trasformato il nostro Conan in un bambino. Ne sapremo di più sul Boss dell’organizzazione e il numero 13 avrà un ruolo fondamentale nella storia (l’autore Gosho Aoyama in un’intervista ha parlato di 13 pallottole).

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.