HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

lunedì 30 giugno 2008

DC Universe Online: il gioco di ruolo online che permette di creare nuovi aupereroi dell'universo DC


Creare un proprio supereroe e vederlo combattere al fianco di Superman. Tra poco il sogno di tanti appassionati lettori di fumetti DC diventerà realtà con il nuovo MMO (Massively Multiplayer Online game) DC Universe Online.
Quali saranno le caratteristiche del nuovo game?
Nel gioco di ruolo online gli utenti potranno creare il proprio supereroe che si batterà al fianco (o contro!) Superman, Batman, Wonder Woman e gli altri personaggi DC. I poteri e le abilità dei personaggi potranno evolvere nel corso del corso del gioco. Metropolis e Gotham City saranno i due set del game online.
I mondi virtuali si stanno moltiplicando. Del DC Universe Online è però interessante il fatto che il direttore creativo Jim Lee non ha escluso che personaggi nati nel gioco possano fare la loro apparizione sui fumetti. Sicuramente, vedremo cross-over tra il mondo dei fumetti e quello virtuale: le vicende che i personaggi si troveranno ad affrontare sugli albi a fumetti avranno conseguenze anche su DC Universe Online.

Spider-Man, Thor e Ghost Rider nelle nuove Mighty Muggs di Hasbro

La collezione di Mighty Muggs dedicati alle leggende Marvel (Marvel Legends) continua a crescere. La nuova serie di vinyl toys firmati Hasbro include: Thor, Spider-Man con il costume nero, Ghost Rider e il malvagio Doc Ock.

Spider-Man era già stato immortalato dalla linea Mighty Muggs nella prima serie di Marvel Legends, che comprendeva anche Iron-Man, Venom e Wolverine. La seconda serie vedeva invece come protagonista la furia verde di Hulk e la rabbia repressa della Cosa, assieme a Capitan America e al Dottor Destino.

Tra le altre serie di Mighty Muggs c’è quella dedicata a Indiana Jones e quella dedicata a Star Wars.







Red Sonja intepretata al cinema da Rose McGowan

Sarà Rose McGowan a interpretare Red Sonja, ideata da Roy Thomas e Barry Windsor Smith nel film a lei dedicato che verrà diretto da Robert Rodriguez.
Rodriguez afferma che la sua versione prenderà spunto sia dalla versione a fumetti che da quella letteraria di Robert E. Howard. Roy Thomas infatti ha basato la sua creazione su quella di Red Sonya, una guerriera del 16esimo secolo armata di spada e pistola utilizzata da Howard in un racconto breve.
Thomas rese invece Sonja una barbara a tutti gli effetti inserendola nella versione a fumetti di casa Marvel di Conan. Vedremo se Rodriguez riuscirà a rinverdire i fasti dell’heroic fantasy cinematografico, e soprattutto vedremo come starà la McGowan inguainata in un bikini di cotta di maglia, che mancava nel suo adattamento cinematografico del 1985 quando era interpretata da Brigitte Nielsen e affiancata dall'allora immancabile Arnold Schwarzenegger.

domenica 29 giugno 2008

Heath Ledger potrebbere ricevere un oscar postumo per la sua interpretazione in The Dark Knight

"Folle, passionale, brillante" così il critico di Rolling Stone America, Peter Travers, che è rimasto folgorato dall'interpretazione di Ledger in "Batman-The Dark Knight". Durante l'anteprima per la stampa, il film uscirà nelle sale il 18 luglio, in molti si sono convinti che Ledger potrebbe vincere l'Oscar per la migliore intepretazione del ruolo di Joker, finalmente è da decenni che auspico la vittoria di un oscar come miglior attore a qualcuno che ha lavorato in film sui supereroi, così da deghettizzare un genere che in troppi considerano solo come opere di cassetta quando non è vero. Inoltre sarebbe il secondo caso dopo la vittoria postuma nel 1976 di Peter Finch per "Quinto potere".
Nella sua recensione a "The Dark Knight" Peter Travers loda l'intensità con cui Ledger ha interpretato il Jokes: "Era proprio dell'attore il totale impegno per film molto diversi come 'Brokeback Mountain' e non lo faceva per vanità artistica. Il suo talento era proprio naturale".
"L'attore non ha usato nessuna maschera di plastica. Il suo volto con un po' di trucco, il rossetto rosso per rimarcare il sorriso, i capelli scompigliati e i capelli ingialliti è assolutamente irriconoscibile". Per volontà della casa di produzione Warner nei titoli di coda sarà anche ricordato Wickliffe Conway, uno tecnici sul set della pellicola morto accidentalmente. "In memoria dei nostri amici Heath Ledger & Conway Wickliffe" si leggerà al termine della proiezione. Intanto cresce l'attesa per vedere Ledger sul grande schermo. Nel frattempo amici e parenti lo ricordano ancora. Su tutti il collega di set Christian Bale: "Aveva un carattere unico, molto contagioso. Era un uomo buono, e sono felice di aver trascorso del tempo con lui".
Non si sa se alla premiere ufficiale di "Batman-The Dark Knight" ci sarà anche l'ex compagna Michelle Williams. Alcuni tabloid si sono sbizzarriti dicendo che l'attrice aveva litigato con i familiari di Ledger. Circostanza poi smentita categoricamente dal portavoce della star del cinema.
Ledger, che è morto da un overdose accidentale a gennaio, aveva accettato il ruolo di Joker che era già stato di Jack Nicholson nel 1989 in "Batman" di Tim Burton.

L'ottava stagione di Smallville


Ne vedremo nelle belle nell’ottava e forse ultima stagione di Smallville, ma ecco quelle che sono attualmente le voci e le anticipazioni in giro da un pò:
  • Come già sappiamo, Michael Rosenbaum, Kristin Kreuk e Laura Vandervoort non saranno più personaggi regolari nella serie. Rosenbaum tornerà per 10 o più episodi, la Kreuk tornerà per 6 o 7 episodi e la Vandervoort per qualche episodio.
  • Justin Hartley si unirà al cast regolare interpretando nuovamente il super eroe Green Arrow.
  • Clark lavorerà al Daily Planet, e la coppia Clark Lois avrà molto più spazio in questa stagione riportando quindi alla normale continuity amorosa della DC.
  • Ci saranno due nuovi personaggi malvagi. Il primo, interpretato da Cassidy Freeman, si chiamerà Tess Mercer, una collaboratrice di Lex che entrerà in contrasto con Clark proprio per la sua malata devozione verso Lex. Non sarà solamente cattiva e sexy, ma avrà anche dei super poteri.
    Il secondo, interpretato da Sam Witwer (Battlestar Galactica) si chiamerà Davis Bloome (Doomsday, quello che uccise Superman per intenderci), sarà un bel barista che apparentemente sembrerà un bravo ragazzo, ma in realtà nasconde un lato oscuro e un passato violento e sanguinoso. Quest’ultimo indagando sulle sue origini, soccomberà alla sua natura malvagia.
  • Il primo episodio dell’8 stagione si chiamerà Odyssey.
  • Nel primo episodio, che segnerà il ritorno di Green Arrow e si svolgerà molti mesi dopo gli avvenimenti del finale della 7 stagione, Lex è scomparso, presumibilmente morto, Clark invece sta lavorando su una nave nell’Artico con un ricercatore e uno scienziato, ma presto sarà ricondotto a Smallville grazie a un sorprendente salvataggio.
  • L’attrice canadese Rachel McAdams è in programma di interpretare il personaggio della DC Comics, “Black Orchid”. Non sappiamo se il personaggio avrà un apparizione nella serie tv di Smallville, ma è molto probabile.
  • Per ragioni commerciali, la DC non ha di nuovo permesso l'inserimento nella serie di Batman o di Wonder Woman da giovani (giovani poi di che a conti fatti ormai Clark ha la stessa età in cui diventa Superman grosso modo).

Il giovane disegnatore di fumetti Michael Turner è morto

Aveva solo 37 anni Michael Turner, ma venerdì notte ha perso la sua lotta contro il cancro.
Michael si è spento al Santa Monica Hospital in California; era un disegnatore giovanissimo, ma da tempo soffriva per un tumore che non l’ha mai distratto completamente dal suo amato lavoro.
Michael ha lavorato sulla serie Witchblade, nel 1998 aveva ideato la serie Fathom, dando il suo contributo anche a Marvel e Dc. Nel 2002 aveva fondato la sua etichetta personale: l’Aspen MLT Inc.




In suo onore ecco una piccola carrellata di tavole dai suoi lavori





















sabato 28 giugno 2008

Ant Man - Conferme sul film

La Marvel prosegue, dopo Iron Man e Hulk, nel suo progetto di portare sullo schermo singolarmente i vari supereroi che costituiscono il gruppo dei Vendicatori.
Personalmente, avrei evitato di riservare un film in solitario anche per Ant Man, era molto meglio fare un bel film post-vendicatori su Henry Pym nelle sue tante e diverse identità con tanto di apparizioni di Wasp e di chi ha ereditato le sue vecchie identita (ant-man II, Golia II alias Occhio di Falco, Calabrone II). Sinceramente avere il potere di rimpicciolirsi e comunicare con le formiche non è esattamente ciò che vorrei vedere sul grande schermo (beh in un film di UN supereroe, in Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi era piacevole), tanto è verò che già ant-man II nei fumetti aveva in più un raggio storditore elettrico rispetto all'originale. Ma poi scusate volete mettere quanto era più fico Henry Pym quando stava nei Vendicatori della Costa Ovest semplimente come Henry Pym, e girava con le tasche stile Eta Beta in cui teneva miniaturizzati per usare all'occorrenza dall'estintore all'elicottero, che se un aereo stava per colpire un grattacielo lui rimpiccioliva il grattacielo per spostarlo in un posto sicuro, o meglio ancora poteva rimpicciolire un drago a tre teste trasformandolo in una specie di animaletto domestico o che poteva frantumare un muro rimpicciolendo solo parte degli atomi che lo costituivano.
Ad ogni modo, Edgar Wright - il regista di L’Alba dei Morti Dementi e Hot Fuzz - è al lavoro sulla seconda stesura della sceneggiatura, ed ha parlato un po’ di cosa ci possiamo aspettare: molti personaggi diversi hanno provato l’esperienza imenottera, e vedremo almeno due di questi nel film (sicuramte Ant Man e Wasp, almeno questo); inoltre, dal momento che praticamente tutti i film dedicati ai membri dei Vendicatori devono ripercorrere le origini del personaggio, si sta cercando un punto di vista alternativo per raccontare i primordi dell’uomo-formica. Infine, si tratterà di un film ’serio’, certo con qualche aspetto più leggero ma lontano dalle commedie nelle quali Wright si è fino ad oggi cimentato. Il film è attualmente previsto per il 2010.

Watchmen 20 anni dopo combatte l'Alzheimer

I due dati fondamentali di Wachmen 20 anni dopo (Lavieri 2007, 240 pp., euro 15,00) sono che è dedicato ai vent'anni dalla pubblicazione del fumetto Watchmen di Alan Moore, Dave Gibbons e John Higgins, e che il 100% dei profitti netti delle vendite è destinato all'Aima, Associazione Italiana Malattia di Alzheimer. Quest'ultimo particolare significa che, tolte le spese vive per il confezionamento del volume (produzione tecnica, stampa e allestimento, distribuzione), né l'editore né i contributori al libro ci hanno guadagnato denaro, sapendo che il ricavato della vendita del libro sarebbe stato devoluto a un'importante associazione che si batte per una causa medica più che nobile.
Come ogni libro collettivo, è altalenante nel livello dei contributi, ma in genere di buon livello. Per quanto riguarda i testi, si distinguono per bellezza, chiarezza e originalità soprattutto quelli di Ferruccio Giromini sull'apporto grafico di Dave Gibbons, la riflessione personale dello sceneggiatore Matteo Casali, la lettura breve e intensa di Emanuela Gatto e Sergio Brancato, gli interessanti paralleli di Link Yaco. Gli altri, pur nell'acume argomentativo, hanno un tono troppo entusiastico e creano un effetto di sospetto nel lettore appena appena critico circa Watchmen, il quale lungi dall'essere una sacra scrittura (conclusione implicita di molti di questi interventi), è un bel romanzo, ma non esente da difetti narrativi, grafici e ideologici. Quindi in parte il libro, nel suo essere celebrativo, si prende un po' troppo alla lettera e dimentica spesso di essere critico.
Per quanto riguarda i disegni, la panoramica sui lavori inseriti nella galleria di illustrazioni dà facilmente l'immagine di chi si è impegnato di più nel suo disegno, o a volte semplicemente di chi è più capace e originale di altri. Fra i migliori lavori vale la pena di citare quelli di Massimo Giacon, Carmine Di Giandomenico, Riccardo Burchielli, Claudio Villa, Luca Enoch, Marco Soldi, Luca Rossi.
Una menzione particolare va al lavoro di «Smoky Man» e Sergio Nazzaro, che sono riusciti a confezionare un volume di costruzione non facile (coordinare oltre 40 autori non è impresa semplice), traduzioni quasi tutte di ottimo livello e testi sempre puliti e leggibili. Watchmen 20 anni dopo è un vademecum del buon lettore di Alan Moore, consigliabile solo agli iniziati, a chi già conosce bene il fumetto in questione e desidera appropriarsene ancora più in profondità. Ma anche se non siete lettori di lunga data di Moore, l'occasione benefica merita da sola l'acquisto, per una lettura futura.

venerdì 27 giugno 2008

Kafka - La versione a fumetti de La metamorfosi

Dopo la trasposizione in fumetti delle opere di Shakespeare e la versione manga della Bibbia, ora è il turno de La Metamorfosi di Kafka.
E' Peter Kuper l'autore di questa originale rivisitazione dell'opera del pensatore austriaco. Invertendo i colori Kuper ha trasformato il testo (scritto nero su bianco) in disegni (bianco su nero), simili alle sequenze dei film muti. L'autore è nato nel 1958 a Cleveland e vive a New York dal 1977. È autore di strisce e illustrazioni pubblicate negli Stati Uniti su numerose riviste e quotidiani, tra cui New York Times, Time, The New Yorker; inoltre ha firmato graphic novel pubblicati in tutto il mondo.
Le immagini danno un senso di dinamicità grazie al continuo cambio di prospettiva, alle diverse dimensioni dei riquadri e alla tipologia dei baloon, tagliati sul bordo in vari modi a seconda dell'emozione espressa dal personaggio. Per quanto riguarda l'illustrazione la scelta stilistica vuole esaltare il mondo claustrofobico di Gregor Samsa, il commesso viaggiatore protagonista della vicenda che una mattina si sveglia e si accorge di essersi trasformato in un enorme scarafaggio. Questo è il punto di partenza dell'intera storia, che narra la sofferenza e la solitudine causate dall'alienazione e dalla discriminazione.
Questo adattamento è suddiviso in tre atti, scorre come un film, ma in alcuni aspetti sembra quasi uno spettacolo teatrale, dal momento che gli ambienti principali della storia sono due (la stanza di Gregor e la sala da pranzo), mentre in altri è più simile a un fumetto grazie al frequente utilizzo di suoni onomatopeici (Slam, Aughhh!, Click, Creak, Crinkle, Flop).
In America la trasposizione a fumetti dell'opera kafkiana ha dato lo spunto per la realizzazione di un corto animato rintracciabile al seguente sito: www.randomhouse.com.

I Vendicatori - Nuove dichiarazioni dagli studios sul film

Arrivano delle notizie dal film dei Vendicatori in uscita nel 2011, infatti ecco una dichiarazione del presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige:
"Il nostro istinto ci sta portando verso una direzione molto specifica riguardo a questo film. Sarà una sfida. Ma penso a cosa abbiamo fatto in passato, in particolare ai film sugli X-Men: in X-Men 2 siamo riusciti a bilanciare sei cattivi e sei eroi. I Vendicatori avrà sicuramente meno personaggi. La cosa più importante sarà vedere come ogni personaggio farà il suo dovere. Penso alla gioia di vedere le scene d'azione impressionanti, spalmate su una enorme Splash-page di un fumetto, con tutti loro impegnati in qualche combattimento - la cosa che mi eccita di più di questo filmè immaginare le interazioni tra di loro durante una scena, perché non ci sono due eroi più diversi di Tony Stark e Steve Rogers, e chi conosce i fumetti lo sa bene. (...) Penso sia possibile pensare che il Mondo dei nostri film sia popolato da personaggi che i fan dei fumetti riconosceranno ben oltre ai loro film individuali, ma allo stesso tempo voglio andarci molto cauto ed evitare l'eccesso. Non voglio film in cui ogni cinque minuti arriva un supereroe e fa l'occhiolino, e i fan riconoscono il suo cammeo. Voglio che questo film sia una avventura d'insieme, indipendente dagli altri film."
Invece ecco alcune dichiarazioni dal regista dell'Incredibile Hulk, Louis Letterier.
"Mi piacerebbe molto vedere Hulk diventare il villain contro il quale i Vendicatori si scontrano, perché penso che i migliori cattivi siano quelli che lo spettatore riesce a comprendere. Non sono dei cattivi monodimensionali, non sono sintetici: c'è empatia tra loro e lo spettatore, e questo li rende i migliori. Ecco perché nell'ultima inquadratura dell'Incredibile Hulk ho lasciato la porta aperta per facilitare le cose a chiunque diriga I Vendicatori. Edward Norton e io abbiamo deciso coscientemente di realizzare quell'ultima inquadratura con lui che apre i suoi occhi e sogghigna guardando la cinepresa. E' contento? E' malizioso? Ecco cosa mi piace di Edward. Non sai se è un buono o un cattivo. Sta sempre sul limite, cammina su questo sottile bordo durante tutto il film. Quindi con questa ultima inquadratura siamo liberi di decidere per un Hulk 2, nel caso sorridesse. Ma se il film sarà un flop, potremo decidere che si tratta di un sogghigno, e allora si tratterà dell'Hulk "cattivo" dei Vendicatori: una bestia incontrollabile che, per essere fermata, ha bisogno di un gruppo di Supereroi. Ad ogni modo, ascolteremo i fan prima di guardare al box-office: questa è la ragione per cui i nostri film sono dei successi."

I Carabinieri a fumetti - Anteprima dell'iniziativa di Eura con l'arma stessa

Avevamo già parlato dell'iniziativa dell' Eura editoriale con l'arma dei carbinieri (o per essere più specifici con la rivista Il Carabiniere) sulla pubblicazione di un albo dedicato agli eroi in divisa, ora vi vogliamo mostrare alcune tavole di anteprima di quest'opera da non lasciarsi scappare.




War Heroes di Mark Millar

Con Ultimates Mark Millar ha reinterpretato le classiche icone Marvel in chiave moderna, calandole per quanto possibile nel mondo reale. Con Civil War ha provato ad allargare il discorso all’universo Marvel classico, rimanendo però ancora una volta nelle limitazioni impostegli dalla Casa delle Idee. War Heroes, previsto a giugno per la Image, è il risultato ed il punto di arrivo del percorso.
In un’atmosfera che ricorda quella di Children of Men attacchi terroristici nucleari radono al suolo il Campidoglio, Los Angeles ed altri luoghi chiave sul territorio americano scatenando una guerra totale e senza frontiere. L’Iran viene invaso, Siria e Turchia diventano campi di battaglia mentre la popolazione statunitense si ribella e scende nelle strade per manifestare a favore della pace. Non ci sono più nuove reclute, l’esercito sta soccombendo allo sforzo bellico quando gioca l’ultima sporca carta che gli rimane: superpoteri a tutti i coscritti. Milioni di superesseri si riversano nel Medio Oriente ma non tutti animati da spirito di patriottismo, fra questi un piccolo gruppo di nuove leve si è messo in lista per la ferma con obiettivi ben precisi. “E’ come se Three Kings o Ocean’s Eleven incontrassero il siero del supersoldato di Capitan America” — spiega Millar in un’intervista — “Otto bastardi con un piano.”
Alle matite il bravissimo Tony Harris scelto da Millar per il suo stupendo lavoro su Ex-Machina in cui ha curato, oltre ai disegni, anche parte delle sceneggiature. Mentre escono sul mercato americano le nuove maxi-saghe estive di Marvel e DC Comics la concorrenza offre interessanti alternative.

giovedì 26 giugno 2008

La versione a fumetti del romanzo di Ligabue "La neve se ne frega"

Il 27 giugno alle ore 19.00 presso il Trip ( via Martucci, 64, Napoli) in occasione della festa di fine anno, la Scuola italiana di Comix di Napoli organizzerà un incontro con i disegnatori Giuseppe «Cammo» Camuncoli e Lorenzo Ruggiero autori insieme a Matteo Casali de La neve se ne frega, opera a fumetti tratta dall'omonimo romanzo di Luciano Ligabue, pubblicata da Panini Comics.
Dal romanzo bestseller La neve se ne frega, arriva infatti un graphic novel in tre parti, che vede all’opera due grandi talenti del fumetto, i reggiani Matteo Casali (Bonerest, Quebrada, Catwoman, Gli Scorpioni del deserto) e Giuseppe Camuncoli (Bonerest, Batman, Hellblazer, Gli Scorpioni del deserto) sotto la supervisione dello stesso Ligabue.
Il romanzo scritto dalla rockstar emiliana, un’opera particolare e delicata, viene tradotto in parole e immagini da alcuni dei migliori componenti della new wave del fumetto italiano. Il risultato sono 120 pagine di fumetto serializzate in tre uscite da edicola, che verranno successivamente raccolte in un libro in versione deluxe.
La neve se ne frega parla di una società del futuro che ha realizzato il migliore dei mondi possibili. Un luogo in cui si nasce vecchi e si ringiovanisce col passare degli anni. Un mondo pulito, dove ogni cosa funziona alla perfezione sotto l'occhio vigile delle telecamere che osservano silenziose i gesti quotidiani di ogni persona. In questa società rigorosa e allo stesso tempo ovattata vivono DiFo e Natura, una coppia come tante altre, che passa i suoi giorni compiendo i lavori assegnati, divertendosi con le forme di intrattenimento consentite e facendo l'amore. Come fanno tutti. Ma DiFo e Natura sono diversi… Una storia di fantascienza con spunti che fanno riflettere sul mondo contemporaneo affondando temi attuali quali il diritto a essere felici e la limitazione delle libertà individuali.
«Questa è la prima mostra dedicata alla versione a fumetti de La neve se ne frega» ha commentato Luciano Ligabue «Dopo la presentazione in anteprima al Festival di Mantova Comics a marzo e l’uscita in tutte le edicole dei tre numeri della miniserie, ben venga questo evento che la Scuola Comix di Napoli ha organizzato per poter fare apprezzare da vicino alcune delle tavole originali realizzate da Cammo e Lorenzo Ruggiero, su sceneggiatura di Matteo Casali. Spero che piacciano a voi, così come sono piaciute a me».

The Last Call - Una nuova graphic novel per il grande schermo

La Universal ha acquistato i diritti di The Last Call, la nuova graphic novel della Oni Press di cui è prevista una trasposizione cinematografica. L'opera di Vasilis Lolos vedrà l’adattamento di Evan Spiliotopolous e Barry Josephson alla produzione, mentre non è ancora stato scelto il regista.
La vicenda narra di Sam ed Alec, due adolescenti che, durante una corsa notturna sulla macchina rubata ai genitori si scontrano con un treno fantasma popolato da strane creature, anime che devono raggiungere un'altra dimensione. I due, per poter tornare alle proprie esistenze, dovranno risolvere un complicato mistero.
La Oni Press distribuirà il secondo volume di The Last Call il prossimo agosto.

Si cercano collaboratori per la nuova edizione di Comicswood

Centinaia e centinaia di film in tutti i continenti, sin dagli albori del cinema sono stati ispirati, più o meno direttamente, dal «subuniverso» dei fumetti. Tuttavia sono poche le opere che si sono occupate di aggregare e commentare tutti i dati disponibili su questo immenso filone cineletterario. Nella maggior parte dei casi si è trattato di strenne con pochi testi e tante fotografie, di catalogazioni con informazioni ridotte all’osso (ad esempio presentavano solo il cast e il regista) e dei soliti blockbuster americani…
Servono invece opere che presentino trame estese ed accurate, comparazioni fitte delle differenze tra le pellicole e le rispettive fonti fumettistiche, tabelle sui dati d’incasso e approfondimenti sugli adattamenti apocrifi e non autorizzati.
Comicswood - Dizionario del cinefumetto uscì nelle fumetterie tra il 2002 e il 2003, in due volumi formato tascabile stracolmi di testo da decrittare con la lente d’ingrandimento. Era firmato dal dinamico duo Andrea Materia e Giuseppe Pollicelli e si sarebbe dovuto completare con un terzo volume, annunciato ma mai dato alle stampe.
Oggi, nell’estate 2008, i due autori hanno deciso di riprendere in mano il progetto, aggiornando i primi due volumi e completando il famoso terzo fascicolo «fantasma». L’idea è inoltre di coordinare l’intero sforzo con una presenza Web 2.0 di supporto, una Wiki tematica, che nel tempo inizia via via a vivere di vita propria.
Tuttavia, serve una mano. Uno o più collaboratori che affianchino Materia e Pollicelli, in particolare nella redazione delle schede tecniche e nel controllo incrociato sulle trame. I requisiti richiesti sono essenzialmente tre: competenza, passione ed entusiasmo. Ovviamente è prevista una partecipazione più che adeguata alle royalties del Dizionario, ma la saggistica in Italia non è mai stata un bestseller. Salvo rare eccezioni, entrano solo spiccioli in tasca. Se davvero vi interessa collaborare, lo diciamo subito, fatelo per il divertimento e la soddisfazione di far parte di uno dei più competenti gruppi di ricerca sul fumetto in Italia.
Chi fosse interessato a figurare tra gli autori di Comicswood – Seconda Edizione Riveduta e Corretta può inviare un'e-mail a publishing@versionebeta.it.

I cartoni animati dei Gormiti da ottobre in Tv

E' in arrivo la serie animata dei Gormiti. Da ottobre 2008 su Italia 1 verranno trasmessi i 52 episodi dell'attesa serie tv. Della trama si conosce ancora poco. Le uniche notizie trapelate parlano di quattro ragazzi che sono stati chiamati in aiuto dell'isola di Gorm e che, non si sa come, si trasformano nei quattro signori di Gorm. I quattro nuovi Signori della Terra, Foresta, Acqua ed Aria, aiuteranno gli altri Gormiti contro i «cattivi», il Popolo del Vulcano.

VENDICATORI UNITI! - LA FORMAZIONE DELLA SQUADRA DI SUPEREROI NEL FUTURO FILM A LORO DEDICATO

Come dice Tony Stark al Generale Ross alla fine de L'incredibile Hulk "Stiamo formando una squadra" e naturalmente tutti noi sappiamo che si stava riferendo al film dei Vendicatori, ma il punto era chi sarà nella squadra? Non scervellatevi perchè stato annunciato il cast di personaggi che compariranno nel film conclusivo della prima MARVEL SAGA cinematografica.
Saranno presenti quasi tutti i Vendicatori originali:

  • Thor
  • Iron Man
  • Hulk
  • Ant Man

Più Captain America che come sapete fu il sesto ad entrare del gruppo, o meglio fu risvegliato dall'ibernazione forzata dai Vendicatori, e infine a completare la squadra ci sarà il buon Nick Fury, che insieme ad Ant-man sarà l'unico a non avere un film in solitaria (se escludiamo quel film tv con David Hasssenhoff di 6-7 anni fa).
Cosa irritante è l'assenza di Wasp che era l'unica donna nella formazione originale, quindi ci ritroveremo un film senza supereroine, mah... per ora non ci resta che aspettare il 2011.

martedì 24 giugno 2008

Arriva anche in Italia Phonogram

Finalmente arriva anche in Italia Phonogram, una saga a fumetti che da tempo tengo d'occhio con notevole interesse.
Questo fumetto di stampo inglese spicca sicuramente per l'originalità del tema: il protagonista è infatti un phonomancer, un uomo che ha compreso la magia dietro alla musica moderna, che gli ha svelato una diversa realtà.
L'idea di "magia" esplicata nel fumetto richiama la visione che Morrison ha portato avanti specialmente con la serie Invisibles.
La musica è quindi il tema e la spinta di questa storia, che omaggia l'importanza del movimento brit-pop per l'Inghilterra degli anni 90.
Dallo spunto originale gli autori traggono un fumetto piuttosto ostico per i tipi come me che non sono grandi conoscitori della scena musicale, e con poco mordente probabilmente anche per loro.
Dietro all'aspetto patinato, merito anche dei disegni piacevoli, ma poco sostanziosi perché piatti e monocordi, Phonogram non lascia molto se non le citazioni di una realtà culturale che non tutti possono cogliere.

Phonogram
di Kieron Gillen e Jamie McKelvie
Edizioni BD, 2008 – 144 pagg. b/n bros. – 14,00€

Torna Spider-Man con Tobey Maguire per il quarto capitolo

Bisognerà aspettare il 2011 per tifare nuovamente per Spiderman. La regia del quarto episodio sul supereroe dei fumetti Marvel sarà sempre firmata da Sam Raimi e ancora una volta sarà Tobey Maguire a indossare i panni del protagonista Peter Parker. Laura Ziskin, produttore della pellicola, ha detto che la sceneggiatura non è stata ancora ultimata. Il terzo film sulla saga è stato bocciato dalla critica, ma ha comunque ottenuto un grande successo e guadagnato 148 milioni di dollari soltanto nel primo weekend nelle sale.
I primi tre film su Spiderman usciti nel 2002, 2004 e 2007 e interpretati da Tobey Maguire e Kirsten Dunst, hanno sbancato i botteghini di tutto il mondo e guadagnato due miliardi e mezzo di dollari.
Tobey Maguire ha da poco completato le riprese del film Brothers, in uscita a dicembre, dove recita al fianco di Jake Gyllenhaal e Natalie Portman.

I Simpsons: stipendi record per i doppiatori

I doppiatori della serie più irriverente d'America hanno organizzato uno sciopero improvviso a cui è seguita una trattativa con la 20th Century Fox, che ha offerto loro uno stipendio da star per continuare a prestare le voci ai personaggi. Tra gli attori entrati in sciopero, vi erano la voce di Homer (Dan Castellaneta), di sua moglie Marge (Julie Kavner), del loro primogenito Bart (Nancy Cartwright), della figlia Lisa (Yeardley Smith), del titolare della birreria Moe (Hank Azaria) e il datore di lavoro di Homer, lo spregiudicato Mr. Burns (Harry Shearer).
L'Hollywood Reporter ha confermato che l'accordo prevede per ciascuno di questi doppiatori la cifra record di 400.000$ a episodio; inoltre Dan Castellaneta, oltre a essere voce di Homer, e al suo ruolo di scrittore, verrà anche inserito fra i consulting producers dello show. Tuttavia questo contrattempo ha anche avuto alcune ripercussioni sulla serie ideata da Matt Groening, che vede ridursi le puntate della 20° stagione da 22 a 20.
I doppiatori della famiglia Simpsons, con quelli di Moe e di Mr. Burns, sono così riusciti ad ottenere dal network americano un prezzo da star per le proprie voci: infatti questo è lo stipendio offerto a molti attori «in carne e ossa», che appaiono personalmente nelle varie puntate dei telefilm.
Sembra che il calo di ascolti verificatosi negli USA abbia fatto sorgere il dubbio sull'uscita di nuove serie, al contrario si attendono notizie su un secondo film per il grande schermo, che voci insistenti danno per probabile.

lunedì 23 giugno 2008

Per distruggere la dignita di Superman neanche la kryptonite è sufficente, per fargli perdere ogni briciola di amor proprio basta portarlo a Bollywood! Eccolo ballare, cantare e baciare Spider-Woman, sia in volo che a terra, soprattutto eccolo che balla davanti a un gruppetto di traumatizzate persone dopo aver messo in fuga quattro criminali da quattro soldi. Questo cross-over tra eroi Marvel e DC in chiave musical è tratto dal film Dariya Dil.
Attenzione non è che io ce l'abbia contro un Superman ballerino, anzi trovo divertente il fatto che Superman ebbe il primo musical a lui dedicato nel 1966 a Broadway intitolato "It's a Bird...It's a Plane...It's Superman" (è un uccello... è un aereo... è Superman) che ebbe la bellezza di 129 repliche e di cui metterò locandina e un brano alla fine del post, no è il vederlo con questa S grande come una casa che si atteggia ad imitare una specie di incrocio tra John Travolta e Michael Jackson che balla con movimenti pelvici ridicoli e imbarazzanti che sinceramente mi fanno solo ridere.



Le videosigle dei cartoni animati su un canale a loro dedicato

Le sigle dei cartoni animati con i video delle sigle inziali e finali li potete trovare qui, su canale di una web tv a loro dedicati.

Vi sono numerose sigle di cartoni animati, tra cui:

  • Fantaman
  • Yattaman
  • Amici Puffi
  • Dragon Ball GT
  • Il tulipano nero
  • Hello Spank
  • Lupin
  • Carletto il principe dei mostri
  • e tanti altri…

domenica 22 giugno 2008

Intervista a Stefan Brunner, produttore di Wolverine and the X-Men

Quando, e come, è partito il progetto che ha portato alla realizzazione di questa nuova serie?

Dopo aver accettato di produrre una proprietà del catalogo Marvel, i produttori hanno reciprocamente approvato una versione degli X-Men in cui Wolverine fosse protagonista. Da lì è cominciata la fase dello sviluppo letterario, sotto la direzione del direttore creativo e dei produttori della First Serve Toonz, insieme allo story editor Greg Johnson.

C'è un qualche collegamento tra questo nuovo cartoon e le precedenti serie animate sui mutanti Marvel?

In termini di storia, la serie è a sé stante, sebbene alcuni legami tra certi personaggi siano rivelati in questa serie e non in altre serie o film. L’intento era quello di tornare stilisticamente allo spirito della prima serie animata trasmessa dalla Fox nei primi anni ’90, in cui le storie e i personaggi seguivano strettamente la tradizione letteraria.

Da quel che si è potuto vedere dai trailer, la serie inizia immediatamente con un vero e proprio cliffhanger. Che risvolti avrà questo tragico prologo sui personaggi della serie?

Infatti, la serie comincia col botto, preparando la scena per l’imminente guerra tra gli X-Men e la Confraternita, con i protagonisti della serie alla ricerca di un significato nelle loro vite, mentre si riuniscono a seguito della misteriosa scomparsa del Professor X. Tutti i personaggi dovranno sviluppare responsabilità e capire la propria importanza per il genere umano. Su tutti, starà a Wolverine assumere il comando e vestire i panni del loro mentore, fino a quando non troveranno un modo per riportarlo indietro.

Chi si è occupato della caratterizzazione grafica dei vari personaggi e quali direttive (suggerimenti e/o limitazioni) avete avuto dalla Marvel stessa?

La produzione ha lavorato a stretto contatto con i referenti della Marvel, consentendole di essere coinvolta ad ogni passo dello sviluppo e della produzione della serie. La serie è stata prodotta e realizzata dalla Kickstart Entertainment e dalla Toonz India, insieme al top degli artisti americani della Toonz, con l’animazione fatta in Sud Corea e Giappone.

Che tipo di storie e di atmosfere dobbiamo aspettarci?

Poichè gli episodi saranno caratterizzati da azione, ritmo serrato e atmosfere piuttosto dark, il tentativo degli X-Men di riunirsi, la loro prima battaglia con Magneto e la Confraternita, lo sviluppo individuale dei personaggi a seguito della perdita del Professor X farà da contraltare emotivo.

Le singole puntate saranno strettamente autoconclusive, o è previsto un subplot generale che legherà le storie delle singole puntate?

Gli episodi avranno uno sviluppo orizzontale con una evoluzione della storia che continuerà per tutta la stagione; tuttavia, anche individuali storilines verticali faranno parte di molti episodi.

Quali saranno le maggiori differenze tra questo progetto animato e le serie a fumetti da cui prende spunto?

Chi segue i fumetti sa che Wolverine è un leader molto improbabile per gli X-Men, visto che ha sempre agito al di fuori delle loro regole, mentre logicamente sarebbe Ciclope a prendere il comando. In questa serie abbiamo Wolverine come un capo incerto, che sviluppa le qualità da leader strada facendo, mentre tenta di riportare un “Ciclope distrutto” all’ovile. Rimaniamo contemporaneamente molto fedeli alla concezione dei personaggi del fumetto, ma cerchiamo nuove strade attraverso trame che permettono più conflitti e dramma di quello a cui i fan sono abituati. I nuovi fan potranno godere gli X-Men in un nuovo modo, con un ribelle come leader e uno story-arc che ci porta dal caos all’ordine.

A che target puntate?

Ai ragazzi tra gli 8 e i 14 anni, armonizzandoli con il livello dei fan adolescenti. Manteniamo i contenuti fruibili dai giovanissimi, senza negargli la drammaticità che ha fatto del film degli X-Men un successo presso lo stesso target.

L'action figure di Iron Man da Hot Toys

L’armatura di Iron Man non è mai stata così splendente come nella nuova action figure di Hot Toys dedicata al supereroe Marvel. L’action figure è stata presentata in anteprima al Tokyo Toy Show 2008.
Hot Toys è sinonimo di qualità e ci regala sempre le action figure più… hot (ricordate il Jack Sparrow dello scorso anno?). Il nuovo Iron Man in scala 1:6 ha come accessori un paio di guanti intercambiabili e la testa con il volto di Robert Downey Jr.

sabato 21 giugno 2008

I fumetti conquistano i cellulari

Dopo aver occupato grandi e piccoli schermi, i supereroi dei fumetti come Spiderman e Superman si sono ora lanciati alla conquista dei piccolissimi: quelli dei cellulari. Gli uomini d'affari che leggono fumetti sui treni - in Giappone se ne vedono in quantità - potrebbero presto farlo sul display dei loro telefonini grazie agli editori che stanno cercando di digitalizzarli per guadagnare sfruttando l'appeal del settore tecnologico.
Secondo gli analisti, il lancio dell'iPhone di Apple potrebbe contribuire alla diffusione, e il suo touch screen renderebbe la lettura più semplice e affascinante. Mentre il numero di utenti dei cellulari si avvicina ai 108 milioni - l'85% della popolazione giapponese - gli operatori si stanno concentrando più su servizi di contenuto e trasmissione dati che sui servizi voce.
Mail, download di musica e navigazione Internet sono già ampiamente diffusi, e gli analisti si aspettano che fumetti siano i prossimi. Nell'ultimo anno fiscale i fumetti hanno rappresentato la quota maggiore delle pubblicazioni su cellulare, per un valore complessivo di 204 milioni di dollari, il doppio rispetto all'anno precedente, secondo la società di ricerca Impress R&D.
"Fino ad ora, gli utenti hanno usato ampiamente il cellulare per le mail", ha detto l'analista di Shinko Securities Tomohiko Okugawa. "Ora che si va verso giochi e fumetti ... quest'area si rivelerà molto interessante". Secondo l'analista di Nikko Citigroup Hiroshi Yamashina gli schermi dei nuovi cellulari, più grandi e migliori, aiuteranno la diffusione dei fumetti.

Pontiac, storia di una rivolta

E' on line il primo audiolibro del collettivo Wu Ming, un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i testi sono invece di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi e Andrea Giovannucci (aka La Compagnia Fantasma).
Un libro illustrato di 46 pagine, in formato PDF, con 12 testi inediti di Wu Ming 2 e 12 disegni altrettanto inediti di Giuseppe Camuncoli e Stefano Landini.
Pontiac nasce come spettacolo, un reading musicale che dall'estate 2007 ha animato piazze, festival, circoli, teatri. Dodici brani dove la lettura prende il posto del canto, in un'interazione molto simile a un concerto.
Pontiac nasce dal romanzo Manituana, pubblicato da Wu Ming nel marzo 2007. Espande lo stesso universo narrativo, ma la storia che racconta è autonoma e la si può seguire dall'inizio alla fine senza bisogno di conoscere altro. E' la storia di una rivolta di nazioni indiane, dodici anni prima della Rivoluzione Americana, nel 1763; è una storia di tribù clandestine e senza diritti, di un'alleanza che scavalca miglia e linguaggi, per chiedere dignità.


Per ulteriori informazioni
www.pontiac.manituana.com

Fumetto in . .. tavola - Mostra dedicata al fumetto italiano

Oltre 100 tavole originali alla mostra Fumetto in . .. tavola: dal Dylan Dog di Ferdinando Tacconi al Diabolik di Enzo Facciolo, da vecchissime strisce realizzate da Dino Battaglia alle tavole create da Sergio Toppi sulla storia dei Popoli scritta da Enzo Biagi. Inoltre schizzi, disegni e tavole dedicate ai vari protagonisti creati da Sergio Bonelli Editore.
In una sezione speciale della mostra saranno esposti disegni realizzati da Lorenzo Mattotti, Guido Crepax, Gipi, ancora Toppi e dall'esilarante e arguto Jacovitti.
La mostra, iniziata il 19 giugno, terminerà il 10 luglio ed è aperta dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00.


Per ulteriori informazioni
Spazio Papel - via Savona 12 Milano
www.spaziopapel.net
www.crapapelada.net

Iron Man ha raggiunto i 300 milioni di dollari al box office

Iron Man sarà il primo film dell’anno a raggiungere i 300 milioni di dollari al box office del nord America.
Da martedì scorso, il film tratto dai fumetti Marvel ha raggiunto i 299.3 milioni di dollari, stimati solo in America e Canada. E i recenti incassi giornalieri per Iron Man di non meno di 680,000 dollari, tolgono ogni dubbio sul fatto che entro questa settimana Robert Downey Jr e soci possano superare i 300 milioni.

venerdì 20 giugno 2008

Come costruirsi un hover board in casa

Vi ricordate l'hover board di Martin McFly in Ritorno al Futuro parte 2 e 3? Se la risposta è si era il sogno della mia infanzia averne uno questo video fa per voi. infatti mostra come costruire dei rudimentali hover board con materiali facilmente reperibili in commercio per provare la sensazione di fluttuare a pochi millimetri dal suolo o dall'acqua.



Marvel Heroclix, in uscita la nuova espansione “Secret invasion”

Tempo di novità in casa Wizkids. E prevista per il 23 luglio l’uscita di “Secret Invasion”, nuova espansione del gioco di miniature collezionabili Marvel Heroclix. Sono già visionabili sul sito 16 delle 60 miniature previste per l’espansione che, come annunciato dallo stesso Seth Johnson, sarà piena di sorprese che caratterizzeranno le nuove versioni dei mitici eroi Marvel. Un esempio ci è dato dalla miniatura di Frank Castle, in arte The Punisher, che in questa nuova veste sarà dotato di un letale cannone a rotaia. Sostanziali cambiamenti in termini di gioco non sono stati annunciati, ma sicuramente le nuove abilità dei personaggi renderanno possibile una maggiore varietà di combinazioni “in game”.

giovedì 19 giugno 2008

Talk Ink passa alla Cagliostro ePress

Dopo la notizia dei giorni scorsi della chiusura della casa editrice Lilliput era rimasto in sospeso il problema della fine delle pubblicazioni che aveva in corso come Nuvolette e Talk Ink.
Ebbene già dal giorno dopo della notizia avevo saputo da fonti attendibili che Talk Ink sarebbe passata nella mani di un altro editore salvando questo giovane magazine dedicato a letteratura e fumetto che da spazio ai giovani autori pugliesi.
Quindi il prossimo numero di Talk Ink uscira sotto l'etichetta della Cagliostro ePress, questa notizia ha portato un'ondata di giubili tra i più giovani collaboratori della rivista che vede nella collaborazione con la Cagliostro una maggiore possibilità di crescita essendo lo staff della casa editrice più professionale di molte altre esistenti sul mercato.
Comunque Talk Ink sembra che non uscirà invariata dal passaggio, infatti passerà ad un formato più piccolo, ma con un maggior numero di pagine, siamo quindi curiosi di vedere il prossimo numero che dovrebbe avere come tema l'eros.

I LOGHI DEI PROSSIMI FILM MARVEL: IRON MAN - THOR - CAPTAIN AMERICA - THE AVENGERS

Mentre il nuovo film di Hulk esce nelle sale italiane arrivano anche i loghi ufficiali (almeno per ora) dei prossimi film firmati dalla casa delle idee.
Ecco a voi i loghi di Iron Man 2, Thor, Capitan America - Il primo vendicatore, I Vendicatori, beh perchè mi guardate storto ho tradotto in italiano i titoli, perchè spero che lo faranno anche i distributori italiani per evitare il bis di quanto successo con l'Uomo Ragno e la Panini.

Torna in edicola "Isa & Bea Streghe"

Un originale bimestrale fantasy con attualità giovanile e fumetti, ideato da sceneggiatori e disegnatori italiani. È appena uscito il primo numero della nuova serie del magazine a fumetti «Isa & Bea Streghe», la rivista che torna in edicola per iniziativa della casa editrice Asmi, nuovo editore in Italia su licenza della Editing Communications.
Destinata a un pubblico di pre-adolescenti tra gli 8 ed i 12 anni, la rivista racconta la storia di due ragazze dotate di poteri magici, una nata nel Medioevo e l’altra nel futuro, che si ritrovano grandi amiche ai giorni nostri.
«È una sfida difficile quella che abbiamo voluto raccogliere con il rilancio della testata Isa & Bea Streghe - ha dichiarato Alberto Serraino, direttore generale Asmi - Del resto, nei momenti di crisi o ci si ferma e si accetta di vivacchiare, o si rilancia con l’impegno dei creativi e di chi deve dare risorse. Gli artisti coinvolti nel rilancio di Streghe sono tutti di prima qualità, la redazione è agguerritissima, i messaggi trasmessi alle giovani lettrici sono positivi ed anche i genitori credo se ne potranno accorgere facilmente. E di messaggi positivi i nostri giovani hanno sicuramente bisogno».
«Isa & Bea Streghe» contiene due storie a fumetti complete, una delle quali proposta da una lettrice, ma anche rubriche su look, tempo libero, giochi, test e oroscopo. Il primo numero ha un prezzo di copertina di 3,90 euro, con in regalo otto anelli e due lip gloss glitterati. La tiratura di lancio è stata di 70mila copie.

mercoledì 18 giugno 2008

Hulk accusato di incitare al fumo i giovani

Ha subito fatto il pieno al botteghino statunitense dopo i primi giorni di programmazione, ma "L'incredibile Hulk", il nuovo film targato Marvel e interpretato da Edward Norton, non è piaciuto per nulla all'associazione dei medici americani. Sembra infatti che il film invogli a fumare perché in numerose scene l'attore William Hurt, il generale Thunderbolt Ross, appare con la sigaretta in mano.
"Gli studi hollywoodiani dovrebbero essere particolarmente imbarazzati per il fatto che usano film tratti dai fumetti, e dunque indirizzati ad un target di bambini e adolescenti, per promuovere il tabacco", è l'obiezione di Dianne Fenyk, presidente del gruppo di pressione, molto presente ed influente in America.
Per ora i Marvel Studios non commentano e nessun portavoce ha voluto rilasciare una dichiarazione ufficiale. Quel che è certo è che Fenyk e il suo gruppo stanno divulgando una capillare campagna massmediatica sull'argomento che potrebbe avere qualche impatto sul pubblico. Anche se io trovo strana l'eccesso di sigarette da parte del generale Ross (non mi ricordo di averlo mai visto fumare nei fumetti, o forse lo faceva tanto di rado che non lo ricordo), ma se tale campagna arrivasse anche in Italia direi che prima andrebbero boicattati tutti i reality, io di norma non li segue, ma ogni volta che cambiando canale finisco su uno di essi ecco immancabilmente uno o due tizi con la sigaretta in mano e in piena fascia protetta, quelli sono i primi che andrebbero coicottati, altro che Hulk.

Lucca Comics 2008 e Centro del Fumetto Andrea Pazienza: Self Area

Pubblichiamo un comunicato stampa del Centro del Fumetto Andrea Pazienza.

L’organizzazione di Lucca Comics & Games, alla luce dei risultati conseguiti nel corso della positiva precedente edizione, ha deciso di riconfermare lo spazio della Self Area, mantenendo tra l’altro inalterate le vecchie tariffe. Tutti i soggetti interessati possono quindi fare richiesta per acquisire uno spazio. I soggetti abilitati a presentare la richiesta sono coloro che autoproducono i propri fumetti, in qualità di gruppi, circoli o associazioni culturali o no profit. Il requisito principale è, lo ribadiamo, autoprodurre i propri fumetti.

Per alcuni disguidi tecnici, ci troviamo però solo ora a comunicare ufficialmente questa importante novità.

L’organizzazione di Lucca Comics aveva fissato come termine di presentazione delle domande il 13 giugno scorso, rivolgendosi a tutte le categorie interessate. Anche a causa delle difficoltà sorte in seguito all’adozione di nuove modalità per effettuare richiesta, tramite la compilazione di un’apposita modulistica on line, Lucca Comics ha deciso di prorogare i termini per avanzare la richiesta. La domanda va quindi presentata entro venerdì 20 giugno.

Per presentare la domanda, occorre andare alla pagina
http://areaespositori.luccacomicsandgames.com
E’ necessario registrarsi con user name e password, nonché fornire una serie di dati anagrafici sul soggetto richiedente.

Quindi, si verrà abilitati per compilare il modulo vero e proprio. Gli interessati alla self area possono scegliere uno o due moduli SA, di un metro lineare ciascuno. Effettuata la scelta, dovrebbe generarsi un pdf da stampare e inviare in originale o via fax, firmato, all’organizzazione.
Occorre anche versare in anticipo il 30% dell’importo sul conto corrente indicato nel regolamento.

Chi avesse difficoltà nella compilazione del modulo può rivolgersi all’organizzazione che fornirà senza problemi tutta l’assistenza necessaria. Invitiamo tutti gli interessati a farsi avanti al più presto.

Per gli eventuali ritardatari, non è da escludersi che, viste le caratteristiche della Self Area, si possa presentare la domanda anche dopo il 20 giugno. Se ne parlerà nei prossimi giorni. Ma non è detto che questo sia possibile, soprattutto sei in questi giorni dovessero essere prenotati tutti gli spazi disponibili…

Ribadiamo il nostro invito a diffondere il presente comunicato.
In caso di chiarimenti siamo a disposizione.

Centro Fumetto “Andrea Pazienza”


Per qualsiasi informazione vi segnaliamo i contatti dell’associazione:

Centro Fumetto “Andrea Pazienza”
Piazza Giovanni XXIII, 1 - 26100 Cremona

centrofumetto.apaz@e-cremona.it
Web: http://www.cfapaz.org

Marvel Heroclix: i migliori modellini di Hulk secondo Seth Johnson

In una bella intervista sul sito ufficiale della Marvel, il lead designer della Heroclix Seth Johnson coglie l’uscita del film di Hulk (recensito dagli amici di Cineblog) come occasione per illustrare quali sono i suoi modellini preferiti dell’eroe verde usciti per il gioco Marvel Heroclix.
Pescando fra ben 20 tipi di modellini diversi usciti da sei anni a questa parte, Seth Johnson trova il modo di illustrare quelli che per lui sono i migliori modellini prodotti dalla Heroclix.
In maniera molto simpatica e schietta, Seth illustra i pregi delle sue creazioni e come queste possano essere davvero utili in battaglia: dalla forza inarrestabile di Zombie Hulk alla mutazione estrema e letale di Green Scar, ogni modellino ha delle caratteristiche che Seth illustra e spiega senza mezzi termini, incuriosendo anche chi non conosce il gioco.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.