HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

sabato 31 maggio 2008

Judith Park a Torino Comics 2008

Dal sito ufficiale J-POP si apprende la notizia della partecipazione della mangaka coreana Judith Park alla prossima fiera del mercato di Torino Comics 2008 che si terrà nell' omonima città dal 6 all' 8 giugno 2008. Ricordiamo che Torino Comics 2008 ha avuto la sua anteprima dall' 8 al 12 maggio scorsi con la Fiera del Libro.
Considerata una delle mangaka coreane più brave e acclamata in Occidente, la giovane autrice ventitreenne sarà presente nello stand J-POP e per l' occasione sarà ristampato il suo YSQUARE e verrà proposto il suo lavoro, il volume unico YSQUARE PLUS:

A due anni di distanza dalla sua prima pubblicazione in Italia, siamo lieti di annunciare che JUDITH PARK sarà ospite d'onore durante la Mostra mercato di TORINO COMICS. La giovane autrice coreana, superstar acclamata in tutto l'Occidente come una delle più prolifiche mangaka fuori dal Giappone, sarà ospite presso il nostro stand. Per l'occasione ristamperemo l'esauritissimo YSQUARE, e presenteremo in anteprima l'ultima opera della bravissima Judith, il volume unico YSQUARE PLUS, seguito ideale della prima serie... in più vi consigliamo di non perdere la nostra conferenza, sabato 7 giugno alle ore 17:00. Vi riportiamo il comunicato dal sito http://www.torinocomics.com/

"JUDITH PARK E J-POP. La ventitreenne autrice di origini coreane incontra i suoi lettori. Presentazione delle novità a marchio J-Pop. Modera Luca Boschi. In collaborazione con J-Pop. Partecipano Anne Berling (direttore editoriale Carlsen) e Paolo Gattone (direttore editoriale JPOP).
La mangaka non giapponese piu' tradotta al mondo finalmente in Italia! L'autrice di Dystopia, Ysquare, Luxus, Ysquare+ (in anteprima a Torino Comics!) arriva in Italia per incontrare il suo pubblico. Nel corso dell'incontro, Anne Berling illustrerà al pubblico italiano la produzione Carlsen (altri titoli: Jibun Jishin) e Paolo Gattone, oltre a presentare le nuove uscite annuncerà alcune attese novità del futuro catalogo JPOP.
"

Spider-Man, finalmente un atteso ritorno

Negli Usa, in Amazing Spider-Man #560 è tornato un grande Marvel personaggio, che sicuramente da tempo mancava ai fan!

Questo ritorno ha spiazzato un po’ tutti, soprattutto per come è stato impostato da Dan Slott. Inoltre lo scrittore ha promesso che a causa della sua gestione del personaggio i fan impugneranno le torce ed i forconi per andare a cercarlo.

Ben tornata Mary Jane!

Museo Italiano del Fumetto: tutte le aperture delle mostre in occasione del 2 giugno

Le mostre organizzate dal Comune di Lucca, con il Museo del Fumetto e Lucca Comics and Games restano aperte per il ponte del 2 giugno con orario 10/19. “Uno sforzo organizzativo – sottolinea il curatore Angelo Nencetti – ritenuto necessario, come abbiamo già fatto per il ponte del 1° maggio e del 25 aprile, per offrire luoghi da visitare ai molti turisti presenti in città per queste vacanze e anche per gli stessi lucchesi che possono cogliere l’occasione per passare una giornata in modo diverso”.
Oltre a poter visitare lo stesso Museo italiano del Fumetto, in piazza S. Romano, sarà quindi possibile recarsi all’ex Real Collegio (dietro la basilica di S. Frediano) dove prosegue l’allestimento dei due eventi di eccezione: la mostra Tex forever dedicata ai 60 anni di Tex Willer, il più longevo personaggio del fumetto italiano, con una panoramica degli autori che nel 2008, anno dell'anniversario, disegnano Tex, grazie al coinvolgimento diretto della Sergio Bonelli Editore, che ha eccezionalmente fornito in anteprima le tavole originali che saranno pubblicate nel corso dell'anno, oltre a una speciale sezione dedicata alla cura della riproduzione di armi e abbigliamento.
L’altra opportunità da cogliere è “Copertinando”: viaggio nelle copertine dei libri Mondadori attraverso i suoi grandi illustratori, tra i quali si contano Ferenc Pintèr, Carlo Jacono e Karel Thole. Una mostra che svela quale lavoro si nasconda dietro la realizzazione di una copertina di un libro, presentando veri quadri, realizzati con tecniche diverse, che si sono poi trasformati in frontespizi.
Per tutto il è anche possibile visitare il Museo del Fumetto, dove si può anche ammirare Quanto Lucca diventò un fumetto, che raccoglie tutta la produzione delle “nuvole” che hanno portato i monumenti e gli scorci della nostra città dentro i fumetti: dalla Walt Disney a Dago.

venerdì 30 maggio 2008

Renzo Abore: "Divento un cartoon"

Un dromedario che parla pugliese, con occhiali da sole, cappello in testa, e sulla groppa una bisaccia con chitarra e clarinetto. È il personaggio animato cui ha prestato la voce Renzo Arbore in "La luna nel deserto", il mediometraggio in 3d di Cosimo Damiano Damato, che racconta coi toni della favola una storia d’amore e rispetto per gli altri, ambientata nel mondo degli animali.
«È la prima volta che divento cartone animato - ha spiegato Renzo Arbore durante la presentazione del minifilm alla Casa del Cinema di Roma - L’idea della storia mi piaceva. È molto poetica, promuove valori in cui credo ed è ambientata in quell’area del sud che amo tanto». Come lo showman, anche gli altri doppiatori d’eccezione, fra i quali Michele e Violante Placido, Arnoldo Foà, Emilio Solfrizzi, Caterina Sylos Labini, e i giornalisti Rai Leonardo Metalli e Attilio Romita, hanno partecipato al progetto a titolo gratuito.
La luna nel deserto, che in questo periodo sta girando i festival («speriamo di andare anche al Giffoni - ha spiegato il produttore Angelo Tumminelli - ci serve visibilità per trovare una distribuzione») è ispirato al romanzo di Raffaele Nigro (coautore con Damato della sceneggiatura), Desdemona e Coca Cola. Protagonista della storia (accompagnata dalla colonna sonora dei Radiodervish) è la giovane e idealista gazza Cola Cola (doppiata da Metalli), nata e cresciuta nelle oasi del deserto. Il sogno di allontanarsi dal «continente della fame e della sete», anche su consiglio di una seducente e malinconica luna con fattezze di donna (Sylos Labini), e di un intraprendente dromedario (Arbore) porta il pennuto a partire per una favoleggiata «isola del miglio e del grano», che si scopre essere una Venezia senza tempo. Qui Cola Cola si innamora della colomba Desdemona (Violante Placido), ma il loro legame sarà ostacolato dall’intolleranza verso quelli che sono visti come diversi.
Il mediometraggio è stato realizzato, con varie interruzioni dovute al piccolo budget, dagli studi d’animazione Ccbc di Bari, in due anni. «Ho pensato - ha spiegato Damato, già giornalista e regista teatrale - che lo strumento della favola animata potesse essere il migliore per raccontare una storia che vuole promuovere il dialogo con il sud del mondo, la necessità di darsi la mano. Dove non arriva la politica, possono arrivare la poesia e l’arte».

giovedì 29 maggio 2008

ITALIAN SPIDERMAN - Il nuovo cult-movie dei supereroi made in Italy

Ad appena una settimana dal suo lancio sulla rete devo ammettere che ITALIAN SPIDERMAN è diventato un vero fenomeno di cult, questo film che riproduce alla perfezione lo stile, i colori e i soggetti dei film anni 70 italiani, quelli per intenderci in cui i poliziotti prima sparavano e poi ti dicevano che avevi parcheggiato in doppia fila mentre il regista si divertiva in inquadrature alla Sergio Leone.
Quest'opera che vede un italico supereroe con logo del ragno sulla t-shirt pronto a fare giustizia a colpi di fucile a pompa in sella alla sua moto, in una scala da uno a dieci si può dire che ci troviamo di fronte al nuovo personaggio in stile Bud Spencer (quel sul tipo di "Lo chiamavano Trinità") con un dieci sicuro qualcosa che tutti gli amanti del cinema italiano aspettavano da tempo dopo essersi strarotti le scatole di registi o che hanno perso il più che semplice concetto di divertimento o che sanno solo mettere quattro comici sullo schermo a dire parolacce in situazioni volgari.
Con ITALIAN SPIDERMAN ridiamo il ben tornato al cinema italiano fatto per appasionare gli spettatori, o in questo caso i navigatori di Internet.

Blue-Area.net: Marvel Continuity Resource

http://www.blue-area.net/ è un sito basato sulle cronologie Marvel. Si compone di tre aree: l’area dedicata alle informazioni sugli albi originali, l’area dedicata alle informazioni sugli albi italiani e l’area dedicata ai singoli personaggi dell’Universo Marvel.
Blue-Area è un progetto di network in espansione. Il Database Centrale (il suo “cuore pulsante”: http://www.blue-area.net/Index2.htm ) è un collettore nel quale affluiscono i database di diversi appassionati alla Continuity Marvel, i quali hanno scelto di consorziarsi e unire i loro sforzi individuali.
Lo scopo di cotal progetto è:
1) Facilitare il reperimento dei dati utili agli appassionati di Continuity;
2) Svolgere un ruolo di “trasmissione temporale” dell’Universo Marvel per le nuove generazioni;
3) Ricostruire un’immagine unitaria e organica del meraviglioso affresco dell’Universo 616.
In realtà questo sito ha alle spalle una sua storia, la prima versione di questo sito è stata ideata e realizzata da JoPili nel Maggio del 2000 con il nome di “Marvel in Italia”. La prima versione interattiva degli Archivi è stata varata nell’Ottobre del 2002 ed è durata fino al Novembre 2004.
Dopo tre anni di assenza (2005/2007) il sito è ritornato con il nome di “Blue-Area” con un aspetto totalmente nuovo, progettato per un reperimento a loro dire rapido e funzionale delle informazioni (cosa su cui sinceramente ho un pò da ridire, a causa dell'uso massiccio e sconsiderato fatto dei frame che sono da anni super deprecati da tutti coloro che lavorano nel settore del web-engineering).
Lo staff del progetto dedica il loro intero lavoro con affetto, stima e riconoscenza a Mark Gruenwald, il grande tessitore della Continuity Marvel (e qui sono d'accordo su tutta la linea)

mercoledì 28 maggio 2008

Manziana Comics - Festival del Fumetto

Per gli amanti dei fumetti un importante appuntamento all’orizzonte.
Il 13 - 14 - 15 giugno 2008 a Manziana (Rm) ci sarà il Manziana Comics.
Eventi, spettacoli, mostre e performances, tutte inerenti il mondo del fumetto.
Tre giorni in cui si svolgerà un vero e proprio festival coinvolgendo l’intera cittadina, le sue strade, le sue piazze, i suoi dintorni che avrà il proprio centro in un palco montato nella piazza principale dove si alterneranno vari artisti.

Il programma è così articolato:


MOSTRE:

“IL SEGNO/SOGNO INTERROTTO” - Fumetti, illustrazioni e bozzetti per opere che non hanno mai visto la luce del sole. Scenografie, studi di personaggi e tavole a fumetti danno vita a una ricca galleria di inediti che offre interessanti retroscena di progetti mai realizzati.

“MI CASA ES TU CASA - GUSTAVO TRIGO” - Una mostra tributo che ripercorre le tappe più significative della carriera del disegnatore argentino Gustavo Trigo, che dagli anni settanta fino alla sua scomparsa nel 1999, ha lavorato per case editrici come Eura (“Lanciostory”, “L’Eternauta”) e Bonelli (“Dylan Dog”, “Julia”, “Nick Raider”).

EVENTI:

INCONTRI CON GLI AUTORI: Disegnatori di fumetti si alterneranno negli spazi dedicati agli incontri con il pubblico, dove sarà possibile richiedere sketch e disegni.

MURALE: Durante i tre giorni della manifestazione i disegnatori della Scuola Romana dei Fumetti realizzeranno un murale sul palazzo del Comune di Manziana.

WORKSHOP: “Otto Tavole su Manziana” è il nome del workshop che vedrà al lavoro i disegnatori della Scuola Romana dei Fumetti su una storia ambientata a Manziana.

SPETTACOLI: Greg e Lillo, Max Pajella, Andrea Ra e i Raggi Fotonici animeranno il festival del fumetto sul palco della piazza principale di Manziana.

IL CONCORSO: Il concorso è aperto a disegnatori, illustratori e sceneggiatori e la premiazione si svolgerà domenica pomeriggio sul palco (il termine ultimo di consegna degli elaborati è il 10 giugno).

I FUMETTI A SCUOLA: Per tutta la durata della manifestazione, la scuola media di Manziana ospiterà l’area dedicata ai più piccoli, gestita dai docenti del corso “Comics Junior” della Scuola Romana dei Fumetti.

LE FUMETTERIE: Saranno presenti stand di fumetterie.

AREA AUTOPRODUZIONI: Fumetti indipendenti, fanzine e in generale tutto quello che riguarda il circuito “sotterraneo” delle autoproduzioni trova il suo spazio in un’area appositamente allestita e gratuita per gli espositori e per i visitatori.


Andiamo a vedere più in dettaglio però il concorso che è a tema libero ed è suddiviso in tre settori:

Illustrazione: I partecipanti potranno presentare qualsiasi tipo di elaborato, realizzato a colori, in bianco e nero, con tecnica tradizionale o digitale. Il formato massimo per gli elaborati è di 50x70 cm. È consigliabile partecipare con una copia più possibile fedele all’originale.
È possibile presentare fino a tre elaborati, ciascuno dei quali richiede il pagamento della quota di partecipazione. Ogni illustrazione dovrà essere corredata sul retro da nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico dell’autore.

Fumetto: I partecipanti potranno presentare qualsiasi tipo di elaborato, realizzato a colori, in bianco e nero, con tecnica tradizionale o digitale. L’opera dovrà essere autoconclusiva, il numero di pagine dovrà essere compreso tra 1 e 8.
È consigliabile partecipare con una copia più possibile fedele all’originale. È possibile presentare un solo elaborato per questa categoria. Ogni pagina dovrà essere corredata sul retro da nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico dell’autore.

Sceneggiatura: I partecipanti potranno presentare scritti appartenenti a qualsiasi stile o genere narrativo. L’opera dovrà essere autoconclusiva, il numero di pagine sceneggiate dovrà essere compreso tra 4 e 10.
Non sono ammessi testi scritti a mano.
È possibile presentare un solo elaborato per questa categoria.
Ogni pagina dovrà essere corredata sul retro da nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico dell’autore.

Per maggiori informazione http://www.manzianacomics.com/ManzComix/Concorso.html

L’uomo ragno pronto per il quarto capitolo

Il vice presidente della Marvel Peter Cuneo ha confermato che la Sony ha pagato i diritti per fare un quarto film su Spider-Man. Cuneo ha anche detto che l’uscita probabile sarà nel 2010 o nel 2011 ma che il progetto è interamente nelle mani della Sony.
Confermato Sam Raimi come regista mentre non si sa ancora nulla per quel che riguarda Tobey Maguire e Kirsten Dunst. E’ comunque probabile che un annuncio ufficiale su Spider-Man 4 e su Spider-Man 5, da parte della Sony arrivi o al termine di quest’anno o all’inizio del prossimo.

6-8 giugno: Torino Comics

Dal 6 all’8 giugno si svolgerà a Torino la 14° edizione di Torino Comics, dopo l’anticipo avvenuto dall’8 al 12 maggio in occasione della Fiera Internazionale del Libro, con l’area dedicata agli editori di fumetti. Avrà luogo negli spazi del Lingotto Fiere. I visitatori potranno visitare bancarelle di usato, mostre, incontri e sessioni di dediche con gli autori, spazi dedicati al cosplay e un’area tutta dedicata ai games, con dimostrazioni e tornei.
In questi quattrodici anni di manifestazioni, Torino Comics è cresciuta. Nata su commissione a Vittorio Pavesio, da sempre principale promotore dell’evento, da parte dell’Associazione Radar, da piccola mostra mercato del fumetto è arrivata ad ospitare artisti di livello internazionale come Will Eisner, Hermann, Vittorio Giardino, Tanino Liberatore, ma anche novità e celebrità della scena italiana, facendo attenzione alle novità editoriali e alle riscoperte di classici.Gli espositori sono negli anni aumentati, tanto che quest’anno saranno presenti Bonelli, Pavesio, Edizioni BD, Coniglio Editore e molti altri.
Il programma di iniziative legate alla quattordicesima edizione di Torino Comics tra prevede incontri e mostre, tra cui:
  • incontro con Judith Park, artista del manga, la ventitreenne autrice coreana che con soli quattro volumi all’attivo, editi in Germania e tradotti in tutto il mondo, è già una piccola celebrità del manga non proveniente dal Giappone;
  • incontro con Marco Rota, uno dei talenti del fumetto italiano legati all’universo Disney, autore e disegnatore di molte memorabili storie dei paperi, con un occhio di riguardo per zio Paperone. Rota sarà gradito ospite di Torino Comics e realizzerà dediche e autografi per tutti gli appassionati;
  • mostra su Andrea Pazienza a vent’anni dalla scomparsa. Una selezione di lavori curata dal Centro Fumetto Andrea Pazienza in collaborazione con Romics, per scoprire e riscoprire la vita e le opere della graffiante matita tricolore.
  • presentazione di Jan Dix, da parte di Carlo Ambrosini. Esordisce a maggio per Bonelli la nuova serie bimestrale Jan Dix, incentrata su un critico d’arte olandese alle prese con misteri da risolvere. Ne è creatore Carlo Ambrosini, papà di Napoleone, anche disegnatore del primo numero. Il progetto sarà presentato in fiera.
  • in esposizione le tavole originali di Novecento. Un romanzo moderno già classico ottiene la sua parodia disneyana: ecco la storia Novecento, sceneggiata da Tito Faraci a partire dal romanzo di Alessandro Baricco e disegnata da Giorgio Cavazzano. La fiera ospiterà una mostra di tavole originali e bozzetti.
  • presentazione di Fantasy Factory. Vittorio Pavesio e la redazione presentano la nuova iniziativa editoriale: una rivista di fumetti e sui fumetti che è già comparsa con il numero zero alla Fiera del Libro, e che a Torino Comics farà il suo esordio con il numero 1.

Torino Comics
6-7-8 giugno 2008
Padiglione 1 - Lingotto fiere
Orario 9,30 - 19,30
Biglietti: 8,00 € (ridotto 6,00 €)

martedì 27 maggio 2008

Proteste islamiche, Jojo è ritenuto blasfemo

Anche il Giappone entra nel vortice delle proteste islamiche dopo che agli autori e editori di un noto manga è stata rivolta l’accusa di inaccettabile offesa alle credenze musulmane. Dopo quanto successo in Turchia con Heidi ora anche il popolare cartone animato giapponese, "Le bizzarre avventure di JoJo", ha suscitato le proteste di esponenti religiosi musulmani per una presunta scena blasfema nei confronti dell’Islam, costringendo alle scuse la casa di produzione nipponica che ha prontamente ritirato dai mercati dell’area mediorientale sia i fumetti sia i dvd della serie incriminata.
La notizia è stata diffusa nel momento in cui una nuova fiammata di protesta contro atti interpretata come profanazione del libro sacro dell’Islam - alimentate a quanto sembra dai taleban - hanno provocato morti e feriti in Afghanistan. In questo caso la miccia è stata innescata da un soldato americano di stanza in Iraq che per esercitarsi al tiro avrebbe usato come bersaglio una copia del Corano. Lo scuse fatte dal presidente americano George W. Bush al premier iracheno Nouri al Maliki non sono bastate a placare gli animi.
Il cartone animato che potrebbe creare problemi ai rapporti tra mondo musulmano e Giappone è tratto da una serie a fumetti pubblicata in numerosi Paesi ed è nato dalla penna del fumettista Hirohiko Araki nel 1987 (l’edizione italiana è partita dal 1993). Ha suscitato proteste a causa di una scena di 90 secondi di un episodio della serie animata, in cui si vedrebbe un personaggio, il cattivo di turno "Dio Brando", prendere in mano un Corano e ordinare l’esecuzione degli eroi buoni.
Lo sheikh Abdul Hamid Attrash, direttore del comitato per le Fatwa di Al Azhar, la massima istanza del mondo sunnita con sede al Cairo, ha dichiarato, secondo quanto riporta l’agenzia giapponese Kyodo, che «il cartone animato è un insulto all’Islam, in quanto dipinge i musulmani come terroristi, cosa che non è affatto vera», aggiungendo che «si tratta di un’offesa alla religione e i produttori del cartone potrebbero essere considerati nemici dell’Islam».
In Giappone, intanto, la casa di produzione Shueisha ha risposto alle accuse dichiarando che si è trattato di un «semplice errore», in quanto «nè il fumetto originale nè la sua trasposizione animata intendono offendere i musulmani», manifestando le proprie scuse per quanto accaduto.
La scena in cui risultano leggibili alcune parole arabe tratte da un versetto del Corano e che è finita nel mirino non è presente nel fumetto originale, ma è stata aggiunta nella versione video per dare una sensazione di maggiore autenticità alla scena, ambientata in Egitto. I produttori del cartoon sostengono di aver scelto «un libro a caso con scritte in arabo» ignorando che si trattasse del testo sacro dell’Islam.
Lasciando stare quello che dicono i produttori del cartoon perchè suona come la balla più grande del mondo, ma io vorrei dire sono decenni che vediamo in film, cartoni animati e fumetti pazzi psicotici con tanto di Bibbia in mano che recitano versi sacri eppure non mi sembra di vedere tutti questi gruppi di protesta cristiani od ebraici contro simili film, perchè i religiosi islamici sono sempre così intransigenti per queste cose? Sono loro che sbagliano o dovremmo essere a diventare più rigidi per evitare di dare modelli negati ai più giovani? C'è da riflettere, comunque per principio io rimango sempre sulla posizione niente censura delle opere artistiche-commerciali.

Tunué vince il premio come miglior editore

La Tunué ha ritirato il prestigioso premio nell’ambito della Mostra del Fumetto di Reggio Emilia, giunta alla sua 40ma edizione, organizzata dall’Anafi in collaborazione con l’Arci di Reggio Emilia
La giuria - composta da ai soci Anafi: Gianni Brunoro, Silvio Costa, Franco Grillo, Luigi Marcianò, Luciano Tamagnini, oltre che dal Presidente Paolo Gallinari - ha motivato come segue la premiazione:
«Il premio va alle edizioni Tunué per aver creato, nel corso di pochi anni, un catalogo innovativo con l’occhio rivolto sia alla presentazione di fumetti giovani e nuovi, sia per il sostegno ad una saggistica sempre interessante legata ai vari aspetti del mondo del fumetto».

Hero Initiative in soccorso di Hero Initiative

E’ delle scorse settimane la notizia che Gene Colan, uno dei maggiori disegnatori della Marvel, è stato ricoverato per gravi disfunzioni epatiche.
Sono bastati pochi giorni perchè la notizia facesse mobilitare amici e associazioni che stanno tentando in tutti i modi di dare un aiuto di carattere economico al grande disegnatore.
Tra le associazioni la più attiva è senza dubbio la Hero Initiative, un’associazione no-profit che aiuta sceneggiatori e disegnatori in difficoltà, soprattutto per casi di cure mediche necessarie ma dal costo troppo alto o non coperte da un’assicurazione.
Per aiutare Gene Colan, la Hero Initiative venderà 200 copie in tiratura limitata della cover del numero 1 di The Invincible Iron Man, ciascuna a 25 dollari; in un momento successivo ne verranno messe in vendita altre 50, autografate dallo stesso Gene Colan e da Stan Lee. In aggiunta a questo, altro materiale sarà recuperato o messo all’asta, sempre a scopo di beneficienza, tra cui la vendita di copie in tiratura limitata della cover di Daredevil 47; si prevede inoltre la pubblicazione di un volume i cui proventi andranno a sostegno di Colan. Altre iniziative seguiranno nel periodo della sua convalescenza.

lunedì 26 maggio 2008

Raiders, alla ricerca del Santo Graal

J-Pop pubblicherà in autunno Raiders, un manhwa di Park Jin-jun , considerato l’Oh!Great coreano.

Raiders racconta della ricerca del Santo Graal per ottenere la vita eterna. Ariel è un giovane ragazzo che non crede a questa leggenda, ma ritornerà in vita proprio grazie al potere del Graal dopo avere subito un attacco dalla bellissima guerriera zombie Lamia.

Scopo di Lamia è quella di impossessarsi del Sacro Calice (o piatto… diciamo che può essere un errore tecnico di traduzione) per porre fine alla sua condizione di non morta.

Leggenda, mistero, archeologia ed azione in questo manhwa tra i più moderni degli ultimi anni in tre volumi bimestrali (serie ancora in corso).

domenica 25 maggio 2008

David Lloyd, il disegnatore di V for Vendetta, torna in Italia per alcuni incontri, eccovi il suo calendario dei primi di giugno

David Lloyd, l’acclamato disegnatore di V For Vendetta recentemente visto all’opera sulla sua graphic novel Kickback nel ruolo anche di sceneggiatore, incontrerà il pubblico in tre incontri nei primi giorni di giugno.

Si comincia giovedì 5 giugno alle ore 21:30 presso la fumetteria Comics House a Sarzana, provincia di La Spezia, si continua poi venerdì 6 giugno a Cagliari presso la fumetteria Loriga Fumetti alle ore 18 e si conclude sabato 7 giugno a Sassari presso la Libreria Azuni.

Libri per Strada: XVII edizione

In occasione della XVII edizione della manifestazione I Libri per Strada, che si svolgerà nella centralissima piazza Luni, la fumetteria Comic House, a Sarzana (SP), ospiterà dal 31 maggio all'8 giugno una serie di incontri con gli autori di vari libri, presentati dal titolare della fumetteria Daniele Pignatelli.

Sabato 31 maggio alle 21.30
Il Male 1978/1982 – I cinque anni che cambiarono la satira
Vincino
Rizzoli, 2007

Lunedì 2 giugno alle 21.30
Dossier Genova G8
Gloria Bardi e Gabriele Gamberini
Becco Giallo, 2008
Interventi di Francesco Barilli, Enrica Bartesaghi e Lorenzo Guadagnucci

Giovedì 5 giugno alle 21.30
Kickback
La nuova opera dell'autore di V for Vendetta David Lloyd
Magic Press, 2006


Per ulteriori informazioni:
Comic House
Via Gramsci, 25/a
19038 Sarzana (SP)
Tel. 0187 / 62.21.66
http://www.comichouse.it/
info@comichouse.it

sabato 24 maggio 2008

Rapallonia: i prossimi eventi

Mercoledì 28 maggio: a partire dalle ore 16.00, presso la Biblioteca Berio di Genova, pomeriggio dedicato all’evento Quelli che in Berio… disegnano il gatto, nell’ambito delle iniziative per il decennale della biblioteca.

Inaugurazione della mostra dei disegni dei fan di Gatto Berio di tutte le età, giunti in seguito al concorso indetto con la pubblicazione delle strip di Gatto Berio (pubblicate da Il Secolo XIX e realizzate grazie al contributo di Alleanza Assicurazioni); premiazione dei lavori migliori selezionati da una giuria formata, tra gli altri, da Gatto Berio, Sergio Badino e Francesco D’Ippolito, autori delle strisce.

Sabato 31 maggio: alle ore 18.00, presso la libreria Porto Antico Libri di Genova, Sergio Badino presenta Giovanni Marchese e Luca Patanè, autori del romanzo a fumetti Ti sto cercando, edizioni Tunué (http://www.tunue.it/).

Questo graphic novel, presentato per la prima volta lo scorso aprile al Napoli Comicon – dove in poco tempo è andato esaurito – affronta difficili e importanti tematiche, tra cui la principale, l’immigrazione clandestina, attraverso un’efficace, asciutta e diretta narrazione a fumetti. Un quadro oggettivo e uno spunto di riflessione su una delle piaghe della società, non solo italiana.

Sabato 7 giugno: alle 18.00, presso la libreria Porto Antico Libri di Genova, Sergio Badino presenta Davide Caci, autore del saggio I Simpson, i Griffin & Co. – Le sit-com animate dalla preistoria dei Flintstones ai giorni nostri, edizioni Tunué (http://www.tunue.it/).

Uscito in occasione della Fiera Internazionale del Libro di Torino, è impreziosito da una prefazione di Alfio Bastiancich, direttore del festival internazionale dell’animazione televisiva Cartoons on the Bay, e da un’illustrazione di copertina di Donald Soffritti, disegnatore Disney attivo anche nel mercato francofono.

Chi acquisterà entrambi i volumi, presenziando ad ambedue gli incontri, potrà ritirare in omaggio una litografia numerata a tiratura limitata tratta dalla storia a fumetti Abra & Kadabra, di Badino & Macchiavello, firmata dagli autori, pubblicata nel 2004 sul catalogo della Mostra Internazionale dei Cartooonists di Rapallo.

Rapalloonia! è inoltre orgogliosa di presentare la sua nuova serie a fumetti, Mark & Thing, pubblicata a partire da maggio 2008 sulla rivista di marketing e comunicazione per l’impresa DM&C (http://www.dmconline.it/).

L’appuntamento è poi per il 20 settembre, a Rapallo, presso l’Antico Castello sul Mare, per l’inaugurazione della XXXVI Mostra Internazionale dei Cartoonists dal titolo Strisce di Terra e Strisce di Carta – i Fumetti dei Liguri nel Mondo.

Per ulteriori informazioni:
http://www.rapalloonia.com/
http://blog.komix.it/professionesceneggiatore
http://www.sergiobadino.com/

Fumetto all'Accademia di Belle Arti di Bologna

Bologna ha sempre avuto un ruolo centrale nella storia del fumetto e dell'illustrazione italiani e internazionali e anche oggi prosegue questa importante tradizione, contando della presenza più significativa di autori, editori e professionisti.
In un simile contesto è nato nel 2004, nell'ambito dell'Accademia di Belle Arti, un corso triennale in Fumetto e Illustrazione, primo e unico in Italia, con il quale poter conseguire un diploma accademico di primo livello. Il corso ha superato nel primo quadriennio i 170 iscritti e, dall'A.A. 2007/08, ha ampliato il suo percorso formativo con l'attivazione di due bienni specialistici in Illustrazione per l'editoria e in Linguaggi del fumetto.
In previsione dell'A.A. 2008/09, per meglio illustrare il percorso formativo e la struttura dei corsi, lunedì 16 giugno alle ore 11.00 si svolgerà un Open Day, durante il quale gli studenti interessati potranno incontrare alcuni dei docenti del corso (Matteo Casali, Onofrio Catacchio, Sara Colaone, Massimiliano De Giovanni, Otto Gabos, Octavia Monaco, Luigi Raffaelli, Massimo Semerano, Vanna Vinci) e ricevere informazioni sul corso triennale e sui bienni di specializzazione in Fumetto e Illustrazione.
Nello stesso giorno sarà possibile effettuare una pre-iscrizione ai corsi di diploma di primo e di secondo livello.


Informazioni più dettagliate sono reperibili sul sito
www.accademiabelleartibologna.it

Aggiornamenti sui film di Capitan America e di Thor

Kevin Feige, presidente della Marvel Studios, ha parlato ai giornalisti negli Studios della Universal riguardo al prossimo film dei Vendicatori che prevede la partecipazione di Capitan America, e di seguito della produzione che invece vedrà proprio l’eroe stelle e strisce come protagonista assoluto.
Feige ha confermato innanzitutto che la storia si svolgerà durante la seconda guerra mondiale, proprio come il fumetto originale. L’intenzione è quella di rimanere fedeli al materiale originale.
Feige ha anche confermato che quello visto nel film Iron Man è effettivamente lo scudo di Capitan America, ma che si tratta di un easter egg che probabilmente non avrà nulla a che fare con la storia di Capitan America.
Per quanto riguarda Thor, che la Marvel prevede di portare sul grande schermo per il 4 giugno 2010, Feige ha dichiarato che le voci secondo le quali Matthew McConaughey sarebbe coinvolto nel casting per il ruolo principale non hanno fondamento. Nessuna conferma riguardo alle voci di corridoio che voglio Pitt indossare l’elmetto alato del dio del tuono.
Per quanto riguarda la sceneggiatura pare che Mark Protosevich (The Cell) sia ancora al lavoro e che entro un paio di settimane sia in grado di consegnare il lavoro definitivo.
Nessun regista è ancora stato scelto, anche se Feige assicura che il suo nome sarà noto entro l’estate:
Feige ha confermato confermato che la vicenda sarà ambientata nella favolosa Asgard, dimora degli dei nordici, è che non si svolgerà ai nostri tempi.



Il promemoria per le date di uscita Marvel è il seguente
Iron Man 2: 30 aprile 2010
Thor: 4 giugno 2010
Il primo vendicatore: Capitan America: 6 maggio 2011
I vendicatori: 1 luglio 2011

venerdì 23 maggio 2008

FreakAngels di Ellis e Duffield gratis in rete

Il 15 febbraio è iniziato FreakAngels di Warren Ellis e Paul Duffield, un fumetto pubblicato in prima battuta in internet a cadenza settimanale dalla casa editrice Avatar Press, un'opera veramente di alta qualità che vede una londra post-apocalittica in cui l'umanità cerca di riscoprire se stessa. FreakAngels dimostra definitivamente come i webcomics possano anche essere anche qualitativamente superiori ai loro fratelli maggiori di carta.

http://www.freakangels.com/

Mareafumetto 2008: mostra, concorso e workshop

"Mareafumetto (ci dicono gli organizzatori) è una mossa, una movimentazione, un “gioco” che vede il medium fumetto confrontarsi e interagire con gli altri media, valorizzandolo come strumento “giovane” di comunicazione.
Per tutta la durata del festival Marea, verrà allestita una mostra dedicata a Giuseppe Palumbo (da Ramarro a Diabolik), con l’ esposizione di originali che ne ripercorrano la carriera nelle sue articolate tappe.
Il concorso si dividerà in tre sezioni: Fumetto, Striscia e Vignetta; potranno essere realizzate sia a colori che in bianco e nero, con qualsiasi tecnica di disegno o pittorica."

Per saperne di più: http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/

I Runaways in fuga verso il cinema

I Marvel Studios iniziano ametter in cantiere sempre nuovi progetti dopo il successo economico di Iron Man, e tra i nuovi nomi di chi va portato dalla carta alla celluloide vediamo spuntare i Runaways, la serie co-creata dallo scrittore Brian K. Vaughan e dal disegnatore Adrian Alphona, pubblicata in italia in volumi, per sole fumetterie, da Panini Comics.
Lo stesso Vaughan uno dei migliori scrittori di fumetto degli ultimi anni, che annovera tra i maggiori successi della sua carriera opere come L'orgoglio di Bagdad (Planeta DeAgostini), Y: The Last Man (Planeta DeAgostini), Ex Machina (Magic Press), si occuperà della sceneggiatura, mentre al presidente dei Marvel Studios Kevin Feige sarà affidata la produzione della pellicola.
Vaughan non è nuovo nel ruolo di sceneggiatore: l'autore di Cleveland, infatti, scrive già da qualche tempo alcune puntate del telefilm cult Lost mentre in ambito cinematografico è stato ingaggiato, sempre come sceneggiatore, per la trasposizione cinematografica di un altro suo grande successo, Y: The Last Man, la cui serie cartacea si è conclusa da qualche settimana negli States.
Una scelta abbastanza coraggiosa questa della Marvel che ha intenzione di produrre un film basato su personaggi, che a dispetto di Spider-Man, Hulk o Iron Man, sono nati relativamente da poco, con il primo numero uscito negli States nel 2002.
La serie, che è stata accolta positivamente dalla critica e dai lettori e di cui trovate su queste stesse pagine la recensione del primo e del secondo volume, è riuscita a vincere nel 2006 l'Harvey Award come miglior serie, e racconta le avventure di un gruppo di adolescenti di Los Angeles che si ritrovano ad affrontare e a scappare dai propri genitori, colpevoli di far parte di una setta di supercriminali chiamata Orgoglio.
La trasposizione cinematografica è ancora ad una fase puramente embrionale così come l'altra trasposizione dedicata ad Ant-man, ma quel che è certo è che il film non apparirà nelle sale cinematografiche prima del 2012.

Concorso «Coops for Words»

Il premio letterario Coop for Words, giunto alla sesta edizione, è promosso da Coop Adriatica, che opera in Veneto, Emilia-Romagna, Marche e Abruzzo, e dal 2002 ha dato spazio alle opere inedite di ragazze e ragazzi residenti o domiciliati nel proprio territorio di riferimento. Dal 2007 Coop for Words si è aperta al fumetto, con la sezione speciale dedicata a questa forma espressiva, di grande fascino e potenzialità, per raccontare una storia con l'aiuto del disegno.

Il sito Coop for Words – Scrivere Giovane è on line tutto l'anno, e si possono inviare i propri testi e fumetti anche oltre le scadenze del concorso, per vederli pubblicati sul sito oppure, se lo si volesse, anche per partecipare alle future edizioni del premio.

In due tavole a fumetto puoi raccontare una piccola grande storia. Parola e immagine, insieme per dare forza alla tua creatività. I vincitori e i finalisti della edizione 2008 del Premio Coop for Words esporranno i loro lavori a BilBObul, festival internazionale di fumetto di Bologna nel 2009. I lavori selezionati della Sezione Speciale Fumetto saranno anche proiettati durante la manifestazione Ad alta voce in programma in ottobre a Venezia, Cesena e Bologna.

Alla Sezione Speciale Fumetto si può partecipare in gruppo con un'immagine elettronica in cui, in due tavole, si dà vita ad un personaggio e alle sue avventure. E poi ancora la sezione blog a cui inviare i propri post sul tema «dalla precarietà alla partecipazione». Queste le sezioni più innovative di Coop for words 2008 - Scrivere Giovane, il premio letterario promosso da Coop Adriatica e riservato ai giovani autori esordienti o emergenti. Perché Coop for words è un premio attento a dar voce a tutti quei giovani che oggi per esprimersi usano i nuovi linguaggi della comunicazione. Senza dimenticare, naturalmente, chi invece preferisce raccontare e raccontarsi con un racconto o una poesia.

Per questa sesta edizione sono dunque quattro le sezioni: Storie Brevi, Poesia, Blog e Fumetto e ciascuna ha le sue regole:
- per la sezione speciale fumetto si può partecipare da soli o in gruppo inviando un'immagine elettronica con una storia a fumetti composta di due tavole di formato A4
- per i racconti un solo testo, che deve stare in 5400 caratteri
- per le poesie un solo testo di massimo 50 versi
- per i blog al massimo 5 post da 1000 caratteri

Sia i testi che le tavole dei fumetti devono essere inviate seguendo la procedura guidata sul sito, dove sono contenuti anche il regolamento, scaricabile in pdf, e le altre informazioni utili alla partecipazione. Se hai meno di 36 anni e risiedi in Veneto, Emilia Romagna, Marche o Abruzzo hai tempo fino al 10 giugno per inviare uno o più elaborati (se sei minorenne sarà necessaria l'autorizzazione dei tuoi genitori), compilando on line i moduli che troverai in questo link. La partecipazione al concorso è gratuita

I testi saranno esaminati dalla giuria presieduta dal poeta Salvatore Jemma e composta da Alberto Bertoni, docente di Storia della letteratura italiana moderna all'Università di Bologna, e Niva Lorenzini, critica letteraria e docente di Letteratura Italiana contemporanea dell'Ateneo felsineo. La categoria Fumetti sarà premiata da esperti del settore, come Andrea Plazzi, editor della Panini, ed Emilio Varrà dell'ass. Hamelin, organizzatrice del Festival internazionale del fumetto BilBObul.

Coop for Words si avvale anche di un comitato d'onore, garante della qualità delle opere prescelte, composto da Gianmario Anselmi, direttore del dipartimento di Italianistica dell'Università di Bologna, Antonio Faeti, docente di Grammatiche della fantasia all'Accademia di Belle Arti di Bologna, Roberto Grandi, prorettore dell'Università di Bologna, Carlo Lucarelli, scrittore, e Romano Montroni, decano dei librai italiani oggi consulente per Librerie.coop.

I primi 10 classificati di ogni sezione, compresa quindi la sezione speciale fumetto, saranno inoltre pubblicati presso un editore nazionale, a spese degli organizzatori, all'interno di un volume antologico che sarà in distribuzione presso i punti vendita di Coop Adriatica e le librerie della catena Librerie.coop, e riceveranno 10 copie omaggio di tale antologia.

Scarica il regolamento

giovedì 22 maggio 2008

Sciopero doppiatori mette a riscio nuova stagione de I Simpsons

La famiglia Simpson è nel caos. Uno sciopero improvviso dei doppiatori americani della serie ideata da Matt Groening sta mettendo a rischio i nuovi episodi della serie. Gli attori che prestano la voce a Homer & Co. hanno chiesto un aumento dell'ingaggio da 360 a 500 dollari a episodio, bloccando la registrazione di alcune puntate, che rischiano così di slittare alla stagione successiva, se non si troverà un accordo con la produzione al più presto.
Tra gli attori entrati in sciopero, c'è la "voce" di Homer (Dan Castellaneta), di sua moglie Marge (Julie Kavner), del loro primogenito Bart (Nancy Cartwright), della figlia Lisa (Yeardley Smith), del titolare della birreria Moe (Hank Azaria) e il datore di lavoro di Homer, lo spregiudicato Mr. Burns (Harry Shearer).

TRANSFORMERS 2- NEWS E TRAILER


>
Pare che le riprese del sequel del metallico Transformers, che narra l’incarnazione (poca carne, a dire il vero) del bene e del male rispettivamente nei prodi Autobots e negli aggressivi Decepticons, saranno in parte effettuate a Betlemme.
Ebbene si, la città il cui nome impresso nelle nostre menti rimanda immediatamente a immagini bibliche, aggiungerà ai suoi onori storici anche quello di fare da backgorund a una parte del mitico Transformers, la cui uscita è prevista per il 26 Giugno del 2009.
Inutile sottolineare che si tratterà di un colossal fatto di tonnellate di metallo pesante, cosa garantita sia dal regista Michael Bay, sia dal giovane Shia LaBeouf, che vedremo anche nel quarto Indiana Jones, ormai di prossima uscita.
Il regista ha composto di mano propria lo script del film per poi passare il testimone ai tre sceneggiatori Ehren Kruger, Alex Kurtzman e Roberto Orci, incaricati di una grande opera di rifinitura.
A due anni esatti dall’uscita del primo capitolo avremo quindi il secondo, c’è solo da chiedersi se Megatron sarà un cattivo di qualità come nel primo, peraltro molto più spaventoso rispetto alle varie versioni a cartoni animati.

Luca Enoch presenta a Genova il nuovo misterioso progetto per Bonelli Editore

Il 23 maggio Luca Enoch presenta a Genova il nuovo misterioso progetto per Bonelli Editore. Sarà ospite a Primocanale alle 11.45 a Il salotto di Sirianni e Incontrerà il pubblico ad un aperitivo al Caffè Teatro La Madeleine alle 18.00 (via della Maddalena).

Sabato 24 maggio alle 15.30 presso la Fumetteria Comics Corner sarà presente ad un momento di Dedicaces (con la collaborazione del Civ Maddalena e di Comics Corner di Via Fiasella).

Sempre sabato, inoltre, dalle 09.00 alle 20.00 via della Maddalena festeggia grazie alla Fiera della Maddalena, mercato dei fiori e degli artigiani, con musica e teatro per i bambini.

mercoledì 21 maggio 2008

Intervista a Fabrizio De Fabritiis, creatore di Capitan Novara

Non è un segreto che noi di Spaghetti Superheroes siamo dei forti sostenitori dei supereroi Made In Italy sia che essi siano gli storici blasonati Asso di Picche, Plutos e compagnia bella o quelli più moderni come Gemini e Examan, ma in tempi recenti decisamente quello che ci riempie più d'orgoglio patriottico è Capitan Novara (eppure sono pugliese), ecco perchè vi riproponiamo questa bellissima intervista rilasciata da Fabrizio De Fabritiis (creatore dell'eroe novarese) a www.comicsblog.it, se volete leggere direttamente l'originale dell'intervista cliccate qui.

Chi è Capitan Novara?
Capitan Novara è il nome del supereroe italiano con il potere dei Raggi Nova.
Da quattro anni le sue avventure vengono pubblicate sulle tovagliette pubblicitarie distribuite nei bar, mense e locali del territorio novarese e limitrofi dall’Agenzia Emmetre Service.
In seguito, visto il successo dell’iniziativa, sono arrivate anche le serie degli altri supereroi legati all’espansione del Capitan Novara Universe: VCO FORCE (2005), Cusio Woman (2006), Aronauta (2007), General Varese (serie robotica ambientata 200 anni nel futuro di Capitan Novara. 2007) e Comandante Italia (2008).
Nell’aprile 2008 Capitan Novara approda anche nelle edicole del territorio Novarese e in distribuzione nazionale nelle fumetterie italiane con il Capitan Novara Magazine che ristamperà tutte le serie di tutti i personaggi della Emmetre Service e pubblicherà anche avventure inedite a più ampio respiro. Per tutte le info si può visitare il sito capitanovara.it .

Come è perchè è nato questo supereroe tutto made in Italy?
La società di pubblicità, la Emmetre Service, doveva varare un progetto di intrattenimento, nello specifico un fumetto, da abbinare alle tovagliette pubblicitarie. Per l’occasione presentai due proposte: la prima aveva per protagonisti dei normalissimi ragazzi che, di ritorno da una gita in montagna, andavano a mangiare una pizza (davvero banale!); la seconda riguardava le avventure di un ragazzo che indossava un costume cercando di salvare il mondo iniziando dal suo piccolo, e precisamente dalla sua città, si chiamava: Capitan Novara.
Chiara Mognetti, Editor della Emmetre Service, scelse la seconda proposta, era nato Capitan Novara, l’eroe dei Raggi Nova.

A chi ti sei ispirato?
Per la creazione di Capitan Novara, l’ispirazione è stata imposta dal personaggio stesso.
Capitan Novara è un supereroe che decide di proteggere la sua città, quindi, quando l’ho creato graficamente, ho pensato che il costume dovesse ricordare i colori della bandiera di Novara come fosse un simbolo, ma che al tempo stesso risultasse di forte impatto grafico e anche facile da disegnare in tutte le pose.
Discorso a parte quello dei superpoteri; Luca Ferrari, alias Capitan Novara, da piccolo cade in una risaia radioattiva ed in seguito alla manifestazione dei poteri decide di indossare un costume e diventare un supereroe.
Ho pensato che un classico incidente in un miscuglio radioattivo sarebbe stato perfetto per far ritrovare ai lettori quell’ingenuità di fondo che caratterizzava alcune origini dei supereroi degli anni ’60, meglio ancora se nel contesto fosse presente anche un simbolo che ne contraddistinguesse il territorio d’origine, appunto le risaie. Naturalmente ero consapevole del fatto che molti lettori avrebbero pensato, leggendo l’intro della serie, che Capitan Novara fosse un fumetto comico, ma decisi ugualmente di correre il rischio! Sentivo che gli avventori dei locali, la maggioranza dei quali probabilmente non leggeva fumetti, dovevano avvicinarsi a Capitan Novara pensando che fosse un fumetto leggero e che avrei potuto inserire il discorso dei poteri derivanti dai Raggi Nova poco alla volta, fino a spiegare, nell’episodio delle origini pubblicato sul primo numero del Capitan Novara Magazine, che la risaia fu solo un tramite con il quale Luca Ferrari venne a contatto con un potere che scaturisce dalle stelle, dall’essenza stessa dell’origine della vita.
Il discorso relativo alla risaia si adatta perfettamente ad un personaggio che si prende sul serio ma non troppo, rendendolo più sfaccettato e complesso, in pratica il superpotere dei Raggi Nova, che nella serie avrà un’evoluzione crescente dai risvolti inaspettati, è arrivato in contatto con un ragazzino in maniera a dir poco comica.

Qual’è il personaggio Marvel che preferisci? Ne hai anche uno DC? (non per forza tra i buoni).
Eccoci arrivati al paradosso di me lettore, ovvero, adoro i supereroi, ma li leggo pochissimo. A molti potrà suonare strano che un autore conosciuto per aver creato un supereroe italiano non sia anche uno sfegatato acquirente di fumetti americani, ma è così. Però posso ugualmente stilare una mia personale classifica: per la Marvel direi Spiderman, soprattutto per l’originalità del personaggio, secondo me tutt’ora attualissima e per il fighissimo costume rosso blu; per la DC sicuramente Batman.

Ovviamente leggi i fumetti, quali sono i tuoi preferiti?
Vediamo, in particolar modo per il fumetto italiano seguo il mensile Dampyr che trovo davvero ben fatto e poi altri ma non in maniera regolare, più che altro le scelte vengono dettate dalla scimmia del momento. Insomma, se ho voglia di mistero Martin Mystere, se ho voglia di western Tex.
Per il supereroistico, come ho già detto, lo seguo non tanto nelle serie regolari ma, più che altro, le acquisto se mi piace un determinato disegnatore e la lista è davvero lunga. Trovo molto stimolanti le storie immaginarie, le collane elseworlds, dove, per intenderci, si inserisce il personaggio in un contesto e in una ambientazione diversa, in pratica un universo alternativo. Tipo quella in cui Batman vive le sue avventure in piena Rivoluzione Francese, o quella in cui Superman viene trovato dagli Wayne e diventa un Batman fortissimo e anche più oscuro di quello originale!
Forse ce l’ho nel sangue, ma da piccolo sbavavo per film tipo Zorro contro Maciste e, a proposito di universi alternativi, invito tutti i lettori di Comicsblog a seguirci sul Capitan Novara Magazine, dove, sul numero 2 in uscita ad ottobre 2008, inizierà una nuova serie che esplorerà le versioni alternative di Capitan Novara ambientate in un susseguirsi di infiniti universi paralleli: ne vedrete delle belle.

Leggi i manga?
Certo, faccio parte della Goldrake Generation ed ovviamente i manga non potevano mancare.
Ne ho letti e ne leggo svariati, tra i personaggi che adoro posso sicuramente elencare: Ken il guerriero di Buronson e Hara (lo stesso Capitan Novara è un suo fan, come quando fa i cento colpi nova), anche se la nuova serie sulle origini del mito non mi piace molto, più che altro la prendo per inerzia. Poi sicuramente la saga generazionale delle Bizzarre Avventure di Jojo di Hirohiko Araki (che ora titola Steel Ball Run, anche questa ambientata in una sorta di universo alternativo) che seguo ormai dal lontano Novembre 1993, e che spero non finisca mai.

Cosa ne pensi della saga Civil War?
So di cosa tratta per sentito dire, ma non ho letto neppure un numero, è grave?

Hai letto la Guida per aspiranti supereroi scritta da Giampelmo Schiaragola?
Sì, e mi ha divertito molto.

Cosa ne pensi sul capitolo che spiega come mai non ci sono (non c’erano) supereroi in Italia?
Il capitolo che citi è uno spasso, soprattutto l’idea di devolvere il cinque per mille alla ricerca scientifica per evitare la cosiddetta fuga di cervelli, così da scongiurare, almeno in parte, la mancanza di scienziati pazzi. Logicamente, però, come autore di un supereroe italiano che continua a vivere le sue avventure da ormai quattro anni e con un universo narrativo in continua espansione non posso essere totalmente d’accordo. Scherzi a parte, è luogo comune pensare che l’Italia non sia abbastanza esotica per ambientarvi avventure mozzafiato e tanto meno un genere come il supereroistico, ma se si ci ferma un attimo a riflettere questa assurda barriera mentale cade come un castello di carte. Per farti un esempio tornando al capitolo che spiega come mai non ci sono supereroi in Italia, Schiaragola afferma scherzosamente che gli alieni ci snobbano, ma molti non sanno che forse il primo ufo-crash della storia moderna (documentato con tanto di carteggi originali firmati dal Duce in persona) è avvenuto proprio qui in Italia nel 1933 (molti anni prima dello schianto dell’ufo sul suolo americano avvenuto a Roswell) e neanche a farlo apposta, proprio nel paese in cui abito, quando si dice il destino. Per dirla tutta, questo spunto narrativo l’ho inserito in una storia, ipotizzando che il conducente del velivolo alieno precipitato fosse proprio l’Agente M.I.B. Smithers che in seguito collaborerà con il nostro Capitan Novara. Come vedi le leggende da cui trarre spunti e idee per le storie non mancano, e io ti ho citato soltanto un caso, ma ce ne sarebbero molti altri.
Purtroppo, in Italia, si è sempre pensato che il supereroe non possa essere creato Made in Italy, io invece, ritengo vero il contrario, noi Italiani amiamo i supereroi, lo dimostrano il successo di molti film supereroistici che spopolano al cinema, solo che essendo un popolo per la maggiore esterofilo siamo sempre rimasti affascinati dagli eroi che venivano importati. Una volta ho letto il commento di un tizio su un blog, al riguardo di un post proprio su Capitan Novara, il quale affermava che il personaggio era carino, ma che in un fumetto non si possono fare storie ambientate a Novara.
Altri, invece, hanno commentato che un personaggio legato ad un territorio era di per se un’idea assurda. Se ci si pensa, però, molti supereroi hanno un luogo preciso d’azione, ad esempio se togli Spiderman da New York e lo inserisci nel deserto del Nevada forse perderà circa il 90 per cento del suo appell, quindi perché un ragazzo italiano non può non venire a contatto con un potere, e visto che la sua vita si svolge in una cittadina italiana, decidere di aiutare il prossimo indossando un costume difendendo la sua città? Inoltre, nella saga di Capitan Novara non mancano e non mancheranno neppure le storie oltre confine, nell’episodio 15, ad esempio, il nostro Capitano fa visita all’Area 51 e nel giro di qualche vignetta, attraversando un tunnel temporale, finisce addirittura su un altro pianeta! Insomma, credo di aver dimostrato che i supereroi italiani possono funzionare eccome, e neanche a dirlo dopo il nostro Capitan Novara in altre città italiane hanno cominciato ad apparire i primi emuli. Chissà, Capitan Novara forse ha davvero sfatato il mito che non possono esistere supereroi italiani.

Agenzia Incantesimi di eriadan approda sul web

Lettori di eriadan all’ascolto!
Avete saputo che il vostro beniamino collabora con Jonathan Steele e non volete perdere neanche un punto del suo tratto, ma andare in fumetteria e recuperare tutti i numeri già usciti del fumetto vi sembra una impresa troppo titanica?Allora non dovete fare altro che approdare sul sito Yattaaa.net, dove sono presenti in formato elettronico le tavole di Agenzia Incantesimi disegnate da eriadan e pubblicate in appendice agli albi mensili di Jonathan Steele!La pubblicazione su web ha una cadenza bisettimanale, e sono già disponibili le tavole pubblicate da Ottobre 2006 (Jonathan Steele mensile n.24 - Il Dominio dei Draghi) fino a Gennaio 2007 (Jonathan Steele mensile n.27 - All’ombra dell’inferno).
Buona lettura!

martedì 20 maggio 2008

20° Rassegna Nazionale di Grafica 2008

"Gli italiani e la politica"

24 maggio - 14 giugno 2008
Sale ex Macello
Dolo - Riviera del Brenta (Ve)
Orario apertura:
feriali > ore 10-12 / 17-20
festivi e prefestivi > ore 9-12 / 16-21

In contemporanea
MILO MANARA
e le sue collaborazioni con Federico Fellini

Personale antologica dedicata ad uno dei maestri mondiali del fumetto
con la collaborazione di Comicon - Salone internazionale del fumetto - Napoli


Albo d'Oro Rassegna
Iª 1989 "Il cittadino e la Burocrazia" - Melanton
IIª 1990 "Il Quinto Potere" - Franco Donarelli
IIIª 1991 "Bambini ricchi... e poveri" - Cemak
IVª 1992 "L'istituzione Mafia" - Elle Kappa
Vª 1993 "La Malasanità" - Bruno Bozzetto
VIª 1994 "Il paese dei balzelli" - Giuliano
VIIª 1995 "La seconda Repubblica" - Ernesto Cattoni
VIIIª 1996 "Anni d'argento" - Franco Bruna
IXª 1997 "Di professione donna" - Giuseppe Coco
Xª 1998 "La Benemerita" - Silvana Migliorati
XIª 1999 "Chi ha rubato le stagioni?" - Francesco Tullio Altan
XIIª 2000 "Gli italiani al volante" - Sergio Ippoliti
XIIIª 2001 "Strage sul lavoro" - Roberto Perini
XIVª 2002 "Gli Italiani e le nuove tecnologie" - Maurizio Minoggio
XVª 2003 "Quei trentenni mammoni" - Origone
XVIª 2004 "Sessomania" - Sergio Fedriani
XVIIª 2005 "Il paese dei tarocchi" - Toni Vedù
XVIIIª 2006 "Il calcio..." - Lorenzo Vannini
XIXª 2007 "Quegli animali..." - Giovanni Sorcinelli 'Gióx'
XXª 2008 "Gli italiani e la politica" - Marco De Angelis


Organizzazione
Periodico umoristico "LA CAGNARA"
Via Badoera 42 - 30031 Dolo (VE)
con la collaborazione del Gruppo "LA LANTERNA"

Per ulteriori informazioni
Tel/Fax 041-4196986
www.umorismoesatira.it

Il fumetto che ha vinto a Lanciano nel Fumetto 2008

Francesco Biagini ha messo in rete Loop, il fumetto con cui ha vinto il concorso Lanciano nel Fumetto 2008. Lo trovate qua:
http://www.abelardstudio.com/?p=storia&id=27

Comunque ecco la lista di tutti i vincitori nelle varie sezioni del concorso

VINCITORI SETTORE FUMETTO LNF 2008

1 - Francesco Biagini - Perugia
2 - Giovanni Lorusso - Valenzano (Bo)
3 - Christopher Possenti - Bologna

pubblicati settore fumetto:
Gianfranco Vitti - Taranto
Andrea Rossetto - Creazzo (Vi)
Rita Magnaterra - Ancona
Benedetta Dossi - Roma
Ennio Bufi - Torino
Alessandra Lupo - Milano
Daniele Bernabei - Modena



VINCITORI SETTORE ILLUSTRAZIONE LNF 2008

1- Giovanni Da Re - Castel Bellino (Ancona)
2- Matteo Scalera - Parma
3- Matteo Bassini - Pisa

pubblicati settore illustrazione:
Stefano Casati - Brignano (Bg)
Alessandro Costa - Milano
Elia Bonetti - Castel D’Arquato (Pc)
Marco Vidali - Padova
Ulderico Fioretti - Mosciano Sant’Angelo (Te)
Eleonora Antonioni - Roma
Eldar Minibaev -


VINCITORI SETTORE SCENEGGIATURA LNF 2008

1 - Francesca Santi - Livorno
2 - Luca Barbieri - Arenzano (Ge)
3 - Francesco Savino - Chieti

pubblicati settore sceneggiatura:
Cristiano Brignola - Bologna
Francesco De Paolis - Colleferro (Roma)
Luca Picco - Udine

Mostra su Andrea Pazienza

La galleria A.A.M. Architettura Arte Moderna [di Roma, NdR] presenta da Lunedì 26 maggio alle h:18.00, una mostra omaggio ad Andrea Pazienza esponendo una selezionata raccolta di opere e disegni originali nonché un album di quindici fogli, che racconta una storia compiuta dal titolo “L’ulcera”. La mostra si iscrive all’interno del ciclo “IMMAGINE”, in cui la A.A.M. Architettura Arte Moderna, nella propria trentennale attività, sempre articolata in serie tematiche di ricerca e approfondimento, ha avuto modo di presentare, nel corso del tempo, altri grandi illustratori e disegnatori di fumetti, tra i quali: Tanino Liberatore, Roberto Perini, Riccardo Mannelli, Cinzia Leone, Chiara Rapaccini, Alberto Ruggieri, Paolo Cardoni. La mostra si iscrive inoltre in quel disegno sempre perseguito dalla A.A.M., di ricordare, attraverso la formula della mostra “Omaggio”, personalità artistiche, pur nella loro diversità, con mirate esposizioni che rileggano problematicamente aspetti inediti e non convenzionali di artisti scomparsi e sia pur nella loro celebrata e riconosciuta statura artistica, meritevoli di approfondimenti con una perseguita e inusuale tendenziosità, come è stato fato recentemente per Aldo Rossi o, per Franco Pierluisi (G.R.A.U.) o, nel corso del tempo, per quanto riguarda la cultura architettonica, per autori come Giuseppe Vaccaro, Innocenzo Sabbatini, Quadrio Pirani, Giulio Magni, o per più giovani figure prematuramente scomparse ma di sicura personalità come Mimmo Grillo.

Info: www.aamgalleria.it - info@aamgalleria.it.

lunedì 19 maggio 2008

ONE PIECE torna su Italia1?

Dopo tanto soffrire, da una risposta data ad un lettore su Sorrisi e Canzoni Tv, l’anime torna in tv, probabilmente a giugno, a partire dalla sesta stagione inedita. Su Italia 1 il cartone prodotto da Toei Animation é arrivato alla 195esima puntata. Riusciremo a vedere le puntate successive senza che ci vengano riproposte le precedenti? La vedo dura visto l’abitudine del canale.
Se volete seguire l’evolversi della situazione non perdete d’occhio Onepieceworld, la community italiana dedicata all'aspirante re dei pirati.

IRON MAN - Making of video


Dopo il dietro le quinte del videogioco dell'Incredibile Hulk eccovi un altro straordinario Making of targato SEGA/MARVEL con protagonista l'inarrestabile IRON MAN.

Battlestar Galactica continuerà come serie di film-tv

Quando Sci Fi Channel mette la parola "fine" su una serie televisiva, non è mai così definitivo come può sembrare. Non è la prima volta che una serie che questo canale decide di chiudere continua a vivere in forma di film per la tv. E' accaduto con Babylon 5, è accaduto con Farscape (in quel caso fu una miniserie) ed è accaduto molto di recente con Stargate SG-1. E accadrà ancora, a quanto pare, con Battlestar Galactica.
Le cose sono tutt'altro che definite, ma la giornalista del Chicago Tribune Maureen Ryan ha raccolto varie testimonianze secondo cui il canale starebbe pianificando ben tre film per la tv la cui produzione potrebbe iniziare subito dopo la fine delle riprese per gli ultimi episodi della quarta stagione, il mese prossimo.
"I dirigenti stanno ancora facendosi i conti, e non c'è ancora alcun contratto filrmato, ma è abbastanza probabile che se i film si faranno sarà preferibile cominciare a lavorarci quando cast e staff creativo sarà ancora riunito, subito dopo aver terminato la stagione regolare."
Secondo la Ryan i film giocherebbero un ruolo simile a quello che ha avuto Razor, il film uscito tra la terza e la quarta stagione ma ambientato all'epoca della seconda.
Non sembra comunque probabile che il finale della storia venga lasciato ancora in sospeso alla fine della storia per concluderla in uno di questi film, come è avvenuto per Stargate SG-1. Questo perché l'effettiva produzione dei film è ancora da definire, mentre gli episodi finali della stagione sono già tutti scritti e in fase avanzata di lavorazione. Anche se nulla esclude, ovviamente, che qualche scena possa essere cambiata e rigirata appositamente.
Il problema maggiore è che in realtà già adesso diverse persone chiave si stanno occupando d'altro, come lo stesso Ron Moore, che sta lavorando su Caprica e su un nuovo pilot per la Fox, Virtuality. Anche alcuni attori hanno già dei contratti firmati: se Katee Sackhoff non è stata presa in CSI, Tricia Helfer sembra che lavorerà nel telefilm di spionaggio Burn Notice, e Tahmoh Penikett (Helo Agathon) è nel cast della nuova serie di Joss Whedon, Dollhouse.

domenica 18 maggio 2008

Gente che rimane e gente che parte nel cast di Smallville

Dopo settimane di intense negoziazioni e pessimismo diffuso, Allison Mack ha firmato il contratto per tornare nella prossima stagione, sempre come regular.
Ancora non si conoscono i dettagli economici del nuovo accordo, ma è certo che Chloe apparirà in ogni singolo episodio del nuovo ciclo, che invece farà a meno di Lex Luthor (Michael Rosenbaum) e parzialmente di Lana (Kristin Kreuk).
Proprio il recente abbandono di Rosenbaum, secondo molti, è alla base delle difficoltà nella trattativa con la Mack, che di fronte all’accresciuta importanza del suo personaggio (l’unico presente dall’inizio della serie, insieme a Clark) avrebbe chiesto un adeguamento della paga. Una strategia rischiosa e forse non simpatica, ma che deve aver portato i suoi frutti, visto che in pochi giorni una trattativa che pareva bloccata è improvvisamente finita felicemente.
Purtroppo i fan di Smallville non hanno fatto in tempo a gioire del rinnovo del contratto di Allison Mack che ecco arrivare una cattiva notizia.
TV Guide ci informa che dopo Michael Rosenbaum uscirà dal cast regolare della nuova stagione anche Laura Vandervoort che ricordiamo interpreta Kara alias Supergirl.
Agli upfronts del network CW l’attrice non è infatti stata nominata; la Vandervoort è rimasta molto sorpresa del mancato rinnovo, ma è sicura che tornerà ad apparire in almeno uno o due episodi.
Evidentemente questa esclusione è stata voluta per sfatare l'ipotesi che alla fine la serie sarebbe continuata con Clark che se ne andava a Metropolis e diveniva Superman mentre Kara rimaneva a Smallville e diventava la protagonista della serie.

X-Babes: la prima tavola by Milo Manara

Joe Quesada ha deciso di mostrare in anteprima la prima tavola del prossimo lavoro di Chris Claremont sugli X-Men. Il disegnatore è quel geniaccio di Milo Manara (che abbiamo già visto attivo su una storia di Sandman).

Il progetto, dal nome di X-Babes, vedrà come protagoniste alcune illustre mutanti come Tempesta, Rogue, Psylocke e forse a sorpresa la maestosa Jean Grey. Chi meglio di Manara può interpretare la sensualità di queste meravigliose ragazze? Anche la tavola solo inchiostrata mi fa temere che la colorazione verrà fatta al computer da qualche studio o artista americano togliendo gran parte del fascino dei lavori di Manara.

Heroes: Brea Grant parla del suo nuovo personaggio

Dopo l’ufficializzazione del suo ingresso nel cast di Heroes, l’attrice Brea Grant, che i fan di Friday Night Lights conoscono per il suo ruolo di Jean Binnel, ha parlato all’Associated Press del suo nuovo personaggio, una ragazza superveloce che non si chiamerà, contrariamente a quanto emerso nei primi giorni, Joy, ma Daphne, aka Speedster.
Premesso che la Grant ha dichiarato di non sapere molto del suo personaggio, quando Heroes tornerà il 15 settembre sulla NBC per la sua terza stagione, vedremo anche Daphne, “che si è fatta i fatti suoi per un po’ di tempo, ma che adesso vuole soldi da Hiro e da Ando: ho ‘rubato’ un segreto che è stato custodito dalla famiglia di Hiro per molto tempo, ha spiegato l’attrice, segreto che Hiro aveva appena trovato. Masi Oka fermerà il tempo mentre io rubo questa cosa, ma nel secondo che gli ci vuole io, con la mia supervelocità, sono già uscita dall’ufficio”. “Il personaggio della Grant, spiega d’altro canto proprio Masi Oka, sarà il Joker di Hiro: Batman ha Joker, io ho Daphne: Hiro trova finalmente la sua nemesi, e sarà proprio Speedster, in una sorta di battaglia tra Willy il Coyote e Road Runner, con Daphne che sa dire anche altre cose oltre a ‘meep-meep.’” Quanto alla Grant “spero, ha concluso l’attrice, di confrontarmi con altri Heroes, mi va bene sia con loro, che contro di loro!”

sabato 17 maggio 2008

Il dietro le scene di Hulk: video sottotitolati in italiano

Ecco a voi il video del Making of del videogioco ufficiale dell'Incredibile Hulk targato SEGA.


Hulk_dietro_le_scene
by consolenintendo

I Puffi festeggiano 50 anni a Milano

Nati dalla fantasia del disegnatore belga Pierre Culliford, in arte «Peyo», esattamente cinquant’anni fa, i Puffi, i simpatici omini blu in calzamaglia e capello bianco che hanno conquistato il cuore dei bambini di tutto il mondo, arrivano a Milano per una grande festa che coinvolgerà tutta la città. Una pacifica invasione puffosa che avrà il suo centro al Castello Sforzesco, messo a disposizione dal Comune di Milano, con una mostra, laboratori didattici, intrattenimento, musica, ospiti importanti e chi più ne ha più ne puffi. Milano è stata scelta come tappa italiana di un grande tour europeo che coinvolgerà in tutto 16 città europee e che ha già fatto tappa a Angouleme (Francia), Barcellona (Spagna), Scheveningen (Olanda).
L’evento è organizzato da Imps e da Il Giornalino in collaborazione con la Fondazione Franco Fossati e l’Unicef. Già da oggi migliaia di puffi in gomma, «alti due mele o poco più» invaderanno le strade e le piazze di Milano: top secret l’elenco preciso dei luoghi. I milanesi potranno così cercarli, raccoglierli e portarli a casa per conservarli oppure colorarli e partecipare al concorso creativo «adotta un puffo». Per tutta la giornata, presso il Cortile delle Armi del Castello Sforzesco, tutti i bambini che lo desiderano potranno partecipare ai laboratori didattici organizzati dalla Scuola del Fumetto di Milano. Poi visita guidata alla mostra dei «50 anni di creatività blu» allestita sempre presso il Cortile delle Armi. Un Puffo gigante decorato e vestito da Benetton verrà poi venduto all’asta, il cui ricavato andrà in favore dell’Unicef. Sempre venerdì, festa puffosa anche all’Atelier Gluck e naturalemente merenda puffosa per tutti.
A far da «cornice», una piccola mostra espone una ricostruzione del villaggio dei puffi animato da una collezione privata di 130 puffi in gomma, albi e simpatici ricordi puffosi! Sabato 17 maggio è la grande giornata dei Puffi, la festa vera e propria. Sempre presso gli spazi del Castello Sforzesco, verranno organizzati momenti di intrattenimento tutti puffosi: proiezione delle puntate più divertenti della serie animata, dimostrazioni e lezioni di tiro con l’arco (con l’intervento di arcieri professionisti, tra cui le rappresentative italiane nazionali e olimpiche), un’edizione speciale di Pompieropoli (iniziativa ludico-dimostrativa organizzata dai Vigili del Fuoco di Milano in collaborazione con l’Unicef).
Sul palco si esibiranno i comici torinesi Skanzio e Pikkio, il Coro Anghelion Green di Nembro, il Coro degli alunni dell’Istituto Gonzaga di Milano, verrà allestito lo spettacolo «Terra, Terra!» dell’Associazione Culturale Educarte di Busto Arsizio e, dulcis in puffo, la presenza di Cristina D’Avena, mitica interprete delle sigle dei Puffi. Ciliegina sulla torta: un piccolo dirigibile puffoso solcherà i cieli di Milano portando a bordo anche alcuni bambini.

Il Drago e la Saetta - L'immaginario giapponese è qui

Il pomeriggio di sabato 17 maggio è ricco di eventi presso il Centro fumetto Andrea Pazienza. Alle 17.00 al Palazzo del Comune verrà inaugurata la mostra degli illustratori del calendario Tapirulan e avrà luogo la premiazione dei vincitori. Alle 18.00 presso la sede del Cfapaz verrà presentato il nuovo monumentale saggio di Marco Pellitteri Il Drago e la Saetta, sull'immaginario giapponese e su come ha riscosso un così penetrante successo in occidente e in Italia, soprattutto tra i più giovani.

«Gli illustratori di Tapirulan»
Mostra collettiva di illustratori contemporanei
17 / 25 maggio 2008
Sala degli Alabardieri del Comune di Cremona
Piazza del Comune, 8

Il Drago e la Saetta
Modelli, strategie e identità dell'immaginario giapponese
Prefazione di Kiyomitsu Yui
Con un saggio di Jean-Marie Bouissou
Tunué, 2008 - «Esprit» n.1
Collana di studi su media e immaginario
diretta da Sergio Brancato e Gino Frezza
Euro 28,00 - Sconto speciale per chi sarà presente: 24,00€!
Centro Fumetto Andrea Pazienza - Cremona - Sala Biblioteca Piazza Giovanni XXIII, 1

Da tre anni l’Associazione Tapirulan organizza un concorso per illustratori al fine di promuovere nuovi talenti. L’ultima edizione, in collaborazione con il Centro Fumetto Andrea Pazienza, ha visto una vasta partecipazione di artisti da tutta Italia e anche dall’estero.

La mostra raccoglie le illustrazioni selezionate dalla giuria del concorso - quest’anno presieduta da Milo Manara - e pubblicate sul Calendario Duemila8. Non solo le opere dell’ultima edizione, ma anche diverse immagini delle edizioni precedenti. L’esposizione risulta dunque un’interessante panoramica di stili, tematiche e tecniche diverse per un collettivo di oltre venti artisti contemporanei.
(Orari di apertura: tutti i giorni con orario continuato dalle 10.00 alle 18.00, info: 347.6881328)

Ancora una volta, il Cfapaz si impegna nella valorizzazione degli studi sul fumetto, ospitando la presentazione del nuovo monumentale saggio di Marco Pellitteri. L'iniziativa è rivolta a tutti, insegnanti, genitori, aspiranti autori, appassionati e curiosi. Un appuntamento fondamentale per capire le ragioni profonde di un impatto culturale così importante sull'immaginario occidentale e in particolare su quello dei giovani e dei ragazzi.

Il Drago e la Saetta è un‘analisi sociologica di come l’immaginario pop giapponese (dai disegni animati ai fumetti, dai robot ai cyborg, dalla tecnologia alla moda) sia giunto in vari paesi occidentali, Italia in primis, in fasi storiche (dagli anni Settanta a oggi) e con strategie particolari (identificate nelle figure della macchina, dell’infante e della mutazione). Il saggio presenta un affresco teorico di grande ampiezza argomentativa e si configura come l’opera di assoluto riferimento per gli studi del settore.

Il libro sarà sicuramente interessante per tutti coloro che conoscono questo settore, da chi lo fa per lavoro a tutti i grandi appassionati, cresciuti con i manga (i fumetti giapponesi) e gli anime (i cartoon nipponici). Il testo aiuta inoltre a conoscere un punto di vista diverso per l’interpretazione di quella parte di mondo che esporta innovazione e creatività.

Marco Pellitteri (Palermo 1974), sociologo dei media. Suoi contributi si trovano in riviste nazionali (fra cui Storia e problemi contemporanei, Liber, Il Pepeverde, LG Argomenti, Valore Scuola, Childhood and Society, Schizzo «Idee») e straniere (The Japanese Journal of Animation Studies, International Journal of Comic Art, Mechademia), in libri collettanei e atti di convegni in Italia e all’estero. Ha lavorato con l’università di Trento, il CERI di Parigi, l’Istituto IARD, l’AESVI. È autore dei libri Sense of Comics (1998), Mazinga Nostalgia (1999), Conoscere l’animazione (2004) e curatore del volume Anatomia di Pokémon (2002). Per Tunué dirige le collane di saggistica «Lapilli» e «Le virgole».

E' morto John Phillip Law, l'interprete di Diabolik nel film del 1968

Si è spento martedì 13 maggio all’età di 70 anni John Philip Law, attore americano che aveva prestato il suo sguardo di ghiaccio nella trasposizione cinematografica di Diabolik uscita nella sale cinematografiche nel 1968 e firmata da Mario Bava.
Nella sua lunga carriera Law aveva interpretato anche Pygar, l’angelo cieco al fianco di Jane Fonda nel film tratto da Barbarella nel 1968.

venerdì 16 maggio 2008

The Dark Knight - Il Terzo Trailer Italiano


Ecco finalmente online il Terzo Trailer Italiano de Il Cavaliere Oscuro (d'accordo il tradurre in italiano, ma dopo Batman The Return, Batman Forever, Batman Begins era proprio necessario?) che sarà nelle sale italiane dal 23 Luglio 2008

La truffa del mercato immobiliare secondo Pat Carra e Roberta Carlini

Ogni tappa del libro di Roberta Carlini e Pat Carra è una storia e ogni storia è un abitante. Il titolo è «Le mani sulla casa. Fatti e fumetti sulla bolla immobiliare» e i temi affrontati sono l’affitto senza rete, i mutui a rischio, le rate fisse dei giovani flessibili, il mercato degli stranieri, il business delle agenzie, il grande scandalo delle vendite delle case pubbliche.

Un giro in nove tappe intorno al mondo immobiliare. «Un mondo tondo, com’è tonda la bolla che ha gonfiato i prezzi delle case - si legge in una nota della casa edistrice - e ha svuotato i portafogli di chi ci abita. A cominciare dai grandi esclusi dal gioco della proprietà: gli inquilini, tartassati da un mercato inabitabile e dimenticati dalle politiche per la casa. Ma non è andata meglio ai forzati del mutuo, prima allettati dai tassi bassi e poi strangolati dai tassi alti: i proprietari poveri, nuova realtà del piccolo mondo immobiliare. È andata benissimo invece ai grandi mercanti, agli speculatori, detti immobiliaristi».

Pat Carra, fumettista, qui racconta la sua storia e la sua lotta di abitante, facendo ’politica di pianerottolò a colpi di vignette. Roberta Carlini, giornalista, scrive per "il manifesto" e "l’Espresso". Alcune delle storie del libro sono state raccolte durante le sue inchieste per questi giornali.

Mel Gibson regista di Thor con Brad Pitt protagonista?

Dopo l’abbandono inatteso di Matthew Vaughn, in casa Marvel sono alla disperata ricerca di un nuovo regista, oltrechè di un protagonista, per Thor, atteso in sala a partire dal 4 giugno del 2010. Se per il protagonista gli sforzi sembrano tutti o quasi defluire sul biondo e apparentemente perfetto Brad Pitt, per il regista circola in rete insistentemente un nome a prima vista ideale per la trasposizione cinematografica del truce e violento vikingo… Mel Gibson!
I fans del fumetto, e quelli del regista, si sono letteralmente scatenati, chi appoggiando chi rifiutando questa ipotesi.

giovedì 15 maggio 2008

Un fumetto scritto con la macchina fotografica

Tre amici, soci della più o meno fantomatica Pig Production, hanno avuto l'originale idea di realizzare un fumetto attraverso la elaborazione al computer di immagini fotografiche.
Hanno scritto una sceneggiatura, ed hanno cominciato ad interpretare e riprendere le varie scene con una macchina professionale.
La singolare procedura ha dato vita ad un progetto editoriale ibrido e multimediale, basato sulla contaminazione di vari codici (fiction, fotografia, cinema, fumetto, fotoromanzo) e documentato passo dopo passo su Youtube, blog e Flickr.
L'iniziativa è complessa. E, sinceramente, le loro spiegazioni sono ancora più incasinate e pletoriche (per questo, spiegano, la loro società si chiama Pig, Maiale: perchè non buttano mai niente).
Ho appena dato un'occhiata al loro blog, e vi segnalo l'operazione al volo ripromettendomi di valutarla con più calma (stasera ho un impegno, molto banalmente, che mi impedisce di soffermarmi).
Mi sembra davvero interessante, molto più di come la espongono a parole. Qui troverete i video del backstage della lavorazione .

Vent'anni dopo. A Roma, omaggio agli anni giovanili di Andrea Pazienza

Negli spazi della galleria A.A.M. Architettura Arte Moderna, dal 26 maggio, sarà ospitata una mostra omaggio ad Andrea Pazienza dal titolo “Vent’anni dopo - Disegni e Opere dell’Inizio, 1973-1977″.

Nel ventennale della morte, saranno presenti opere e disegni originali oltre ad un album di quindici fogli, che racconta una storia intitolata “L’ulcera”. Il materiale ripercorre il periodo giovanile, vissuto nell’ambiente pescarese, di quello che sarebbe diventato semplicemente “Paz”, e mostra l’influenza determinate del suo insegnante Sandro Visca, protagonista dei suoi primi corrosivi fumetti, grazie al quale Andrea Pazienza seppe trovare la propria strada.

Le opere giovanili che la mostra raccoglie raccontano l’immaginario del fumettista, nutrito di spunti legati al mondo culturale, politico e intellettuale della generazione vissuta negli anni ‘70. “Vent’anni dopo” rende omaggio a colui che ha saputo rinnovare, stravolgendola, la concezione del fumetto in Italia, creando personaggi storici come Zanardi e collaborando con riviste come Frigidaire e Corto Maltese.

Sarà possibile visitare la mostra fino al 31 luglio.

mercoledì 14 maggio 2008

G.I.Joe - LE FOTO DAL SET

Ecco le foto promozionali di quasi tutto l'intero cast del film dei G.I.Joe recuperate grazie all'aiuto dello splendido blog fotografico http://www.myconfinedspace.com.

Ray Park è Snake Eyes


Denis Quaid è General Hawk

Channing Tatum è Duke

Said Taghmaoui è Breaker

Adewale Akinnuoye Agbaje è Heavy Duty

Marlon Waynes è Ripcord

Sienna Miller è La Baronessa

Christopher Eccleston è Destro

Lee Byeong-heon è Storm Shadow

The Simpsons the ball death - Gioco gratuito


Vi proponiamo questo giochino dedicato ai Simpsons

Due Facce in The Dark Knight - Foto

Aaron Eckhart interpreta Due Facce nel film The Dark Knight, potete notare dal trucco che il risultato stavolta è nettamente superiore (e più vicino alle rappresentazioni fumettistiche) di quello di Tommy Lee Jones in Batman Forever.

Marvel, storia economica del titano dei supereroi

Ha una storia antica e quasi dimenticata, che affonda le radici negli anni Trenta e nelle epoche d'oro dei fumetti. Ma un futuro brillante protetto dai muscoli d'acciaio dei suoi apparentemente intramontabili supereroi, oggi in "costume" cinematografico: la Marvel Entertainment, all'indomani del successo di Iron Man che in un solo fine settimana ha rastrellato al botteghino americano e internazionale oltre 200 milioni di dollari, è entrata a tutti gli effetti nel novero delle società multimediali del Ventunesimo secolo.
La prova della nuova gloria è a Wall Street, abitualmente assai poco nostalgica: il titolo del gruppo è volato lunedì di quasi il 10% e ha proseguito ieri la marcia al record di 34 dollari, una drastica impennata dalle quotazioni di pochi dollari del 2001 e buona per una capitalizzazione di mercato da 2,65 miliardi. L'altra dimostrazione è nei pronostici di crescita della stessa Marvel, guidata dall'amministratore delegato Isaac Perlmutter, con Joe Quesada ai fumetti e David Maisel "regista" delle attività cinematografiche, finora executive dall'identità relativamente segreta per il grande pubblico e nuovi all'élite dei media. Non più: la fama è promessa da un'ininterrotta e potenzialmente redditizia collezione di lungometraggi con protagonisti dai poteri eccezionali, da un imminente nuovo Hulk al ritorno di Iron Man nel 2010 fino a Capitan America l'anno successivo. Fin da quest'anno la squadra di supereroi dovrebbe fruttare profitti tra i 100 e 122 milioni di dollari.
Per Marvel, Iron Man ha rappresentato anche più del semplice botteghino. È stato un passo strategico senza precedenti, che la posiziona per rimanere protagonista assoluta: l'emancipazione dai grandi Studios hollywoodiani, sintomo di una rivendicata maturità e della volontà di estrarre sempre più guadagni dalle proprie creazioni. È stato, infatti, il primo film che ha finanziato direttamente, senza ricorrere ad accordi di licenza, come accaduto invece con la serie di Spider-Man portata sul grande schermo dalla Sony o con gli X-Men sfornati dalla Fox e che avevano scatenato dispute sulla spartizione delle entrate. Questa svolta è stata sottolineata dal presidente di Marvel Studios, casa cinematografica del gruppo: «È un'esperienza di trasformazione per la Marvel - ha detto Maisel -. È importante assumere il controllo del nostro destino e avere la capacità di programmare e realizzare i film». La nuova formula vede gli Studios tradizionali ridimensionati a un ruolo ancillare, assunti con contratti di distribuzione dei film. Nel caso di Iron Man la scelta per la distribuzione è caduta su Viacom, per Hulk in arrivo è la Universal.
Di fronte a simili risultati e programmi i veri supereroi, prima di quelli in carta o celluloide - o meglio ancora generati dai computer - sono così diventati i dirigenti Marvel, che in un decennio hanno riscattato la società dall'oblio e dalla bancarotta. La saga del marchio Marvel - in eterno duello con la Dc Comics di Superman e Batman, parte del colosso Time Warner - è rocambolesca quanto le avventure delle sue creazioni. Fu tenuta a battesimo nel 1939 da Martin Goodman, editore di rotocalchi che si era fatto le ossa con storie western. Allora il nome della società era Timely Publications, con sede sulla 42esima Strada a New York City. Il successo iniziale consentì di potenziare lo staff: arrivarono Joe Simon e Jack Kirby, che nel 1941, durante la Seconda Guerra Mondiale, diedero vita al patriottico Capitan America. Il fumetto vendette oltre un milione di copie.
Goodman portò con sé un futuro leader del nascente dell'impero: un giovane parente dal nome di Stanley Lieber, presto accorciato in Stan Lee. La fine della guerra, però, portò alla prima crisi, con il netto declino nelle vendite di fumetti. La società attraversò gli anni Cinquanta come Atlas Comics, ma per un revival dovette attendere il decennio successivo: accanto alla Dc Comics, Marvel cominciò nuovamente a trovare lettori. E diede alla luce serie quali i Fantastici Quattro e soprattutto personaggi combattuti e calati nel mondo reale dal calibro dell'Uomo Ragno e Daredevil, Hulk e Iron Man e degli X-Men.
Quando Goodman uscì di scena, nel 1972, le redini di editore passarono a Lee. Ma gli anni Ottanta si dimostrarono nuovamente un periodo difficile, nonostante i primi tentativi di diversificazione comprando uno studio di animazione: nel 1986 la Marvel fu ceduta a New World Entertainment, che tre anni dopo la cedette al finanziere Ronald Perelman. Quest'ultimo la quotò in Borsa e la rimise in carreggiata, almeno fino alla metà degli anni Novanta, quando la crisi generalizzata del settore spinse il gruppo verso l'amministrazione controllata. Nel 1997, dopo lunghe battaglie per il controllo che videro entrare in gioco il raider Carl Icahn, Marvel finì nelle mani dell'attuale chief executive, Perlmutter. Questo era giù stato proprietario di Remington e Toy Biz, diventata la divisione giocattoli del gruppo. A quel punto corse in aiuto dell'intera Marvel assieme al partner Avi Arad, uomo d'affari di origine israeliana. Lee restò in un ruolo pubblico di presidente onorario. I semi del futuro rilancio, a questo punto, erano stati piantati anzitutto in campo cinematografico: aveva aperto i battenti Marvel Studios, la divisione cinematografica, capitanata proprio da Arad e che debuttò con il film di successo Blade.
Da qui a una lunga collezione di film di successo il passo fu breve, a cominciare dalle due serie degli X-Men, scattata nel Duemila, e di Spider-Man, iniziata nel 2002. Arad ha lasciato l'azienda due anni fa per fondare la propria casa di produzione. Marvel Studios è stata ereditata dal 45enne David Maisel, che ha alle spalle esperienze al Boston Consulting Group, al colosso degli agenti di Hollywood Caa e a Walt Disney. Anche le attività editoriali e di fumetti sono state rivitalizzate: negli ultimi sette anni la poltrona di editor in chief è stata appannaggio di Joe Quesada, 46enne con famiglia di origine cubana e promotore di nuove spinte creative in sintonia con i tempi, a cominciare da guerre civili tra supereroi, in un clima di giri di vite di sicurezza.
Con la nuova squadra al timone, Marvel punta adesso a performance degne dei suoi supereroi. L'agenda è fitta: Hulk esce a giugno, sempre autofinanziato e autoprodotto. Poi gli anni cruciali saranno il 2010 e 2011: oltre al seguito di Iron Man e Capitan America sbarcheranno sullo schermo Thor, ispirato a una divinità nordica, gli Avengers e forse Ant-Man, l'Uomo formica. E in preparazione è anche la nuova "puntata" di quello che è ormai diventato un classico, dei fumetti quanto degli incassi al botteghino: l'Uomo Ragno.

E’ arrivato il Circus 2008

E’ disponibile da qualche giorno online su Lulu.com la seconda edizione dell’Annuario di Nuvole Elettriche, Circus 2008.
Nuvole Elettriche è una community che raccoglie tutti gli autori italiani di webcomics e periodicamente dà alle stampe una raccolta con il meglio della produzione dei suoi iscritti, ognuno dei quali ha un blog su cui pubblica le proprie creazioni.
Si tratta per lo più di autori assolutamente esordienti, mentre alcuni hanno già alle spalle qualche esperienza editoriale.
L’Annuario 2008 di Nuvole Elettriche è un’ottima occasione per conoscere tanti autori emergenti, che disegnano per passione. E molte volte questo traspare dalla qualità dei loro lavori.
La community ha già vinto nel 2007 il premio di Cartoomics come miglior sito per i webcomics in Italia e ora giunge alla seconda pubblicazione. La prima è ancora in vendita qui.

Per quanto riguarda i contenuti, ecco gli autori inseriti nella raccolta:
Repubblica della Banana (Demiot)
http://repubblicadellabanana.blogspot.com
Triste Mondo Malato (Fran)
http://tristemondomalato.splinder.com
Eclips3s (Eclips3s)
http://eclips3s.splinder.com/
Covo degli Sbronzi (Cementino e Golosino)
http://www.covodeglisbronzi.it
Il Blog di Fele - Riflessioni d’un tratto (Fele)
http://felemediarave.splinder.com
Where is Cipì (Cipì)
www.whereiscipi.blogspot.com
Rusko (Aladino e l’Ape)
http://rusko.splinder.com
Bruz Comics (Bruz)
www.bruzcomics.blogspot.com
Kanjano (Kanjano)
http://www.kanjano.org
Conetto (Conetto)
http://conetto.splinder.com
Desktop Tales (Klavadesign)
http://desktoptales.blogspot.com
Agente Speciale Rocco (Rex Von Kostia)
http://www.agenterocco.it
Vermi: una società che striscia (Rouge)
http://www.vermidirouge.com
Rododentro (Rododentro)
http://rododentro.blogspot.com
Porco Diavolo (Berto)
http://porcodiavolo.blogspot.com
ZioKane (Giò)
www.ziokane.blogspot.com
Forgeress (Sunset)
http://forgeress.blogspot.com
Nerd-landia (Deboroh)
http://nerdlandia.splinder.com
Jappilas l’elfo (Luca Romeo)
www.jappilas.it
Risula (Risula)
http://risula.blogspot.com

lunedì 12 maggio 2008

I protagonisti in lista per il film di Thor

A quanto pare i due più probabili interpreti dell’asgardiano di casa Marvel sono:
- Kevin McKidd Attore scozzese di Journeyman serie della NBC
- E l’attuale Campione di Wrestling Paul Michael Levesque alias Triple H

Ecco come fisico direi che Triple H è il più adatto, ma non mi fiderei molto delle sue performance di attore, visto anche le sue precedenti esperienze proprio con la Marvel nel sequel di Blade, inoltre Paul Michael non ha esattamente il volto da bravo ragazzo bamboccione di Thor, figuriamoci di Donald Blake. Inoltre non escludo la possibilità che alla fine uno venga assunto per fare Donald e l'altro per fare Thor, in perfetto stile vecchio telefilm di Hulk

Confermato il ritorno di Marvel: La Grande Alleanza

Nei suoi ultimi annunci finanziari, Activision ha confermato il ritorno di Marvel: La Grande Alleanza, gioco d'azione multiformato accolto positivamente due anni fa da critica e pubblico, in particolare i fan della Casa delle Idee.
Sul fronte dei dettagli su gameplay e caratteristiche, siamo ancora nel deserto più totale, ma varie notizie diffuse in rete pronosticano il ritorno della stessa struttura usata nell'originale, ovviamente con nuovi personaggi e opzioni collegate anche al settore multiplayer. Tutti i principali formati da casa e portatili, PC incluso, dovrebbero ricevere il gioco.
In merito alle date di uscita, per quanto non ci sia una data definitiva si parla dell'arrivo dopo Spider-Man: Web of Shadows, titolo previsto a fine anno. Quindi, l'allenza dei super-eroi dovrebbe riformarsi a inizio 2009...

sabato 10 maggio 2008

Robert Downey Jr. in Iron Man 2 ? Forse

Dopo gli eccellenti incassi al botteghino di Iron Man, Marvel non ha esitato un attimo a preparare il tutto per un sequel, tanto che ne e' gia' stata fissata l'uscita al 30 aprile 2010. Ma se in un primo momento sembrava che il cast dovesse essere confermato in blocco, soprattutto Downey Jr. che ha ottenuto nuova fama da questo ruolo, ora David Maisel si e' rifiutato di confermare la sua partecipazione.

Matthew Vaughn non dirigerà Thor

Thor lo vedremo nelle sale il 4 giugno del 2010, esattamente un mese dopo Iron Man 2, come annunciato pochi giorni fa dalla Marvel, ma a dirigerlo non ci sarà Matthew Vaughn. A sorpresa, il regista si è ritirato dalla direzione della pellicola, a quanto pare per divergenze prettamente econonomiche. Il ’suo’ Thor richiedeva un folle budget di 300 milioni di dollari, alla Marvel gli hanno gentilmente chiesto di ridurre tutti ai 150 milioni, e lui se n’è semplicemente andato…

L’abbandono del regista dell’incompreso Stardust, che all’ultimo si sfilò anche dalla direzione di X-Men 3 per eccessive ‘pressioni’, è una ‘botta’ inattesa per la Marvel, costretta, proprio ora che aveva annunciato addirittura la data d’uscita, a cercare un nome nuovo. E il toto-regista è già partito… che la caccia abbia inizio.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.