HOME BLOG FUMETTI CHARACTERS ARTICOLI REGOLE CONTATTI LINK RICERCHE MERCHANDISING

sabato 29 dicembre 2007

Il gigante ucraino

Con all'avvivinarsi della fine dell'anno abbiamo deciso che nei prossimi giorni pubblicheremo sul nostro blog quelle notizie che durante l'anno ci hanno fatto sentire estremamente sottile il confine tra il mondo reale e quello dei fumetti, e per cominciare iniziamo da questa del 8 agosto 2007.

L'uomo più alto del mondo è ucraino, si chiama Leonid Stadnik, ha 36 anni, ed è alto 2 metri e 57 centimetri. Ovviamente sarà presto inserito nel libro del Guinness dei primati (relativi all'anno del 2006) come ha annunciato la portavoce della casa editrice del volume. L'ucraino supera di 20 centimetri l'altezza dell'ex detentore del primato, il cinese Bao Xishun, alto 2 metri e 36 centimetri.
Stadnik è un ex veterinario, vive in un povero paesino nel nord ovest dell'Ucraina con la madre, Halyna, prendendosi cura della casa e del giardino. La sua crescita eccezionale è cominciata quando aveva 14 anni, dopo un'operazione al cervello che aveva avuto come effetto la stimolazione della ghiandola pituitaria.

Cina,avvistati 6 mostri di Lochness

Con all'avvivinarsi della fine dell'anno abbiamo deciso che nei prossimi giorni pubblicheremo sul nostro blog quelle notizie che durante l'anno ci hanno fatto sentire estremamente sottile il confine tra il mondo reale e quello dei fumetti, e per cominciare iniziamo da questa del 10 settembre 2007.

Non solo borse, scarpe e abiti griffati: in Cina hanno "clonato" anche il mostro di Lochness. Un reporter televisivo ha infatti dichiarato di avere girato un video della durata di circa 20 minuti che documenta la presenza nel lago di Tianchi, vicino al confine con la Corea del Nord, di non uno ma addirittura sei Nessie. Il cronista ha detto di non credere alle leggende sui mostri dei laghi, ma di essere sicuro di quanto ha visto.
Non solo il mostro di Loch Ness si è trasferito in Cina quindi, ma si è anche riprodotto. Una vera e propria colonia di Nessie che ha preso dimora nel lago di Tianchi. Questo almeno è quello che emerge dal documentario realizzato dal reporter Zhuo Yongsheng.Yongsheng ha mandato all'agenzia di stampa ufficiale cinese Nuova Cina alcune fotografie delle misteriose creature: in una di queste, i mostri si muoverebbero in gruppi di tre; in un'altra invece comparirebbero tutti assieme. "Ero andato sulla cima del versante della montagna con due guide locali per vedere l'alba verso le cinque del mattino - racconta il reporter - ma è stato inutile perché‚ c'era nebbia". Niente alba dunque, ma un soggetto molto più succulento: sei mostri. Sono stati avvistati quando un enorme oggetto è emerso dalle acque, seguito poco dopo da altri cinque delle stesse dimensioni. "Nuotavano - continua Zhuo - veloci come yacht e a volte scomparivano sotto la superficie: era impressionante vederli muoversi tutti allo stesso ritmo, come se qualcuno gli stesse dando un ordine". Zhuo ha inoltre detto di non credere alle leggende sui mostri dei laghi, ma di essere sicuro di quanto ha visto.

Cina, ucciso da scoppio telefonino

Con all'avvivinarsi della fine dell'anno abbiamo deciso che nei prossimi giorni pubblicheremo sul nostro blog quelle notizie che durante l'anno ci hanno fatto sentire estremamente sottile il confine tra il mondo reale e quello dei fumetti, e per cominciare iniziamo da questa del 4 luglio 2007.

Un metalmeccanico cinese è stato ucciso nella Cina occidentale dall'esplosione di una batteria di un telefono cellulare che aveva nella tasca della camicia. Il saldatore 22 enne stava lavorando quando si è prodotto lo scoppio che gli ha fratturato le costole traforandogli il cuore. La deflagrazione pare possa essere stata scatenata dall'esposizione alle alte temperature.
Il telefono era di marca Motorola, ma la società che lo produce ha affermato che è "altamente improbabibile" che si trattasse di uno dei suoi prodotti, e ha chiesto se fosse un falso telefono Motorola o se sull'apparecchio fosse stata montata una batteria non originale. Il giovane deceduto si chiamava Xiao Jinpeng e lavorava in una fabbrica della contea di Gansu Jinta. Un suo collega ha raccontato che Xiao è deceduto quando il telofono nel taschino alto della camicia, è esploso improvvisamente dopo essere stato esposto ad alte temperature. Subito dopo l'esplosione, l'operaio è stato trasportato d'urgenza in ospedale dove è morto il giorno stesso.

Cina, uccide uomo con un bacio

Con all'avvivinarsi della fine dell'anno abbiamo deciso che nei prossimi giorni pubblicheremo sul nostro blog quelle notizie che durante l'anno ci hanno fatto sentire estremamente sottile il confine tra il mondo reale e quello dei fumetti, e per cominciare iniziamo da questa del 27 settembre 2007.

In Cina una donna è stata condannata a morte per aver ucciso il suo fidanzato. Tanto anomalo quanto fantasioso il metodo che la donna ha adottato per l'omicidio: ha infatti messo in bocca all'uomo una capsula di veleno mentre si baciavano. E' stato il quotidiano Shanghai Daily a riferire l'episodio. Il delitto sarebbe stato commesso per gelosia: Xia Xinfeng sospettava il fidanzato di infedeltà.
Eros e Thanatos, amore e morte. Il connubio tanto spesso esaltato in letteratura messo in pratica con uno stratagemma degno di un film di spionaggio alla James Bond. La gelosia rende ciechi ma Xia Xinfeng non ha perso un grammo di lucidità pianificando la morte del suo amante, Mao Asheng con freddezza e fantasia.E così il malcapitato, al culmine di quello che credeva essere un bacio appassionato si è ritrovato in gola una capsula di veleno per topi. Micidiale. La morte è sopraggiunta pressoché istantaneamente. Xia avrebbe deciso l'assassino dopo aver visto il suo fidanzato che "parlava" con un' altra donna. "I due - scrive il quotidiano - si erano detti che se uno dei due avesse tradito l'altro, avrebbe dovuto morire". Non si può dire che non l'avesse avvertito.
Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.